[successivo] [precedente] [inizio] [fine] [indice generale] [indice ridotto] [indice analitico] [home] [volume]


Capitolo 784.   nanoLinux: posta elettronica

nanoLinux è organizzato in modo tale da gestire la posta elettronica all'interno di una rete locale, eventualmente anche quando è avviato da un file system in sola lettura, come i DVD live, ma in tal caso deve essere avviato espressamente. Inoltre sono disponibili pochi MUA per la lettura e l'invio dei messaggi, ma organizzati per gestire i file nello stesso modo, così da essere intercambiabili. Pertanto si può usare indifferentemente Mailx, Mutt o Balsa, senza che l'utilizzo di uno intralci quello dell'altro.

Tabella 776.8. Script nanorc: configurazione della gestione della posta elettronica.

Comando Descrizione
nanorc mta config
Configurazione automatica del MTA locale.
nanorc mta domain
Configurazione automatica del MTA locale, specificando il nome di dominio della posta locale.
nanorc var-mail fix
Aggiusta il collegamenti simbolici all'interno della directory /var/mail/.

Va osservato che usando nanoLinux nella didattica, la presenza di un sistema di posta elettronica interno alla rete locale può essere problematico, in quanto gli utenti (gli studenti), potrebbero scambiarsi agevolmente i file delle verifiche. Pertanto, in questo caso particolare, può essere opportuno disabilitarlo.

784.1   Servente SMTP

nanoLinux prevede un MTA per l'invio e il recapito della posta elettronica (si tratta precisamente di Postfix) che risulta configurato in modo da consentire l'invio di messaggi anche a nodi identificati attraverso il numero dell'indirizzo IP, secondo un formato simile all'esempio seguente, dove va osservata la necessità delle parentesi quadre per delimitare l'indirizzo:

tizio@[192.168.1.2]

In questo modo, si può usare Mailx (il programma mail) per inviare dei messaggi ad altri elaboratori in cui è in funzione nanoLinux, senza bisogno di allestire un servizio di risoluzione dei nomi.

Con questo tipo di impostazione, l'invio di messaggi a indirizzi di posta elettronica pubblici potrebbe risultare impedito da parte dei serventi SMTP remoti, a causa dell'impossibilità di risolvere il dominio di origine, oppure i messaggi potrebbero essere intercettati ed eliminati da programmi «anti spam».

Perché il servizio MTA funzioni correttamente, è necessaria la sua configurazione che si può rigenerare automaticamente con il comando nanorc mta config. Se però la rete si configura automaticamente (con il protocollo DHCP), anche la configurazione del servizio MTA viene aggiornata al volo.

Quando si installa nanoLinux e si dispone di un nome di dominio, al posto di nanorc mta config, conviene usare nanorc mta domain, con il quale si definisce un nome di dominio principale e altri eventuali domini locali. Il dominio principale viene poi usato anche per comporre il mittente dei messaggi uscenti:

nanorc mta domain[Invio]

Figura 784.2. Come si presenta lo script che si occupa di modificare il dominio nel mittente dei messaggi di posta elettronica che vengono inviati.

.------------------------------email domains--------------------------------.
| Please, specify the email domains for local users.                        |
|                                                                           |
| If the value is empty, the sender address is defined automatically;       |
| if you don't want to go on, just press [Ctrl+c], or select the            |
| <Cancel> button to abort the process.                                     |
| .-----------------------------------------------------------------------. |
| |dinkel.brot.dg roggen.brot.dg                                          | |
| `-----------------------------------------------------------------------' |
|---------------------------------------------------------------------------|
|                      <  OK  >                <Cancel>                     |
`---------------------------------------------------------------------------'

Il fatto di indicare un dominio per la posta elettronica significa che viene attribuito a tutti gli utenti locali. Per esempio, se viene usato il dominio dinkel.brot.dg per primo, come si vede nella figura, l'utente tizio che scrive ottiene nel mittente l'indirizzo tizio@dinkel.brot.dg.

Supponendo di allestire una rete locale con elaboratori contenenti nanoLinux, compreso quello che svolge il ruolo di router NAT, se all'indirizzo IPv4 esterno è associato un nome di dominio valido, questo è quello che può essere usato, per poter poi essere anche raggiungibili dai corrispondenti esterni. In tal caso, però, volendo scrivere anche a utenti interni alla rete locale, occorre predisporre un sistema NIS+NFS, perché ogni elaboratore ritiene che il dominio sia locale e di conseguenza che i messaggi per questo siano da recapitare localmente.

Per approfondire l'argomento si può consultare la parte liii dedicata alla gestione della posta elettronica.

784.1.1   MTA e Procmail

La configurazione del servizio MTA, generata nei modi descritti, prevede l'utilizzo di Procmail per il recapito locale. Il funzionamento di Procmail dipende dalla configurazione che ogni utente definisce nel file ~/.procmailrc, ma alla creazione delle utenze è già disponibile un file predisposto correttamente.

Se un utente modifica erroneamente il file ~/.procmailrc o lo cancella, può sempre ripristinarlo copiandolo da /etc/skel/.procmailrc.

784.2   POP3

È disponibile un servente POP3, a scopo didattico, per consentire il prelievo della posta da parte degli utenti comuni. Nel caso si voglia usare Mozilla per leggere i messaggi di posta ricevuti, si può fare riferimento al servente POP3 presso l'elaboratore locale (localhost).

Il servente POP3 in questione ha la necessità di trovare nella propria directory /var/mail/ un collegamento simbolico per ogni utente, che punti al file ~/mail/mbox rispettivo. Questo collegamento simbolico viene creato automaticamente al momento della creazione dell'utente (con nanorc user add), ma tutti i collegamenti possono essere rigenerati con il comando nanorc var-mail fix:

nanorc var-mail fix[Invio]

Il comando va a leggere il file /etc/passwd per determinare quali collegamenti devono essere presenti. In tal modo, se si usa il NIS per condividere le utenze, questo comando può funzionare solo dove le utenze vengono gestite, pertanto solo lì si può accedere con il protocollo POP3.

Per approfondire l'argomento si può consultare il capitolo 323.

784.3   La posta elettronica e i collegamenti saltuari

Quando non si può gestire localmente un servente SMTP sempre in funzione, si utilizza normalmente un indirizzo di posta elettronica corrispondente a una casella collocata presso un elaboratore esterno; pertanto, con nanoLinux è possibile scaricare la posta remota attraverso Fetchmail (capitolo 323). Lo scarico della posta si può fare sia quando si usa nanoLinux con un file system in sola lettura (DVD), sia quando il sistema operativo è stato installato regolarmente nel disco fisso:

fetchmail -k -u tizio box.brot.dg[Invio]

L'esempio mostra il caso di una persona che ha l'utenza tizio presso l'elaboratore box.brot.dg, il quale viene interpellato in qualità di servente POP3 o IMAP.

Si osservi che ci sono fornitori di accesso a Internet che per accedere alla casella di posta richiedono l'indicazione dell'indirizzo di posta elettronica completo; per esempio tizio@brot.dg. In tal caso, il comando va modificato di conseguenza:

fetchmail -k -u tizio@brot.dg box.brot.dg[Invio]

Nei due esempi mostrati appare l'uso dell'opzione -k che garantisce di prelevare solo una copia dei messaggi, senza eliminarli dal servente remoto. Se si sta utilizzando una copia installata di nanoLinux, si potrebbe decidere di scaricarli definitivamente, anche usando l'opzione -a se necessario.

Come si può intuire, in questo modo l'utilizzatore acquisisce i messaggi presso la propria utenza locale, da dove può consultarli con Mailx o con gli altri programmi MUA disponibili.

Una volta confermato il comando, viene richiesto l'inserimento della parola d'ordine necessaria per accedere alla casella di posta remota. Inoltre, Fetchmail fa tentativi con diversi protocolli e in alcuni casi si possono vedere dei messaggi di errore che comunque non rappresentano necessariamente un problema nell'inserimento del comando da parte dell'utilizzatore.

Se si inviano messaggi a indirizzi esterni alla rete a cui si è connessi, questi rimangono in coda nell'ambito del servizio MTA e si può verificare la loro presenza con il comando mailq:

mailq[Invio]

Quando si ripristina il collegamento necessario, questi messaggi possono essere inviati con l'ausilio del comando seguente:

sendmail -q[Invio]

I messaggi inviati e rimasti in coda per l'impossibilità temporanea di recapitarli, sono memorizzati all'interno di file contenuti a partire dalla directory /var/. Se si tratta di una copia di nanoLinux installata nel disco fisso e si arresta il sistema, la coda dovrebbe essere preservata nel riavvio successivo; al contrario, se si sta usando nanoLinux da DVD, o comunque con un file system in sola lettura, e si arresta il sistema, questi messaggi in coda vengono perduti.

784.4   Messaggi locali di posta elettronica

In varie circostanze, il sistema genera dei messaggi di posta elettronica diretti localmente all'utente root. Secondo le convenzioni comuni, l'utente root non deve poter ricevere direttamente dei messaggi, pertanto di solito si configura il sistema di recapito (MDA) in modo da rinviare i messaggi all'utente comune che corrisponde in sostanza alla stessa persona che può avere i privilegi di amministratore. Quando nanoLinux funziona con un file system in sola lettura, il file /etc/aliases è predisposto in modo da rinviare i messaggi per root all'utente tizio, pertanto la casella di questo utente viene spesso occupata da messaggi amministrativi.

Una volta installato nanoLinux in un disco fisso, secondo la modalità normale (per cui il file system viene usato in lettura e scrittura), è poco probabile che si vogliano usare gli utenti predefiniti (tizio, caio e gli altri), pertanto, è bene ricordare di modificare il file /etc/aliases in modo da rinviare la posta dell'utente root a un utente comune appropriato, per esempio nel modo seguente, dove è evidenziata la riga significativa:

postmaster: root
root: daniele

daemon: root
bin: root
sys: root
...

Quando si modifica il file /etc/aliases occorre ricordare di eseguire il comando newaliases, per rigenerare il file /etc/aliases.db:

newaliases[Invio]


Appunti di informatica libera 2008 --- Copyright © 2000-2008 Daniele Giacomini -- <appunti2 (ad) gmail·com>


Dovrebbe essere possibile fare riferimento a questa pagina anche con il nome nanolinux_posta_elettronica.htm

[successivo] [precedente] [inizio] [fine] [indice generale] [indice ridotto] [indice analitico] [home]

Valid ISO-HTML!

CSS validator!

Gjlg Metamotore e Web Directory