Chiesa di San Michele Arcangelo

 

La chiesa primitiva  esisteva già nel 1500, com’è testimoniato nella bolla  di Papa Leone X, del 31 Luglio 1515, dove sono menzionate  le chiese che formano la “Insigne Collegiata di Santa Maria del Piano”. Tra queste, la chiesa di San Michele Arcangelo. Nel XVIII sec. la chiesa parrocchiale subì degli ampliamenti ed in particolare  fu arricchita di quattro cappelle, due a spese dell’Arciconfraternita e due a spese dei sacerdoti don Giuseppe Colucci e don Francescantonio Moscariello. Nel 1748  la chiesa, a spese della Congrega, fu abbellita con stucchi e il soffitto fu ornato di un dipinto di notevole pregio artistico.

 

La facciata

 La grande facciata a capanna, con due magnifici portali in pietra, cela la presenza delle due chiese, quella di San Michele Arcangelo e l’altra  di Santa Maria Addolorata. Il prospetto, unico, trattato con intonaco grezzo, tipico del luogo è disegnato a riquadri geometrici regolari. La simmetria della facciata è dettata dalla presenza del pannello di maioliche dipinte, realizzato agli inizi del secolo XX, raffigurante il Corpus Domini. Le altre due composizioni, anch’ esse in maioliche dipinte, cadono in corrispondenza dei portali delle rispettive chiese dedicate a San Michele Arcangelo e a Santa Maria dell’Addolorata. Dove ora è posto il riquadro del San Michele Arcangelo, originariamente, vi era una nicchia che ospitava la statua in pietra del Santo.

 

              

Il portale

 Realizzato in pietra locale, Il portale è composto di una cornice modanata la cui trabeazione, con cornicione lievemente aggettante, riporta sul fregio la scritta con la data d’ultimazione dell’Oratorio e sull’architrave, al centro, lo stemma dell’Arciconfraternita  che circoscrive i simboli della Passione di Cristo. La composizione del portale è completata dalla bellissima porta di legno di castagno intagliato a riquadri geometrici concentrici la cui combinazione riporta un rosone centrale.

 

L’interno

 L’aula di forma rettangolare ha un’abside a forma quadrata con cupola bassa  decorata a stucco sui cui angoli sono affrescati i quattro evangelisti (XVII sec.). Sulla parete  di fondo sono poste due formelle di fine XVII sec. recuperate dall’antica chiesa di San Simeone.

 

Nicchia laterale destra

 Sulle pareti della navata sono state aperte  due grandi  nicchie,  con capitelli in stile composito, decorate a stucco, che originariamente ospitavano gli altari anch’essi in stucco demoliti nel corso di recenti restauri. La nicchia di destra ospita la Madonna Immacolata.

 

Il crocifisso ligneo

 

Di notevole interesse artistico è il Crocifisso ligneo, posto sul lato destro della navata, d’autore ignoto. Originariamente era posto sull’altare; la datazione dell’opera  è incerta (XVIII sec. ?), ma risulta essere di pregevole fattura, l’intaglio denota la maestria dell’autore soprattutto nella fattezza dell’anatomia e delle vesti che, caso singolare,  riportano dipinti i colori ebraici.

 

L’Abside

 L’ abside, definita da una balaustrata di marmo, di semplice fattura, ospita, al centro, l’altare in marmi policromi che fu consacrato nel 1773 dal vescovo di Nusco  mons. Bonaventura; l’altare è sovrastato da una nicchia  decorata con bassorilievi in stucco, che conserva la statua di San Michele Arcangelo.

 

Il Soffitto

 Il soffitto piano dell’aula è in legno a riquadri geometrici  e riporta al centro una grande tela raffigurante “San Michele che caccia Lucifero”, datata 1748. L’autore, Lucantonio D’onofrio,  originario della provincia di  Benevento, fu probabilmente allievo del Solimena.

 

 

San Matteo

San Luca

San Marco

San Giovanni

Santa Caterina

Sant’Agata

 

Statua di San Michele

 L’antica statua in pietra di san Michele Arcangelo era collocata originariamente in una nicchia sulla facciata della chiesa dove ora è posto il pannello di maioliche dipinte raffigurante il santo. E’ probabile che la statua provenga da San Michele sul Gargano in quanto si riscontrano analogie con l’opera del Sansovino.

 

 

Torna all' Home Page