[successivo] [precedente] [inizio] [fine] [indice generale] [indice ridotto] [indice analitico] [home] [volume] [parte]


Capitolo 672.   Modulo di programmazione

Il linguaggio COBOL nasce quando l'inserimento dei dati in un elaboratore avveniva principalmente attraverso schede perforate, pertanto, da questo derivano una serie di limitazioni nel modo in cui vanno scritte le sue istruzioni.

Figura 672.1. La scheda perforata classica, da 80 colonne.

scheda perforata da 80 colonne

Il modulo di programmazione (coding form) era un foglio quadrettato che conteneva la guida per la scrittura di un programma, da passare poi a una persona che si incaricava di perforare le schede, copiando il testo di tale modulo. Attualmente strumenti del genere non si usano più, tuttavia occorre sapere che le direttive vanno scritte in uno spazio di colonne prestabilito.

Figura 672.2. Suddivisione delle colonne.

suddivisione delle colonne

In pratica, il codice COBOL si scrive in un file di testo di 80 colonne, rispettando le convenzioni descritte nella tabella successiva.

Tabella 672.3. Colonne riservate nel codice COBOL.

Colonne Utilizzo
1..6 Le prime sei colonne servono a indicare un numero di sequenza delle righe. Il numero può essere discontinuo, purché progressivo. Generalmente si utilizzava una sequenza maggiore dell'unità, per consentire l'inserzione successiva di righe ulteriori, che si sarebbero tradotte nell'aggiunta di schede, senza dover perforare nuovamente tutto.
7 La settima colonna serve a inserire un simbolo «indicatore». Generalmente si tratta dell'asterisco, per specificare che si tratta di una riga di commento, del trattino per la continuazione delle stringhe, oppure di una barra obliqua per richiedere un salto pagina in fase di stampa del sorgente.
8..11 Le colonne dall'ottava all'undicesima rappresentano l'«area A», nella quale devono iniziare le dichiarazioni più importanti.
12..72 Le colonne dalla dodicesima alla settantaduesima rappresentano l'«area B», nella quale si mettono tutte le direttive che non possono partire dall'area A.
73..80 Le ultime otto colonne sono riservate per inserire un'etichetta facoltativa di identificazione del programma.

672.1   Indicatore

La settima colonna serve per diverse funzioni, distinte in base alla presenza di un simbolo speciale; se in questa colonna si trova uno spazio, la riga viene usata per le funzioni normali. La tabella successiva riepiloga i simboli che possono apparire nella settima colonna e come questi dovrebbero essere interpretati dal compilatore.

Indicatore Descrizione
$
Il dollaro viene usato per specificare delle opzioni in fase di compilazione.
*
L'asterisco stabilisce che, la riga in cui appare, contiene un commento che il compilatore deve ignorare completamente. Il commento può essere collocato solo nello spazio complessivo dell'area A e B, ovvero dalla colonna 8 alla colonna 72.
/
La barra obliqua serve a richiedere un salto pagina quando gli strumenti di compilazione vengono usati per stampare il sorgente. Ciò che dovesse apparire nell'area A e B di una riga che ha la barra obliqua nella settima colonna viene considerato come un commento.
D
La lettera D serve a indicare al compilatore che la riga in questione deve essere presa in considerazione solo se l'opzione WITH DEBUGGING viene utilizzata nel paragrafo SOURCE COMPUTER; in caso contrario la riga deve essere trattata come un commento.
-
Un trattino indica che, sulla riga precedente, l'ultima parola o costante non è completa, ma continua sulla riga in cui appare il trattino stesso.

Per quanto riguarda la continuazione di parole e di costanti numeriche su più righe, il troncamento può avvenire in qualsiasi punto, mettendo un trattino nella settima colonna della riga successiva, continuando lì la parola o la costante, a partire dalla colonna 12 fino alla colonna 72 (area B). Gli spazi finali nella riga interrotta e quelli iniziali della riga che riprende, vengono ignorati.

Le costanti alfanumeriche delimitate da virgolette, si separano in modo differente. Sulla riga spezzata, si considerano tutte le informazioni dalle virgolette di apertura fino alla colonna 72 inclusa, mentre nella riga successiva, la costante deve riprendere aggiungendo altre virgolette di apertura.

Si osservi che ci sono compilatori che si limitano a riconosce solo l'asterisco per i commenti, ignorando tutto il resto. Per questo motivo, è bene evitare l'uso di ogni altro simbolo in questa colonna, quando si vuole scrivere un programma abbastanza compatibile, tenendo conto che si può evitare la continuazione nella riga successiva, perché le istruzioni possono collocarsi su più righe senza spezzare le parole, mentre le costanti alfanumeriche si possono dividere in porzioni più piccole da concatenare.

672.2   Area A e area B

Le intestazioni dei paragrafi, delle sezioni e delle divisioni devono iniziare nell'area A. L'intestazione di una divisione consiste nel nome della divisione (IDENTIFICATION, ENVIRONMENT, DATA o PROCEDURE), seguito da uno spazio bianco e dalla parola DIVISION, seguita a sua volta da un punto fermo. L'intestazione di una sezione consiste di un nome di sezione seguito da uno spazio bianco e dalla parola SECTION, seguita a sua volta da un punto fermo. L'intestazione di un paragrafo consiste di un nome di paragrafo seguito da un punto fermo e da uno spazio bianco; il primo gruppo di istruzioni del paragrafo può apparire anche sulla stessa riga.

All'interno delle divisioni IDENTIFICATION DIVISION e ENVIRONMENT DIVISION, le sezioni e i paragrafi sono fissi e sono ammessi solo i nomi previsti espressamente, mentre nella divisione PROCEDURE DIVISION i nomi dei paragrafi e delle sezioni sono stabiliti liberamente.

All'interno della divisione DATA DIVISION, le sezioni FD e SD, così come i numeri di livello 01 e 77, devono iniziare nell'area A, mentre gli altri numeri di livello devono iniziare nell'area B.

Nell'area B inizia tutto quello che non può iniziare nell'area A.

672.3   Interpunzione

La scrittura di un programma COBOL è sottoposta alle regole seguenti che riguardano l'uso dei caratteri di interpunzione.

Listato 672.5. Un esempio preso da un programma sorgente, dove si mette in evidenza come si continua una parola o una costante alfanumerica nella riga successiva.

000100 IDENTIFICATION DIVISION.                                         ESEMPIO0
000200                                                                  ESEMPIO0
000300 PROGRAM-ID.   ESEMPIO0.                                          ESEMPIO0
000400 AUTHOR.       DANIELE GIACOMINI.                                 ESEMPIO0
000500 DATE-WRITTEN. 2005-02-13.                                        ESEMPIO0
000600                                                                  ESEMPIO0
000700                                                                  ESEMPIO0
000800 ENVIRONMENT DIVISION.                                            ESEMPIO0
000900                                                                  ESEMPIO0
001000 INPUT-OUTPUT SECTION.                                            ESEMPIO0
001100                                                                  ESEMPIO0
001200 FILE-CONTROL.                                                    ESEMPIO0
001300                                                                  ESEMPIO0
001400     SELECT FILE-DA-LEGGERE ASSIGN TO DISK                        ESEMPIO0
001500                            ORGANIZATION IS SEQUENTIAL.           ESEMPIO0
001600                                                                  ESEMPIO0
001700 DATA DIVISION.                                                   ESEMPIO0
001800                                                                  ESEMPIO0
001900 FILE SECTION.                                                    ESEMPIO0
002000                                                                  ESEMPIO0
002100 FD  FILE-DA-LEGGERE                                              ESEMPIO0
002200     LABEL RECORD IS STANDARD                                     ESEMPIO0
002300     VALUE OF FILE-ID IS "input.txt".                             ESEMPIO0
002400                                                                  ESEMPIO0
002500 01  RECORD-DA-LEGGERE PIC X(30).                                 ESEMPIO0
002600                                                                  ESEMPIO0
002700 WORKING-STORAGE SECTION.                                         ESEMPIO0
002800 01  EOF               PIC 9   VALUE ZERO.                        ESEMPIO0
002900/                                                                 ESEMPIO0
003000 PROCEDURE DIVISION.                                              ESEMPIO0
003100*                                                                 ESEMPIO0
003200* Qui inizia il paragrafo "MAIN".                                 ESEMPIO0
003300*                                                                 ESEMPIO0
003400 MAIN.                                                            ESEMPIO0
003500     OPEN INPUT FILE-DA-LEG                                       ESEMPIO0
003600-               GERE.                                             ESEMPIO0
003700     READ FILE-DA-LEG                                             ESEMPIO0
003800-         GERE                                                    ESEMPIO0
003900          AT END                                                  ESEMPIO0
004000                MOVE 1 TO EOF.                                    ESEMPIO0
004100     DISPLAY "Ho aperto il file input.txt e sto per emettere il suESEMPIO0
004200-            "o contenuto sullo schermo:".                        ESEMPIO0
004300     PERFORM LETTURA UNTIL EOF = 1.                               ESEMPIO0
004400     CLOSE FILE-DA-LEGGERE.                                       ESEMPIO0
004500                                                                  ESEMPIO0
004600     STOP RUN.                                                    ESEMPIO0
004700*                                                                 ESEMPIO0
004800* Qui inizia un altro paragrafo.                                  ESEMPIO0
004900*                                                                 ESEMPIO0
005000 LETTURA.                                                         ESEMPIO0
005100     DISPLAY RECORD-DA-LEGGERE.                                   ESEMPIO0
005200     READ FILE-DA-LEGGERE                                         ESEMPIO0
005300          AT END                                                  ESEMPIO0
005400                MOVE 1 TO EOF.                                    ESEMPIO0
005500/                                                                 ESEMPIO0

Figura 672.6. Esempio di un modulo di programmazione COBOL.

modulo di programmazione COBOL


Appunti di informatica libera 2008 --- Copyright © 2000-2008 Daniele Giacomini -- <appunti2 (ad) gmail·com>


Dovrebbe essere possibile fare riferimento a questa pagina anche con il nome modulo_160_di_160_programmazione.htm

[successivo] [precedente] [inizio] [fine] [indice generale] [indice ridotto] [indice analitico] [home]

Valid ISO-HTML!

CSS validator!

Gjlg Metamotore e Web Directory