INDEX 2008INDEX 2009INDEX 2006INDEX 2005INDEX 2004  

ENIO HOME PAGE

PAGINE WEB VISTE  ATTRAVERSO  LE FOTOGRAFIE E GLI AVVENIMENTI DEL 2007 

 

 

 

 

ANTICHE FOTO DI TRENTO

Il mercato di Piazza Alessandro Vittoria, collegato con la vicina Piazza delle Erbe, offre poche merci sui banchi mobili. A riempire la piazza, di fatto, sono gli ombrelloni, le tende di tela ruvida, ma soprattutto lo sguardo lontano del giovan garzone, così concentrato e così smarrito. E il 1916, anno di guerra, anno di fame anche a Trenta, di totale incertezza sul futuro: e lo sguardo del giovane.....

 

TRENTO - CARNEVALE 2007

Ancora una volta sono in prima fila per l'annuale sfilata dei carri a Trento in occasione delle festività di Carnevale. Quest'anno l'evento è caratterizzata dalla presenza di migliaia di spettatori distribuiti su tutte le strade di Trento. I tredici carri che partecipano alla sfilata percorreranno un giro che partendo da Piazza Duomo, attraversando Via Caleppina, Via Manci e Via Belenzani ritorneranno in piazza dove verrà stabilita una graduatoria e scelto un vincitore.

 

 

GARDOLO - CARNEVALE 2007

Anche Gardolo ha accolto domenica pomeriggio una variopinta folla di mascherine e colori, che ha pacificamente invaso l'intero centro storico del paese per diverse ore. Sarà forse per il numero ormai molto cospicuo di residenti nel sobborgo (che quest'anno supereranno le 13.200 unità) o, più semplicemente, per l'impeccabile organizzazione messa in atto dal Comitato delle associazioni gardolesi.

 

 

SLIDE FOTO CARNEVALE TRENTO

Oltre ai tre carri vincitori ne sono stati segnalati anche altri due per la simpatia e per la maestria nella realizzazione del carro e per l'animazione: «El convent de Presan» del Gruppo giovani di Pressano e «Biancaneve e i 7 nani» del gruppo Amici di Caldonazzo. Bellissimi comunque anche tutti gli altri gruppi e carri che hanno animato il pomeriggio di carnevale nel centro storico.

 

 

SLIDE FOTO CARNEVALE GARDOLO

La mancanza totale di imprevisti ha confermato la bontà del carnevale gardolese «spalmato» su due distinte piazze, che riescono ad assecondare al meglio il divertimento di tutti: a unirle, un indistinto serpentone di colori, musiche e allegria.

 

30 Aprile e 1° MAGGIO  in  FLIULI

 

 

 

TRIESTE

La visita a Palmanova è terminata e si parte alla volta di Trieste, città che non ho mai visitato in passato. Oggi guida Donatella e io mi posso dedicare a guardare in giro la campagna che qui è ben tenuta e verdeggiante di fieno da tagliare e di spighe di grano che ormai rigogliose si avviano solo alla trebbiatura. Ci fermiamo ad una trattoria che in passato è stato molto frequentato da Donatella, data la sua vita da zingara venditrice in Friuli, per pranzare e per cenare.

 

 

AQUILEIA

Oggi 30 aprile 2007 si è deciso di andare a rivisitare il Friuli, una bellissima terra, dove ha vissuto per una decina d'anni, in giovinezza, la mia Donatella. E' lei quindi a farmi da navigatore, indicandomi la via. Partenza da Meano (TN) alle 9 di mattina, percorrendo le statali per arrivare alla nostra prima tappa nei pressi di Palmanova, dove pernotteremo all'albergo "Al Tai" e da lì visiteremo le cittadine vicine.

 

 

GRADO

La bellezza di Grado consiste nella possibilità di poter associare ad un periodo di spensierata vacanza con l'immersione in un mondo antico, ricco di suggestioni evocative e di fascino storico che qui all'Isola del Sole e d'Oro, mostra ampie ed eloquenti tracce. Grado soddisfa con stile e ospitalità il desiderio di relax, divertimento e benessere di tutti, grandi e piccoli. 

 

 

PALMANOVA

Sveglia alle 7:30 per la colazione e poi pronti a partire per la volta di Trieste. Prima di metterci sulla statale, come accennato, una visita alla piazza della città di Palmanova di giorno, per poter prendere delle istantanee, in condizioni di luce ideali, che saranno utili sia per descriverne la bellezza sia per il web. Questa è una città ricca di storia, passata e recente e negli anni ha fatto sempre parlare di se.

 

INDICE - ANNO 2006

 

La continuazione cronologica di questi indici si può anche fare cliccando sul link o sull'immagine quì a fianco.

 

2003 Viaggio visto da Donatella


Liberiamoci subito da uno stereotipo, da un luogo comune, da quel cliche' oleografico che descrive l'Abruzzo come una regione isolata per secoli, di cultura e costumi patriarcali, abitata, fino a pochi anni fa, da cafoni, pastori e greggi. L'Abruzzo barbaro e selvaggio, insomma, favoleggiato nel Libro segreto di D'Annunzio, dove gli avi "strozzavano i lupi, spennavano le aquile"... 
 

Palio delle Contrade

L'antica contrada San Benedetto ha riacciuffato il Palio delle Contrade Città di Trento per la quinta volta su sette edizioni disputate. Merito dell'arciere Cornelio «Cornelius» Tarter che nell'ultima prova, infilava con la freccia un uovo dipinto di rosso penzolante da una cordicella a una trentina di metri di distanza, ha centrato il bersaglio al primo colpo.

 

2007 Giro D'Italia

Nonostante questa sia la primavera più secca da decine e decine di anni, per il tappone dolomitico a Trento vien giù che Dio la manda. Eppure sono qui a migliaia, in piazza Duomo, dove è prevista la firma dei corridori. Una Trento che sembra anche più bella di quel che è, stracolma di mantellini e ombrelli colorati. Ci sono moltissimi bambini, certo. Ma anche diversi volti più o meno illustri.

 

Arti e Mestieri Medievali

Ieri, 8 settembre 2007, la fiera straordinaria di arti e mestieri medievali nell'ambito della settima edizione del Palio delle Contrade Città di Trento, ha riscosso un grande successo di pubblico. Erano quindi assiepate di folla soprattutto le bancarelle che in via Belenzani offrivano una dimostrazione dell'antica arte della seta,

 

La Tonca 25 giugno 2007


Come ogni anno anche quest'anno, in notturna alle 23 circa, il gusto di toncare è affidato a Luciano Gardin. La TONCA è la riproposizione di una pena inflitta ai bestemmiatori in uso a Trento tra il XIV e il XVII secolo. Il colpevole veniva immerso, dentro una gabbia, nelle acque gelide dell'Adige.

 

Il Giardino Dei Ciucioi

Scendendo giù dalla collina di Meano, si arriva attraversando il mitico ponte di ferro a Lavis centro che dista da Trento circa sette chilometri. E' una cittadina famosissima per il vino che viene quì prodotto e per le escursioni e le varie malghe che si incontrano risalendo l'Avisio. Io ne vorrei parlare ma solo perchè, ogni volta che vado da Claudio il dentista, attraversato il ponte di ferro

 

Il Maso del Diaol

 

È un bell' edificio settecentesco dalle forme simmetriche, isolato tra i vigneti che da Lavis portano a Pressano. Il suo nome: "maso del diavolo" è da ascrivere a una burla fatta dai "buli" di Pressano a delle loro compaesane che lavoravano presso la filanda Tambosi di Lavis. Era il 1893 e come ogni sera sei ragazze tornavano dal lavoro percorrendo la strada "Fondà". Era ormai buio e la via da percorrere risultava faticosa

 

Piramidi di Segonzano - Rivisitate

Domenica scorsa è venuto a trovarci Carlo e sua moglie Emy in occasione dell'autunno Trentino e per approvvigionarsi di vino locale, mele e carne salada. Il pomeriggio siamo andati in Val di Cembra, per una visita alle Piramidi di Segonzano. Per me è un ritornare per la terza volta in quanto nella prima, ho ammirato i monumenti naturali di pietra dal basso...

 

Autunno Tridentino 2007

Venerdì scorso è venuta a trovarci Alessandra in occasione della prima settimana dedicata all'autunno Trentino 2007, per curiosità, per procurarsi dei regalini di specialità del Trentino da distribuire ai suoi amici e per stare un paio di giorni con me e Donatella. Il pomeriggio siamo andati a fare un giretto a Riva del Garda e abbiamo fatto delle bellissime foto.

Gli Ori dei cavalieri delle Steppe

Il pomeriggio, visita alla mostra allestita al Castello del Buonconsiglio. Prezzo d'ingresso 6 Euro a persona, con la possibilità di visitare una delle mostre più "ricche" degli ultimi tempi: Gli Ori delle Steppe. La mostra-evento 2007 del Castello è dedicata a quel territorio aspro ma non privo di poesia che dalle foci del Danubio si estende fino al vasto cuore dell’Asia.

 

Alessandra-Visita a Insbruck

Partenza da Trento alle 10,30 destinazione Insbruck. Prendiamo l'autostrada a Mezzocorona e proseguiamo spediti fino a Bolzano senza intoppi o rallentamenti. I problemi incominciano nei pressi di Brixen, file a tratti lunghe una decina di chilometri e si procede a passo d'uomo per una bella oretta. Alla fine giungiamo all'uscita nei pressi del Ponte delle Alpi.

 

 

INDEX 2008INDEX 2009INDEX 2006INDEX 2005INDEX 2004

ENIO HOME PAGE