MACCHINA INFERNALE

   

PROVA RIFLESSI

La realizzazione più complicata che ho progettato, a componenti discreti, é stata un prova riflessi interfacciato con una calcolatrice della Canon con stampa delle operazioni su carta.
Era l'ormai lontano 1979 quando il PC non era per tutti e i microcontrollori non esistevano ancora.
Sono stati montati su circuito stampato 42 integrati della serie SN74XX, 18 fotoaccoppiatori TIL111, 33 diodi 1N4148, 12 transistori BC109 più vari condensatori e resistenze oltre al raddrizzatore e regolatore 78H05 per la parte alimentazione.

Clicca per ingrandire
Foto su facebook         Disegno

Il circuito doveva generare casualmente eventi luminosi e sonori e valutare i tempi di reazione di chi premeva i pulsanti relativi agli eventi, trasferire il valore numerico alla calcolatrice con i comandi come se venissero premuti i pulsanti della stessa.
Si poteva impostare mediante commutatore, il ciclo desiderato fra quattro opzioni:
- 1) Solo eventi luminosi; con questa impostazioni la macchina generava con intervalli casuali solo eventi luminosi fino a quando il paziente premeva, entro un tempo utile selezionabile tra 40 o 80 mS, per un totale di dieci eventi.
- 2) Come al punto 1 ma per eventi sonori
- 3) Eventi casuali fra sonori e luminosi; anche per questo la macchina continuava a proporre eventi fino a quando per ogni tipo di evento non fosse stato valutato dieci tempi di reazione utili.
- 4) Tre cicli composti di tutti e tre i punti precedenti.

Al termine di tutti gli eventi, automaticamente impartiva i comandi alla calcolatrice per eseguire e stampare il numero degli eventi, quanti corretti, quanti errati come pigiata, come fuori tempo, la media totale e media di quelli corretti.

A titolo di curiosità il tempo di reazione di un individuo normale sollecitato da questi eventi (valutato da questa macchina) si aggira tra i 10 e 20 mS.

Ho dovuto aprire e ricostruirmi il funzionamento della calcolatrice capendo fra quali contatti far chiudere con i TIL111 per simulare la pigiata dei tasti x, +, #, ÷, *, M+ ecc...

Ho montato sperimentalmente su basette porta integrati (non conoscevo ancora le Bread Board) e saldato tutti i collegamenti; il complesso occupava tutto il banco di lavoro.

Pochi anni dopo lo stesso problema l'avrei risolto con banale programma in BASIC utilizzando gli ingressi della LPT per i pulsanti, un flash sul video per l'evento luminoso e un BIP dell'altoparlante per l'evento sonoro...

GLI INTEGRATI UTILIZZATI SONO:

Nr. 7 - SN7400 - quad 2 input NAND
Nr. 5 - SN7401 - quad 2 input NAND open colector
Nr. 5 - SN7404 - 6 inverter NOT
Nr. 2 - SN7410 - triplo 3 input NAND
Nr. 1 - SN7413 - dual 4 input schmit trigger
Nr. 1 - SN7420 - dual 4 input NAND
Nr. 4 - SN7432 - quad 2 input OR
Nr. 3 - SN7441 - 1 of 10 decoder
Nr. 7 - SN7490 - 4 bit decade conter
Nr. 3 - SN7493 - 4 bit binary conter
Nr. 1 - SN74154 - 1 of 16 decoder/demultiplexer
Nr. 2 - SN74279 - quad set-reset latch
Nr. 1 - NE555

Ho provato a scrivere un semplice programmino in Basic utilizzando come pulsanti le lettere della tastiera ''S'' per eventi sonori e ''L'' per eventi luminosi.
Funziona anche se ovviamente si può perfezionare la casualità e la stampa a video.
Visualizza listato.txt       Scarica listato.zip