L'EREMO DI SAN LEONARDO (m. 1128)

All'imbocco della Val Tenna, sopra l'orrido Infernaccio, si sta realizzando, ormai da qualche decennio, un miracolo di Fede e coraggio. Dal 1971 padre Pietro, un frate Cappuccino, sta ricostruendo l'eremo sulle rovine dell'antica costruzione di epoca romanica (ci sono resti di mura risalenti al II°/III° secolo AC). Anticamente l'eremo sorgeva sulla via di comunicazione principale tra Montefortino e Visso, che all'epoca era anche una delle pochissime vie per attraversare i Sibillini da est ad ovest e viceversa. Un luogo bellissimo, ricco di storia e leggenda, scenario di antiche battaglie, su cui padre Pietro ha scritto un bellissimo libro dal titolo "Lassù sui monti", in cui racconta, in modo appassionato ed appassionante, le tante storie e leggende sui monti Sibillini apprese in tanti anni da vecchi montanari e pastori della zona; oltre a questo il frate racconta la sua bellissima e profonda esperienza, descrivendo il cammino che l'ha portato a lasciare tutto per dedicarsi anima e corpo (è proprio il caso di dirlo...) alla ricostruzione della chiesa che una volta sorgeva sul "Golubro" (l'Infernaccio).
Sospinto da una "Forza Misteriosa", innamorato di quei luoghi che sin da ragazzino sognava di conoscere ed esplorare, padre Pietro (Armando Lavini) sta riuscendo con l'aiuto del Signore (ci tiene molto a sottolinearlo!) in un'impresa che sembrava impossibile, specialmente per un piccolo frate solitario con tanta Fede e niente soldi; davanti ad un vecchio rudere sommerso da rovi ed arbusti, in un luogo pressocché inaccessibile specialmente d'inverno, il frate non si è perso d'animo e, pietra su pietra, ha ricostruito una "gemma preziosa" incastonata nel cuore dei monti Sibillini.
Caro padre Pietro, grazie di cuore.










IMMERSO NELLA SPLENDIDA FAGGETA DI SAN LEONARDO.




L'EREMO AI PIEDI DELLA PRIORA.


L'EREMO DIVERSI ANNI FA.


PADRE PIETRO COL MITICO TRATTORINO.


LA COPERTINA DEL LIBRO SCRITTO DA PADRE PIETRO.