Logo del sito i2viu

ALIMENTATORE CON REGOLATORE LM317
© by Vittorio Crapella - i2viu

Propongo lo schema classico di un alimentatore a tensione d'uscita variabile tra 1,2V a oltre 24V. Con l'aggiunta del transistore MJ4502 si incrementa la corrente d'uscita anche oltre i 5A purché l'aletta di raffreddamento sia adeguata considerando che per tensioni d'uscita basse il transistore deve dissipare potenze notevoli (Es: uscita 5V a 5A il transistore dovrà dissipare circa 20V x 5A = 100W).

Il trasformatore dovrà fornire in uscita 24V - 5A ma si può usare anche tensioni e correnti più piccole in base alle proprie esigenze ( Es: mi serve una uscita massima di 15Vcc allora userò un trasformatore da 15/18Vac).

Dimensionamento delle alette di raffreddamento    

LM317.gif-5k

REALIZZAZIONE PRATICA

Come si può osservare il montaggio viene realizzato direttamente sul dissipatore saldando i pochi componenti direttamente sui terminali del transistore e del regolatore LM317.

Non necessita di mica isolante né LM317 né il transistore MJ4502 perché le loro parti a contatto con l'aletta devono essere collegate elettricamente. La resistenza da 15 Ohm va messa da almeno mezzo W e il suo valore deriva dal fatto che essendo in parallelo ad un diodo e una giunzione base emettitore, avrà ai suoi capi una caduta di tensione di circa 0,8V e ipotizzando che al massimo possa circolare 0,4A (R=V/I). Queste condizioni si avranno quando  nella giunzione del diodo e della base emettitore circolerà circa la stessa corrente. La corrente del 4502 sarà Ib per il guadagno (ipotizzabile 11) cioè circa 4,4 A. Nel 317 circolerà una corrente pertanto vicino ad 0.8A e a quel punto comincerà ad entrare in limitazione quando 4,4 +0,8 = 5,2 A circa in uscita.

LM317al.gif-13k
Quando in uscita si preleva più corrente del dovuto (anche a causa di un corto accidentale) LM317 va in protezione e limita la sua corrente a valori non eccessivi ma in quelle condizioni può rimanere solo se il dissipatore smaltisce il calore e la temperatura dell'integrato non supera quella proibitiva di fusione delle giunzioni interne.

Si può prevedere un circuito che per i corto circuiti spegne tutto l'alimentatore.
prot317.gif
Per completare l'alimentatore si puó aggiungere pure uno strumento a display per la misura della tensione e della corrente inserito come qui indicato: LM317K
Come assemblarlo       Altri modi di protezione     

LIMITAZIONE IN CORRENTE CON PROTEZIONE TOTALE CON SCR E RELE'

LIMITAZIONE E PROTEZIONE C.C.       Vedi versione maggio 2011

VERSIONE CON PREREGOLAZIONE    Precedenti alimentatori con preregolazione prima del 317

Per avere tra VC1 e uscita sempre una caduta di tensione bassa di circa 4/5V  indipendente dalla regolazione in uscita così da avere sempre dissipazioni in calore relativamente basse anche a correnti di 5 A con Vout basse.

Verificato da Ermenegildo Dell'Angelo

[Return]           [Le mie pagine]          Pagine correlate          Altri regolatori di tensione