[successivo] [precedente] [inizio] [fine] [indice generale] [indice ridotto] [indice analitico] [home] [volume]


Capitolo 794.   Organizzazione e utilizzo del laboratorio con nanoLinux

Questo capitolo è un esempio di manuale descrittivo dell'organizzazione e dell'utilizzo di un laboratorio didattico realizzato attraverso nanoLinux. Si tratta precisamente di un laboratorio composto da un certo numero di elaboratori con indirizzi del tipo 172.17.1.*, dove 172.17.1.254 offre i servizi principali (compresa la condivisione della stampante) e funziona da router-NAT, mentre 172.17.1.253 offre dei servizi ausiliari.

Si ribadisce che questo capitolo mostra soltanto un esempio, attraverso il quale si può però comprendere meglio il senso e l'utilizzo di nanoLinux.


Il laboratorio è distribuito secondo una delle piantine che si può vedere nella figura successiva. Ogni elaboratore è distinto secondo il suo indirizzo IPv4 e possono essere usati dagli utenti tutti quelli che hanno indirizzi da 172.17.1.1 a 172.17.1.30, perché i due elaboratori 172.17.1.254 e 172.17.1.253 mettono a disposizione dei servizi indispensabili per la rete e non possono sostenere carichi ulteriori. Il sistema operativo utilizzato negli elaboratori è GNU/Linux.

Figura 794.1. Piantina del laboratorio, in due versioni alternative.

piantina del laboratorio

794.1   Avvio e arresto degli elaboratori del laboratorio

Il laboratorio è organizzato in modo da centralizzare la gestione delle utenze e dei dati personali; pertanto è necessario rispettare una sequenza di accensione e di spegnimento appropriate.

Per utilizzare il laboratorio è necessario:

  1. inserire l'alimentazione dal quadro elettrico:

    1. verificare che tutti gli interruttori del quadro elettrico siano disinseriti;

    2. inserire l'interruttore generale;

    3. inserire, uno alla volta, tutti gli altri interruttori;

  2. accendere l'elaboratore 172.17.1.254 e attendere che il sistema operativo sia avviato completamente;

  3. accendere l'elaboratore 172.17.1.253 e ogni altro elaboratore che si voglia utilizzare.

Se l'elaboratore 172.17.1.254 non si avvia, per qualunque ragione, gli altri elaboratori non sono utilizzabili.

Per ridurre l'incidenza di problemi legati all'integrità dei dati, si rende necessaria l'esecuzione di una scansione di controllo del disco con una frequenza abbastanza elevata, indipendentemente dal fatto che si siano manifestati dei problemi gravi.

Per terminare l'attività si procede in modo opposto:

  1. si arresta il sistema operativo degli elaboratori che hanno indirizzi da 172.17.1.1 a 172.17.1.253;

  2. si arresta il sistema operativo dell'elaboratore con indirizzo 172.17.1.254;

  3. si disinseriscono gli interruttori del quadro elettrico, cominciando da quelli periferici e concludendo con quello generale.

L'arresto del sistema operativo di tutti gli elaboratori accesi può essere comandato una volta per tutte dall'elaboratore 172.17.1.254, con la voce di menù apposita, come viene descritto nelle sezioni successive.

Gli elaboratori che per qualche ragione non iniziano la procedura di arresto del sistema operativo, possono essere forzati a farlo, selezionando una console (non grafica) e poi utilizzando la combinazione di tasti [Ctrl Alt Canc].

Al termine, anche l'elaboratore 172.17.1.254 deve essere spento (a meno che sia stato stabilito di lasciarlo acceso per qualche ragione particolare), cominciando dalla combinazione di tasti [Ctrl Alt Canc], come già descritto, prima di disattivare gli interruttori del quadro elettrico. Se per qualche motivo fosse stato stabilito di lasciare accesi alcuni elaboratori, dal quadro elettrico vanno staccati soltanto gli interruttori che servono; in particolare va lasciato inserito l'interruttore generale.

794.2   Utenze

Per poter utilizzare qualunque elaboratore del laboratorio, è necessario disporre di un'utenza personale, a cui è associata una parola d'ordine di riconoscimento:

login: rossimario[Invio]

Password: segretissimo[Invio]

Per sicurezza, l'inserimento della parola d'ordine viene fatto all'oscuro, senza nemmeno poter vedere quanti tasti sono stati premuti.

Le utenze devono essere personali e possono essere create solo da un «amministratore», ovvero da una persona che abbia i privilegi necessari per questo compito. La parola d'ordine viene decisa dallo stesso utente che deve usarla successivamente per identificarsi, il quale deve anche avere la cura di ricordarsela e di mantenerla segreta.

In base all'organizzazione del laboratorio, per poter cambiare la propria parola d'ordine è necessario chiedere aiuto all'amministratore.

Gli utenti del laboratorio devono essere ben consapevoli del fatto che alcune delle attività svolte sono annotate in un registro elettronico, che è pubblico nell'ambito della rete locale. I file di tale registro vengono conservati (salvo malfunzionamenti), per un tempo discreto e potrebbero servire per verificare l'utilizzo corretto del laboratorio stesso da parte di chi vi accede, benché tale ricerca sia comunque di una certa complessità. Anche per questa ragione è molto importante mantenere segreta la propria parola d'ordine di identificazione, inoltre non conviene abbandonare, anche solo temporaneamente, un elaboratore (o un terminale) lasciando attiva la propria sessione di lavoro.

Ogni utente dispone di una directory personale, ovvero di uno spazio per i propri dati personali. In base alle caratteristiche tecniche degli elaboratori disponibili, lo spazio concesso a ogni utente è di 50 000 000 byte. L'utilizzo dello spazio da parte di ogni utente deve essere tenuto sotto controllo, perché i programmi più comuni (come quelli di navigazione o quelli di automazione dell'ufficio) creano spesso in modo automatico dei file nella directory personale, in modo da conservare la configurazione particolare dell'utente. In caso di necessità, alla prima occasione, le utenze che utilizzano molto più spazio del consentito possono essere rimosse dall'amministratore senza preavviso, pertanto, gli utenti che si accorgono del problema e non sono in grado di ridurre lo spazio utilizzato, dovrebbero almeno chiedere aiuto.

In generale, pur non essendoci alcuna intenzione di danneggiare gli utenti del laboratorio, non è possibile dare alcuna garanzia che i dati vengano conservati integri nel tempo; inoltre, all'inizio di ogni anno scolastico vengono azzerate tutte le utenze. Pertanto, gli utenti che hanno la necessità di conservare i propri dati attraverso gli anni scolastici devono organizzarsi attraverso delle copie di sicurezza.

794.2.1   Registri

Per motivi didattici, dall'interno del laboratorio è possibile accedere all'indirizzo http://172.17.1.254/cgi-bin/var_log, dal quale è possibile leggere la maggior parte dei file delle registrazioni dell'elaboratore 172.17.1.254.

794.2.2   Studenti

Gli studenti che usufruiscono del laboratorio nell'ambito di esercitazioni didattiche programmate, devono utilizzare sempre lo stesso elaboratore o lo stesso terminale, a meno che sopravvengano delle esigenze particolari per cui il docente, o chiunque sia responsabile in quel momento, decida uno spostamento temporaneo.

Gli studenti sono tenuti ad avvisare tempestivamente l'insegnante quando si accorgono di un'anomalia o di un danneggiamento della propria stazione di lavoro.

794.3   Console e utilizzo di applicazioni grafiche

In generale le postazioni di lavoro normali attivano automaticamente il sistema grafico dopo l'identificazione dell'utente. Tuttavia, sono disponibili anche le console virtuali tradizionali (a caratteri, senza grafica). Le console virtuali sono raggiungibili con le combinazioni di tasti [Ctrl Alt F1], [Ctrl Alt F2], fino a [Ctrl Alt F6]; inoltre, la combinazione [Ctrl Alt F7] riporta alla sessione di lavoro grafica.

In caso di necessità, durante il funzionamento in modalità grafica, è possibile eliminare il processo elaborativo del sistema grafico X attraverso la combinazione di tasti [Ctrl Alt Backspace] (ovvero [Ctrl Alt <---]).

Il sistema grafico è organizzato in modo da non avere «oggetti» (gadget) superflui. Tra le altre cose, ciò consente di ottenere il massimo delle prestazioni dall'elaboratore senza sprechi. Per questa ragione, il puntatore grafico del mouse non mostra clessidre o altro per indicare l'aumento dell'attività del sistema operativo; quindi, quando si avvia un'applicazione, occorre aspettare un momento prima di poterla vedere apparire.

794.4   Stampa

Sono disponibili due stampanti, collegate rispettivamente all'elaboratore 172.17.1.254 e 172.17.1.253. La stampa presso tutti gli elaboratori avviene in modo predefinito utilizzando la stampante collegata all'elaboratore 172.17.1.254; mentre la stampante ausiliaria viene utilizzata solo durante l'uso dell'elaboratore 172.17.1.253. In caso di avaria della stampante principale, la stampante ausiliaria viene collegata all'elaboratore 172.17.1.254.

794.5   Elaboratori in difficoltà

Nel caso qualche elaboratore destinato agli utenti del laboratorio avesse qualche problema ad avviare il sistema operativo dal disco, questi potrebbero essere avviati attraverso la rete, selezionando tale funzione al momento dell'avvio. Tuttavia, tale modalità di funzionamento deve essere solo eccezionale, perché ciò appesantisce ulteriormente il carico di lavoro degli elaboratori che svolgono il ruolo di serventi per la rete locale.

794.6   Accesso a Internet

L'accesso a Internet avviene attraverso l'elaboratore con indirizzo 172.17.1.254, il quale svolge il compito di router e di proxy trasparente (ciò in particolare allo scopo di ridurre il carico della rete quando si eseguono accessi agli stessi indirizzi). La funzionalità di proxy include anche un filtro dei contenuti.

794.7   Amministrazione del laboratorio

Oltre al responsabile del laboratorio, altre persone potrebbero eseguire alcune operazioni legate all'amministrazione tecnica dello stesso, per evitare di dover dipendere da un solo responsabile per ogni cosa.

Queste persone possono utilizzare l'utenza admin0, o altra utenza convenuta con il responsabile, presso l'elaboratore con indirizzo 172.17.1.254 (localmente o a distanza). Ciò consente di raggiungere un menù di funzioni prestabilito, come si vede nella figura seguente, che può contenere più voci se ci si trova presso la console dell'elaboratore principale:

.----------------------Admin menu------------------------.
| Admin limited menu                                     |
| .----------------------------------------------------. |
| |   adduser         Add a new user                   | |
| |   passwd          Change a user's password         | |
| |   user info       Show user info                   | |
| |   home info       Show home directory info         | |
| |   quota report    Show sorted user's quota         | |
| |   custom1         Custom script 1                  | |
| |   custom2         Custom script 2                  | |
| |   custom3         Custom script 3                  | |
| |   exit            Quit                             | |
| `----------------------------------------------------' |
|--------------------------------------------------------|
|              <  OK   >       <Annulla>                 |
`--------------------------------------------------------'

Attraverso questo menù è possibile, in particolare, aggiungere un'utenza, cambiare la parola d'ordine di un utente che ne fa richiesta e verificare la configurazione delle utenze.

Tabella 794.3. Descrizione delle funzioni disponibili all'utente admin0.

Funzione Descrizione
adduser
Consente di aggiungere un'utenza al sistema.
printer access
Controlla gli accessi al servizio di stampa.
user info
home info
Consente di avere informazioni su un'utenza.
quota report
Mostra l'elenco delle quote degli utenti, ordinata in modo decrescente per quantità di spazio utilizzato.
proxy access
Controlla gli accessi al servizio proxy HTTP.
proxy filter
Definisce a chi deve essere applicato il filtro dei contenuti tramite DansGuardian.
lprm
Elimina la coda di stampa.
gpm restart
Riavvia il demone per la gestione del mouse.
custom1
Ricostruisce i collegamenti tra studenti e insegnanti, per lo scambio di verifiche e di strumenti didattici.
exit
Esce dal menù.

Eventualmente, presso gli altri elaboratori è possibile usare la stessa utenza admin0 per un insieme alternativo di funzionalità:

.------------------Admin menu--------------------.
| Local admin limited menu                       |
| .--------------------------------------------. |
| |   gpm restart  Restart the mouse service   | |
| |   exit         Quit                        | |
| `--------------------------------------------' |
|------------------------------------------------|
|           <  OK  >      <Cancel>               |
`------------------------------------------------'

794.7.1   Procedura per l'aggiunta di un utente

Dal momento che si prevede la presenza simultanea di un gran numero di utenze, si richiede a chi interviene per aggiungerne di nuove di farlo con un certo ordine.

Per prima cosa si conviene che il nominativo scelto dall'utente cominci con il cognome e continui, possibilmente, con il nome (per esempio «rossimario»), tenendo conto che si possono usare al massimo 16 caratteri alfabetici e numerici (lettere dalla «a» alla «z», minuscole, cifre da zero a nove).

Una volta inserito il nominativo, è necessario stabilire una sigla che viene usata per classificare l'utenza. Nel caso degli studenti che usano comunemente il laboratorio, va usata la sigla della classe (compresa la sezione e una lettera per distinguere il corso di studi) seguita dall'anno scolastico. La tabella seguente riepiloga alcuni esempi.

Tabella 794.5. Esempi di sigle da usare per raggruppare le utenze secondo il contesto per il quale vengono create.

Esempio Contesto
5A0708
Utenze annuali, riferite agli alunni di 5A, create nell'anno scolastico 2007/2008, dove non è necessario specificare il corso di studi.
4AS0708
Utenze annuali, riferite agli alunni di 4A, corso «S», create nell'anno scolastico 2007/2008.
DOCENTI0
Utenze riferite ai docenti, da conservare attraverso gli anni scolastici.
ITP00000
Utenze riferite agli insegnanti tecnico-pratici, da conservare attraverso gli anni scolastici.
TECNICI0
Utenze riferita ai tecnici, da conservare attraverso gli anni scolastici.
COLLSCOL
Utenze riferite ai tecnici, da conservare attraverso gli anni scolastici.
SEGRETER
Utenze riferite al personale di segreteria, da conservare attraverso gli anni scolastici.
DSGA0000
Utenza riferita al direttore dei servizi generali e amministrativi, da conservare attraverso gli anni scolastici.
DIRIGENT
Utenza riferita al dirigente scolastico, da conservare attraverso gli anni scolastici.

Quando viene richiesto di inserire un utente, il programma che si occupa di questo consente di aggiungere dei dati ulteriori all'interno di un campo aggiuntivo. Ciò va usato per indicare i dati significativi dell'utenza, in base al contesto di utilizzo. Seguono due esempi; il primo riferito all'utente Mario Rossi che è uno studente di 5A «igea», il secondo riferito al professor Sempronio Dicembrino che è docente di economia aziendale:

.------------Add a new user---------------.
| Please insert the new user name (only   |
| lower case letters and numbers, max 16  |
| characters):                            |
| |1234567890123456|                      |
| .-------------------------------------. |
| |                                     | |
| `-------------------------------------' |
|-----------------------------------------|
|         <  OK  >     <Cancel>           |
`-----------------------------------------'

rossimario<OK>

.--------Classify user-----------.
| Please select a hierarchy name |
| for the user: it will be used  |
| as an intermediate directory   |
| after "/home/".                |
| .----------------------------. |
| |   new      add a new one   | |
| |   4AI0708   /home/4A0708   | |
| |   4BI0708   /home/4B0708   | |
| `----------------------------' |
|--------------------------------|
|     <  OK   >   <Annulla>      |
`--------------------------------'

Non essendo già stata prevista la classificazione 5AI0708, si seleziona la voce new per passare all'inserimento manuale:

.--------------------Classify user-----------------------.
| Please insert a hierarchy name for the user: it will   |
| be used as an intermediate directory after "/home/".   |
| Please insert only upper case letters and digits (A-Z, |
| 0-9; min 4, max 8 characters):                         |
| |12345678|                                             |
| .----------------------------------------------------. |
| |2007                                                | |
| `----------------------------------------------------' |
|--------------------------------------------------------|
|               <  OK   >        <Annulla>               |
`--------------------------------------------------------'

Viene cancellato il valore predefinito e viene assegnata la sigla 5AI0708:

[Canc][Canc][Canc][Canc]

5AI0708<OK>

.-------Full user name----------.
| Please insert the user full   |
| name and maybe some more data |
| to identify it.               |
| .---------------------------. |
| |                           | |
| `---------------------------' |
|-------------------------------|
|     <  OK  >   <Cancel>       |
`-------------------------------'

Vengono richiesti alcuni dati addizionali, che è bene compilare per poter individuare correttamente l'utente:

studente Rossi Mario 5A igea 2007/2008[Invio]

Adding user `rossimario'...
Adding new group `rossimario' (1000).
Adding new user `rossimario' (1000) with group `rossimario'.
Creating home directory `/home/5AI0708/rossimario'.
Copying files from `/etc/skel'

Al termine viene richiesto di inserire per due volte la parola d'ordine, cosa che deve essere fatta direttamente dalla persona per la quale si crea l'utenza.

.--------New password---------.
| Please insert the new       |
| password for user           |
| "rossimario" width home     |
| directory                   |
| "/home/5AI0708/rossimario": |
| .-------------------------. |
| |************             | |
| `-------------------------' |
|-----------------------------|
|    <  OK  >  <Cancel>       |
`-----------------------------'

L'inserimento corrisponde alla visualizzazione di una serie di asterischi.

.--------New password---------.
| Please insert again the     |
| new password for user       |
| "rossimario" width home     |
| directory                   |
| "/home/5AI0708/rossimario": |
| .-------------------------. |
| |************             | |
| `-------------------------' |
|-----------------------------|
|    <  OK  >  <Cancel>       |
`-----------------------------'

Dopo l'inserimento, per due volte, della parola d'ordine, se tutto è stato fatto senza errori, soprattutto se la parola d'ordine è stata inserita correttamente, si può stampare un promemoria, presso la stampante predefinita (secondo la configurazione dell'elaboratore):

.----------print------------.
| Should I print the user   |
| data?                     |
|---------------------------|
|   <  Yes  >  <  No  >     |
`---------------------------'

Al termine si può procedere con l'utente successivo:

.------------Add a new user---------------.
| Please insert the new user name (only   |
| lower case letters and numbers, max 16  |
| characters):                            |
| |1234567890123456|                      |
| .-------------------------------------. |
| |                                     | |
| `-------------------------------------' |
|-----------------------------------------|
|         <  OK  >     <Cancel>           |
`-----------------------------------------'

Passando all'inserimento dell'utente «Sempronio Dicembrino», la somma di cognome e nome sarebbe troppo lunga, pertanto si concorda con l'utente di usare il nominativo dicembrinosempro:

dicembrinosempro<OK>

.--------Classify user-----------.
| Please select a hierarchy name |
| for the user: it will be used  |
| as an intermediate directory   |
| after "/home/".                |
| .----------------------------. |
| |   new      add a new one   | |
| |   4A0708   /home/4A0708    | |
| |   4B0708   /home/4B0708    | |
| |   5A0708   /home/5A0708    | |
| `----------------------------' |
|--------------------------------|
|     <  OK   >   <Annulla>      |
`--------------------------------'

Non essendo già stata prevista la classificazione DOCENTI0, si seleziona la voce new per passare all'inserimento manuale:

.--------------------Classify user-----------------------.
| Please insert a hierarchy name for the user: it will   |
| be used as an intermediate directory after "/home/".   |
| Please insert only upper case letters and digits (A-Z, |
| 0-9; min 4, max 8 characters):                         |
| |12345678|                                             |
| .----------------------------------------------------. |
| |2007                                                | |
| `----------------------------------------------------' |
|--------------------------------------------------------|
|               <  OK   >        <Annulla>               |
`--------------------------------------------------------'

Viene cancellato il valore predefinito e viene assegnata la sigla DOCENTI0:

[Canc][Canc][Canc][Canc]

DOCENTI0<OK>

.-------Full user name----------.
| Please insert the user full   |
| name and maybe some more data |
| to identify it.               |
| .---------------------------. |
| |                           | |
| `---------------------------' |
|-------------------------------|
|     <  OK  >   <Cancel>       |
`-------------------------------'

prof. Dicembrino Sempronio economia aziendale 2007/2008[Invio]

Adding user dicembrinosempro...
Adding new group dicembrinosempro (1004).
Adding new user dicembrinosempro (1004) with group dicembrinosempro.
Creating home directory /home/DOCENTI0/dicembrinosempro.
Copying files from /etc/skel
.------------New password------------.
| Please insert the new              |
| password for user                  |
| "dicembrinosempro" width           |
| home directory                     |
| "/home/DOCENTI0/dicembrinosempro": |
| .--------------------------------. |
| |************                    | |
| `--------------------------------' |
|------------------------------------|
|         <  OK  >   <Cancel>        |
`------------------------------------'
.------------New password------------.
| Please insert again the new        |
| password for user                  |
| "dicembrinosempro" width home      |
| directory                          |
| "/home/DOCENTI0/dicembrinosempro": |
| .--------------------------------. |
| |************                    | |
| `--------------------------------' |
|------------------------------------|
|         <  OK  >   <Cancel>        |
`------------------------------------'

Al termine, dopo la conferma dell'inserimento della parola d'ordine e dopo aver deciso se stampare o meno il promemoria, non dovendo inserire altri utenti, basta concludere selezionando il pulsante grafico <Cancel>.

Quando si tenta di inserire un nominativo utente molto lungo, è probabile che l'operazione si concluda ugualmente con successo, ma ciò avviene perché il programma riduce automaticamente il nome ai primi 16 caratteri. Pertanto, se si inserisce il nominativo «dicembrinosempronio» si ottiene in pratica l'utente «dicembrinosempro». Di questo occorre tenerne conto, perché poi gli utenti chiedono aiuto quando non riescono ad accedere al sistema; in tal caso basta dire loro di riprovare con i soli primi 16 caratteri del nominativo presunto.

794.7.2   Controllo dei servizi

Presso l'elaboratore 172.17.1.254 sono presenti diversi servizi per la rete locale, compreso quello di stampa e un proxy HTTP trasparente. L'accesso a questi servizi può essere controllato, per impedire ad alcuni elaboratori di stampare o di accedere a servizi HTTP esterni con il navigatore. Ciò che si imposta in questo modo, rimane, anche al riavvio dell'elaboratore 172.17.1.254, pertanto è necessario sapere come ripristinare o comunque regolare tali servizi.

Dal menù si seleziona la voce {printer access} per il controllo dell'utilizzo della stampante, oppure la voce {proxy access} per il controllo dell'accesso ai servizi esterni HTTP e {proxy filter} per il controllo del filtro dei contenuti. In entrambi i casi si ottiene un elenco degli elaboratori che possono essere abilitati o disabilitati; l'esempio seguente riguarda il caso del proxy HTTP:

.----------HTTP proxy access permissions-------------.
| Please, select or deselect who can access to the   |
| HTTP proxy:                                        |
| .------------------------------------------------. |
| | [ ] DENY_ALL       reset to no access allowed  | |
| | [ ] ALLOW_ALL      reset to all access allowed | |
| | [X] 172.17.1.1     allow_172.21.1.1            | |
| | [ ] 172.17.1.10    allow_172.21.1.10           | |
| | [X] 172.17.1.11    allow_172.21.1.11           | |
| | [ ] 172.17.1.12    allow_172.21.1.12           | |
| | [ ] 172.17.1.13    allow_172.21.1.13           | |
| | [ ] 172.17.1.14    allow_172.21.1.14           | |
| | [ ] 172.17.1.15    allow_172.21.1.15           | |
| | [ ] 172.17.1.16    allow_172.21.1.16           | |
| | [ ] 172.17.1.17    allow_172.21.1.17           | |
| | [ ] 172.17.1.18    allow_172.21.1.18           | |
| | [ ] 172.17.1.19    allow_172.21.1.19           | |
| | [X] 172.17.1.2     allow_172.21.1.2            | |
| | [ ] 172.17.1.20    allow_172.21.1.20           | |
| | [ ] 172.17.1.21    allow_172.21.1.21           | |
| `-----v(+)---------------------------------------' |
|                                                    |
|----------------------------------------------------|
|             <  OK  >         <Cancel>              |
`----------------------------------------------------'

Per selezionare o deselezionare una voce, basta premere la barra spaziatrice quando quella che si desidera è evidenziata; per confermare le selezioni fatte, si seleziona il pulsante <OK>. Nell'esempio è in evidenza la richiesta di attivare il collegamento per gli elaboratori 172.17.1.1, 172.17.1.2 e 172.17.1.11.

794.7.3   Controllo del numero massimo di pagine stampabili per volta

Presso ogni singolo elaboratore è possibile stabilire il numero massimo di pagine che possono essere stampate per volta. Dal menù si seleziona la voce {print maxpages} e si ottiene una mascherina in cui appare il limite precedente e si può dichiarare il limite nuovo:

.----------------Set max lpr/lp printable pages------------------.
| Please insert how many pages are allowed to be printed for any |
| single print; if you enter zero or you leave blank, there is   |
| no limit:                                                      |
| .------------------------------------------------------------. |
| |11                                                          | |
| `------------------------------------------------------------' |
|                                                                |
|                                                                |
|----------------------------------------------------------------|
|                   <  OK  >          <Cancel>                   |
`----------------------------------------------------------------'

Dopo aver modificato il valore, basta confermare selezionando il pulsante <OK>. Nell'esempio appare un limite di 11 pagine.

794.8   Utilizzo di elaboratori estranei al laboratorio

Se per qualche ragione devono essere usati nel laboratorio degli elaboratori diversi da quelli previsti, collegandoli alla rete, è necessario provvedere alla configurazione dell'interfaccia di rete e all'instradamento necessari, sapendo che:

794.9   Licenze

Salvo indicazione diversa, nel laboratorio viene usato software libero che risponde alle linee guida DFSG (Debian free software guidelines), citate nella sezione 794.9.1 (il testo originale si trova presso <http://www.debian.org/social_contract#guidelines>); oltre al software è disponibile anche documentazione che, pur non essendo modificabile, può essere riprodotta senza oneri.

794.9.1   The Debian Free Software Guidelines (DFSG)(1)

  1. Free Redistribution

    The license of a Debian component may not restrict any party from selling or giving away the software as a component of an aggregate software distribution containing programs from several different sources. The license may not require a royalty or other fee for such sale.

  2. Source Code

    The program must include source code, and must allow distribution in source code as well as compiled form.

  3. Derived Works

    The license must allow modifications and derived works, and must allow them to be distributed under the same terms as the license of the original software.

  4. Integrity of The Author's Source Code

    The license may restrict source-code from being distributed in modified form _only_ if the license allows the distribution of "patch files" with the source code for the purpose of modifying the program at build time. The license must explicitly permit distribution of software built from modified source code. The license may require derived works to carry a different name or version number from the original software. (This is a compromise. The Debian group encourages all authors not to restrict any files, source or binary, from being modified.)

  5. No Discrimination Against Persons or Groups

    The license must not discriminate against any person or group of persons.

  6. No Discrimination Against Fields of Endeavor

    The license must not restrict anyone from making use of the program in a specific field of endeavor. For example, it may not restrict the program from being used in a business, or from being used for genetic research.

  7. Distribution of License

    The rights attached to the program must apply to all to whom the program is redistributed without the need for execution of an additional license by those parties.

  8. License Must Not Be Specific to Debian

    The rights attached to the program must not depend on the program's being part of a Debian system. If the program is extracted from Debian and used or distributed without Debian but otherwise within the terms of the program's license, all parties to whom the program is redistributed should have the same rights as those that are granted in conjunction with the Debian system.

  9. License Must Not Contaminate Other Software

    The license must not place restrictions on other software that is distributed along with the licensed software. For example, the license must not insist that all other programs distributed on the same medium must be free software.

  10. Example Licenses

    The "GPL", "BSD", and "Artistic" licenses are examples of licenses that we consider "free".

Figura 794.23. Piantina del laboratorio per le annotazioni riferite alle varie postazioni.

piantina del laboratorio

Figura 794.24. Piantina del laboratorio per le annotazioni riferite alle varie postazioni.

piantina del laboratorio

Figura 794.25. Scheda per le annotazioni riferite all'uso del laboratorio.

scheda registro

Figura 794.26. Mappa per l'uso della tastiera. Si può stampare una mappa di questa tastiera a partire da <allegati/a2/mappa-della-tastiera-italiana.ps>.

tastiera estesa


1) Citazione da <http://www.debian.org/social_contract#guidelines>


Appunti di informatica libera 2008 --- Copyright © 2000-2008 Daniele Giacomini -- <appunti2 (ad) gmail·com>


Dovrebbe essere possibile fare riferimento a questa pagina anche con il nome organizzazione_e_utilizzo_del_laboratorio_con_nanolinux.htm

[successivo] [precedente] [inizio] [fine] [indice generale] [indice ridotto] [indice analitico] [home]

Valid ISO-HTML!

CSS validator!

Gjlg Metamotore e Web Directory