«

Dalla Forchetta - bosco della Murata - Il Canale - Cima Foltrone - Grotta dei Briganti

Itinerario di un certo impegno adatto ad escursionisti esperti. Bisogna porre  una certa attenzione in quanto si passa sotto balzi rocciosi, "le Murate" e poi ci si inserisce per un "Canale" in cui la caduta di massi e la forte acclività del terreno possono dare un po' di preoccupazione.
L'escursione, però regala emozioni forti per i panorami e gli ambienti a tratti molto suggestivi.

Visualizza in Google maps (clicca)

Scarica file gpx

 

L-Rifugio, D-La Forchetta, I-uscita dal bosco delle Murate, FJ- il Canale, C- fine cresta ne, B-abbandono sentiero n12, G-passo e grotta dei briganti, A- ritorno alla storica mulattiera Forchetta-Macchia.

Partenza ai 1280 mslm del rifugio, in 10 min si perviene alla "Forchetta" (1260 mslm) e poi tutta rapida salita fino ai 1721 m del Foltrone. Escursione breve ma intensa.

Rifugio poco sotto Pietra Stretta dove ha inizio l'itinerario.

Siamo alla "Forchetta" e subito cominciamo a salire in cerca dei segnali, rosso bianchi, nello splendido bosco della "Murata"

Si esce dal bosco, e ci si indirizza sotto i balzi rocciosi.

I ripidi pendii delle "Murate", i segni rosso-bianco vanno un po' cercati, anche se il tracciato è breve ed intuitivo.

Bisogna inserirsi sul canale di destra.

La salita è semplice l'unica preoccupazione i sassi.

si sale.

Stiamo per uscire. Nell'ultima parte i segni portano ad arrampicarsi sulla sinistra, a mio avviso è più sicuro rimanere al centro del canale superare le rocce e in poche decine di metri si è prossimi alla cima.

E ritornammo a riveder le stelle...

Dall'alto, ormai prossimi alla cresta finale,uno sguardo all'uscita del canale
La croce del Foltrone 1721 mslm.
Si riscende per la cresta nord-est.
Uno sguardo alla "Gemella" montagna dei Fiori, il suo versante sud e le gole del Salinello.
Arrivati al limite del bosco dalla cresta NE, si gira l'angolo a sinistra e quasi in piano si percorre il versante nord della montagna di Campli.
attraversamento di un bel brecciaio.
Stiamo quasi alla "sella degli spinaci"
si scende per il sentiero (segni gialli n 12 cai ascoli)
l'ambiente della Grotta dei briganti e sentiero del ritorno.
dopo aver lasciato il sentiero n12 ci si dirige verso la grotta dei briganti, qui siamo "al passo dei briganti"
nei pressi della grotta.
nei pressi della grotta, siamo di nuovo al bosco delle "Murate"
Sguardo di brigante: si domina il territorio, si è nascosti, e si può fuggire in ogni direzione nella montagna.
La mitica "Grotta dei Briganti". Ho spesso (anni fa) sentito raccontare che un tale di Guazzano si fosse arricchito in seguito al ritrovamento , in questa grotta, di un tesoro.
Si torna alla "Forchetta" il sentiero va quasi in piano,ma è un sottile filo tra i faggi.
Siamo tornati all'ampia mulattiera che dalla Forchetta si indirizza verso l'osso Caprino e Macchia.