SCACCHI CHE PASSIONE

La formazione Maroczy

Home Page


Scegliere e studiare le aperture

Si chiama formazione Maroczy un centro di pedoni caratterizzato dai pedoni del Bianco in c4 ed e4 e dal fatto che il pedone d del Bianco è stato cambiato con quello c del Nero.  Tale struttura può scaturire principalmente dalla Siciliana o dall'Inglese ma a volte la si ottiene anche con altre aperture; ecco alcuni esempi:

  • 1.e4 c5 2.Cf3 Cc6 3.d4 cxd4 4.Cxd4 g6 5.c4 (Siciliana Dragone Accelerato, diag.1)
  • 1.e4 c5 2.Cf3 e6 3.d4 cxd4 4.Cxd4 a6 5.c4 (Siciliana Paulsen, diag. 2)
  • 1.c4 c5 2.Cf3 Cf6 3.g3 b6 4.Ag2 Ab7 5.Cc3 e6 6.0-0 a6 7.d4 cxd4 8.Dxd4 d6 9.e4 (Inglese Hedgehog, diag. 3)
  • 1.d4 Cf6 2.c4 e6 3.Cf3 b6 4.a3 Aa6 5.Dc2 Ab7 6.Cc3 c5 7.e4 cxd4 8.Cxd4 (Ovest Indiana Petrosian, diag. 4) 
   
1 - Siciliana Dragone Accelerato 2 - Siciliana Paulsen 3 - Inglese Hedgehog 4 - Ovest Indiana Petrosian

Nelle posizioni caratterizzate dalla formazione Maroczy, i pedoni c4 ed e4 esercitano un forte controllo sulla casa d5, ostacolando il tentativo del Nero di liberare la propria posizione mediante la spinta d5.  D'altra parte il Bianco per ottenere questi vantaggi rinuncia all'iniziativa dovuta al vantaggio del tratto.  
In generale nel giocare tali posizioni occorre tener presente che se il Nero rimane passivo, il vantaggio posizionale del Bianco alla lunga può risultare decisivo.

La formazione Maroczy può essere giocata sia in risposta a varianti nelle quali il Nero ha sviluppato l'Alfiere scuro in fianchetto, sia in risposta a varianti dove il Nero ha spinto in e6 e giocato l'Alfiere in e7.  La strategia di entrambi i colori è leggermente diversa nei due casi; di seguito sono proposte le principali idee da considerare in questo tipo di posizioni, fermo restando che la loro applicazione sulla scacchiera dipende dal calcolo delle varianti nella situazione specifica che si ha in partita.   

Aspetti da tener presente quando
il Nero ha sviluppato l'Alfiere scuro in fianchetto:
  • spesso una buona opzione per il Bianco è il salto del Cavallo in d5, che il Nero deve cercare di cambiare appena possibile;  
  • se la Donna nera è in a5 e quella bianca in d2, il finale risultante dopo Cd5 e Da5xd2 è favorevole al Bianco a meno che il Nero non abbia il controllo della colonna c;
  • il Nero deve cercare di realizzare la spinta di rottura in b5 mentre può considerare la spinta in f5 solo se è in grado di riprendere in f5 con il Cavallo;  invece arrivare alla spinta in d5, preparandola con e6, è di difficile realizzazione per il ritardo di sviluppo che ciò comporterebbe;
  • il Bianco deve sempre valutare la possibilità di pervenire alla spinta in c5;
  • se il Nero è ridotto in una posizione ristretta e le Donne sono ancora in gioco, il Bianco può valutare l'opzione di lanciare un attacco sull'ala di Re.
Aspetti da tener presente quando il Nero ha spinto in e6 e giocato l'Alfiere in e7:
  • il Nero deve cercare di realizzare la spinta di rottura in d5 o, se le circostanze lo consentono, in f5;
  • la spinta in c5 del Bianco può essere particolarmente efficace nei casi in cui il pedone d del Nero è ancora in d7;
  • sebbene la casa d5 sia difesa dal pedone e6, il salto del Cavallo in d5 rappresenta spesso una risorsa tattica a disposizione del Bianco;
  • sebbene il gioco sia sostanzialmente di tipo posizionale, è importante ricercare manovre di tipo attivo 
I temi descritti sono illustrati nelle seguenti partite.
Partita Apertura Temi
Karpov - Kavalek Dragone accelerato B36 Maroczy con fianchetto -  Cavallo in d5 
Tal - Ignatiev Dragone accelerato B36 Maroczy con fianchetto -  finale dopo Cd5 e cambio delle Donne
Lengyel - Geller Inglese simmetrica A39 Maroczy con fianchetto -  spinta del Nero in b5;
Polugaevski - Bednarski Dragone accelerato B36 Maroczy con fianchetto -  spinta del Nero in b5; controspinta in c5; Cavallo in d5 
Fischer - Rossetto Siciliana Paulsen B41 Maroczy con e6 - Cavallo in d5; spinta in c5
Adorjan - Portisch Siciliana Taimanov B44 Maroczy con e6 - spinta del Nero in d5