Rolando Gandolfi

    Rolando Gandolfi - Biografia

Home page
 
Biografia

Opere
Mostre
Mostre

Contatti

Rolando Gandolfi è un artista istintivo che percorre con coerenza la sua strada di naturalista convinto, senza porsi problematiche di mode e di avanguardie. Ne è prova anche la scelta di vita operata già da diversi anni: infatti vive sull'Appennino, fra boschi e corsi d'acqua, lontano e noncurante dei confronti e delle competizioni che la vita metropolitana impone. Ho accettato di parlare di lui a condizione che mi venisse concesso di privilegiare l'aspetto umano dell'artista, evitando di addentrarmi nel settore critico e di invadere campi che non mi sono congeniali. Vedo Gandolfi uomo ed artista generoso, leale con colleghi ed amici, non toccato da invidie e rivalità; felice, anzi, quando può coinvolgerli nelle iniziative a carattere culturale che lui organizza.Rolando Gandolfi
Iniziative originali che offrono opportunità d'arte a pittori e scultori, riservando a sé stesso una collocazione marginale che lo pone sempre dopo gli altri. Una generosità inconsueta o per meglio dire veramente rara. E' recente il suo progetto di dotare di abbellimenti artistici le tredici fontane di Tolè, nel territorio del Comune di Vergato. Un'idea felice che, applicata alla ridente località dell'Appenninico la arricchirà di valori estetici e culturali che ne potenzieranno le attrazioni turistiche, attraverso esperienze di pittura murale e di affresco.Come pittore Gandolfi si colloca fra gli artisti strettamente legati al paesaggio. Ama dipingere "en plein air" perchè solo così è possibile catturare quelle emozioni che in modo personale - e nel suo stile molto materico - trasferisce sulla tela, enfatizzando luci e ombre con violacee trasparenze. Rolando Gandolfi Al di là dei boschi gli sono congeniali le rive sassose dei fiumi, che nel passato hanno ispirato grandi bolognesi come Bertelli e Scorzoni. Qui dà il meglio di sé, fissando brandelli di neve e di fango rimasti sugli argini dopo il disgelo.
Da pittore istintivo guarda e vede il mondo senza deformazioni di tipo intellettuale; non stravolge il reale ma lo filtra attraverso la sua spontanea sensibilità intimista, che lo tiene strettamente ancorato alla via che ha scelto di percorrere. Non gli importa entrare nella mischia dell'Arte attuale, ma preferisce voltarsi indietro per scorgere alle sue spalle l'ombra rassicurante degli impressionisti. E' un paesaggista sincero, che va per boschi, solitario, attento agli echi del mondo dell'Arte ma sedotto da quelli della Natura. E questo il mondo che lo cattura e dal quale fa bene a non discostarsi. Infatti ciò che più affascina nella pittura di Gandolfi è l'onestà con la quale traduce sulla tela i sentimenti e le impressioni che quotidianamente ricerca e vive sulle sue montagne.

Anna Baldi


Rolando Gandolfi con Luigi Ontani

Gandolfi e Ontani

Rolando Gandolfi con Vittorio Sgarbi
Gandolfi e Sgarbi

Rolando Gandolfi con Giorgio Celli e Pauletti
Gandolfi e Celli