[successivo] [precedente] [inizio] [fine] [indice generale] [indice ridotto] [indice analitico] [home] [volume] [parte]


Capitolo 651.   JavaScript: introduzione

Il linguaggio JavaScript è una derivazione di Java, semplificato in modo da poter essere eseguito direttamente, come uno script comune. Questo linguaggio è però destinato a essere interpretato da un navigatore, inserito normalmente all'interno di documenti HTML, pertanto il suo ambito di utilizzo è molto limitato rispetto a Java.

Oltre alla limitatezza del contesto a cui è destinato questo linguaggio di programmazione, occorre considerare il fatto che, essendo interpretato dal navigatore, può esistere solo una compatibilità di massima, perché tutto dipende dalla capacità del navigatore stesso di eseguire le istruzioni del linguaggio.

Da quanto appena descritto, si intende che il ruolo del linguaggio JavaScript è quello di arricchire di potenzialità i documenti ipertestuali che si possono leggere attraverso un navigatore, ma in generale il suo utilizzo va limitato, per non escludere quella porzione di utenti che si trova a usare software che per qualche ragione non può eseguire script di questo tipo.

È comunque importante conoscere, almeno a grandi linee, questo linguaggio tanto famoso quanto problematico; per la stessa ragione questo capitolo non si addentra oltre un primo strato essenziale della conoscenza di JavaScript.

Per poter leggere questo capitolo è necessario conoscere, almeno in modo elementare, il linguaggio HTML (eventualmente si può consultare la parte lxxviii).

651.1   Inclusione di programmi JavaScript nei file HTML

Prima di poter affrontare la descrizione del linguaggio, è necessario comprendere come si usa in pratica, dal momento che ciò richiede l'inserimento, in qualche modo, all'interno di documenti ipertestuali. Si osservi l'esempio seguente, che mostra il contenuto di un file HTML molto semplice:

<!DOCTYPE HTML PUBLIC "ISO/IEC 15445:2000//DTD HTML//EN">
<HTML LANG="it">
<HEAD>
    <META HTTP-EQUIV="Content-Type" CONTENT="text/html">
    <TITLE>JavaScript 1</TITLE>
    <SCRIPT LANGUAGE="JavaScript" TYPE="text/javascript">
        <!--
            document.write ("Ciao a tutti! ");
            document.write ("Questo &egrave; il mio primo ");
            document.write ("programma JavaScript.");
        //-->
    </SCRIPT>
</HEAD>
<BODY>
<H1>JavaScript 1</H1>
<P>Bla bla bla bla...</P>
</BODY>
</HTML>

Se si legge questo file con un navigatore comune, si dovrebbe ottenere di visualizzare questo risultato:

JavaScript 1

Per cominciare si deve osservare che è stato utilizzato l'elemento SCRIPT all'interno dell'intestazione del file. Attraverso l'attributo LANGUAGE è stato specificato l'uso del linguaggio JavaScript e con l'attributo TYPE (che in questo caso è facoltativo) viene specificato il tipo MIME.

Il contenuto dell'elemento SCRIPT è il programma JavaScript che, come si vede dal risultato, viene eseguito prima di analizzare il corpo della pagina HTML. Per garantire di non ottenere effetti spiacevoli in presenza di un navigatore che non conosce l'uso di questo elemento, convenzionalmente, si delimita il codice inserito attraverso un commento particolare:

    <SCRIPT LANGUAGE="JavaScript" TYPE="text/javascript">
        <!--
            ...
            ...
            ...
        //-->
    </SCRIPT>

Si osservi che la chiusura del commento deve essere realizzata necessariamente secondo la forma //-->, per garantire la massima compatibilità con i navigatori.

In alternativa, si può ottenere lo stesso risultato scrivendo il codice JavaScript in un file separato:

document.write ("Ciao a tutti! ");
document.write ("Questo &egrave; il mio primo ");
document.write ("programma JavaScript.");

Supponendo che questo file si chiami javascript-001.js, il file HTML, collocato nella stessa directory, potrebbe essere realizzato semplicemente così:

<!DOCTYPE HTML PUBLIC "ISO/IEC 15445:2000//DTD HTML//EN">
<HTML LANG="it">
<HEAD>
    <META HTTP-EQUIV="Content-Type" CONTENT="text/html">
    <TITLE>JavaScript 1</TITLE>
    <SCRIPT LANGUAGE="JavaScript" TYPE="text/javascript"
        SRC="javascript-001.js"></SCRIPT>
</HEAD>
<BODY>
<H1>JavaScript 1</H1>
<P>Bla bla bla bla...</P>
</BODY>
</HTML>

Il risultato che si ottiene è lo stesso.

Negli esempi che vengono mostrati qui a proposito delle pagine HTML che incorporano o fanno riferimento a programmi JavaScript, si specifica in modo esplicito il tipo di standard HTML usato e si cerca di scrivere in modo corretto, secondo la sintassi prevista. Tuttavia, nessuno degli standard HTML, tanto meno lo standard ISO che viene usato proprio negli esempi, prevede l'inserzione o il riferimento a programmi JavaScript nel modo mostrato. Pertanto, questi file sono errati formalmente, per ciò che riguarda il linguaggio HTML, ma rappresentano l'unico modo per garantire un discreto grado di compatibilità tra i navigatori che devono eseguire gli script contenuti.

Negli esempi mostrati appare un solo elemento SCRIPT nell'intestazione del file HTML. In pratica ci possono essere più elementi SCRIPT nell'intestazione e ne possono apparire anche nel corpo del documento, come nell'esempio seguente:

<!DOCTYPE HTML PUBLIC "ISO/IEC 15445:2000//DTD HTML//EN">
<HTML LANG="it">
<HEAD>
    <META HTTP-EQUIV="Content-Type" CONTENT="text/html">
    <TITLE>JavaScript 2</TITLE>
    <SCRIPT LANGUAGE="JavaScript" TYPE="text/javascript">
        <!--
            document.write ("Ciao a tutti! ");
        //-->
    </SCRIPT>
    <SCRIPT LANGUAGE="JavaScript" TYPE="text/javascript">
        <!--
            document.write ("Questo &egrave; il mio secondo ");
            document.write ("programma JavaScript.");
        //-->
    </SCRIPT>
</HEAD>
<BODY>
<H1>JavaScript 2</H1>
<P>Bla bla bla bla...</P>

<SCRIPT LANGUAGE="JavaScript" TYPE="text/javascript">
    <!--
        document.write ("Come si pu&ograve; vedere, &egrave; ");
        document.write ("possibile inserire del codice JavaScript ");
        document.write ("anche nel corpo del file HTML.");
    //-->
</SCRIPT>
</BODY>
</HTML>

Ecco il risultato che si dovrebbe ottenere:

JavaScript 2

Gli esempi mostrati fino a questo punto fanno uso esclusivo della funzione document.write(), ovvero, più precisamente, del metodo write() dell'oggetto document. Ciò che si ottiene utilizzandolo è di inserire la stringa che viene data come argomento nel documento che viene visualizzato. Pertanto, quanto viene inserito nell'intestazione appare all'inizio, mentre ciò che viene inserito nel corpo, appare in corrispondenza dell'inserzione.

Dal momento che il documento in questione è scritto con il linguaggio HTML, queste stringhe devono essere coerenti con il linguaggio HTML stesso, cosa che negli esempi mostrati non è stato, a parte l'uso di alcune macro per le vocali accentate. L'esempio appena presentato, andrebbe modificato, come appare qui di seguito:

<!DOCTYPE HTML PUBLIC "ISO/IEC 15445:2000//DTD HTML//EN">
<HTML LANG="it">
<HEAD>
    <META HTTP-EQUIV="Content-Type" CONTENT="text/html">
    <TITLE>JavaScript 3</TITLE>
    <SCRIPT LANGUAGE="JavaScript" TYPE="text/javascript">
        <!--
            document.write ("<P>Ciao a tutti! ");
        //-->
    </SCRIPT>
    <SCRIPT LANGUAGE="JavaScript" TYPE="text/javascript">
        <!--
            document.write ("Questo &egrave; il mio secondo ");
            document.write ("programma JavaScript.</P>");
        //-->
    </SCRIPT>
</HEAD>
<BODY>
<H1>JavaScript 3</H1>
<P>Bla bla bla bla...</P>

<SCRIPT LANGUAGE="JavaScript" TYPE="text/javascript">
    <!--
        document.write ("<P>Come si pu&ograve; vedere, &egrave; ");
        document.write ("possibile inserire del codice JavaScript ");
        document.write ("anche nel corpo del file HTML.</P>");
    //-->
</SCRIPT>
</BODY>
</HTML>

In pratica, viene circoscritto il testo all'interno di un elemento P. Naturalmente, nello stesso modo si può inserire del codice HTML più complesso, anche se per evitare di fare troppa confusione, sarebbe meglio ridurre al minimo questa possibilità.

Generalmente, quando si scrive un programma JavaScript non si può disporre di un analizzatore ortografico per la ricerca di errori, anche se banali. In tal modo, l'unica cosa su cui si può contare è il programma che lo interpreta, ovvero il navigatore, che normalmente si limita a non eseguire il programma che non sia sintatticamente perfetto. Pertanto, ciò significa che la scrittura di programmi complessi diventa un compito molto difficile e a volte impossibile.

651.2   Verifica sintattica

Al programmatore JavaScript manca un analizzatore sintattico standardizzato universale e il controllo si può eseguire solo attraverso gli strumenti di questo o di quel navigatore. Fortunatamente, Mozilla (Netscape) e molti dei suoi vari derivati, offre la «console JavaScript», dove vengono messi in evidenza quelli che possono essere degli errori del programma.

Viene proposto un esempio HTML contenente un programma JavaScript con diversi errori.

Inizialmente viene visualizzato il file con Mozilla Firefox e viene aperta la console JavaScript selezionando la voce {JavaScript Console} dal menù {Tools}.

<!DOCTYPE HTML PUBLIC "ISO/IEC 15445:2000//DTD HTML//EN">
<HTML LANG="it">
<HEAD>
    <META HTTP-EQUIV="Content-Type" CONTENT="text/html">
    <TITLE>JavaScript 6</TITLE>
    <SCRIPT LANGUAGE="JavaScript" TYPE="text/javascript">
        <!--
            document.write ("Ciao a tutti! ');
            document.writer ("Questo &egrave; il mio primo ");
            document.write ("programma JavaScript completamente errato!"):
        //-->
    </SCRIPT>
</HEAD>
<BODY>
<H1>JavaScript 6</H1>
<P>Bla bla bla bla...</P>
</BODY>
</HTML>

Inizialmente viene visualizzato il file con Mozilla Firefox e viene aperta la console JavaScript selezionando la voce {JavaScript Console} dal menù {Tools}:

javascript console mozilla firefox

Come si vede dalla figura, il primo errore a essere segnalato è la stringa terminata in modo errato. Si ipotizza di correggere l'errore e di ricaricare la pagina:

javascript console mozilla firefox

In questo caso, seguendo il collegamento visibile in corrispondenza dell'errore che viene segnalato, si vede apparire una finestra contenente il sorgente con la riga errata evidenziata. L'errore che viene messo in risalto è dovuto alla conclusione dell'istruzione con i due punti, invece che con il punto e virgola; si ipotizza di correggere anche questo errore e di ricaricare la pagina:

javascript console mozilla firefox

L'ultimo errore a essere notato è il nome di una funzione inesistente: writer.

Altri navigatori derivati da Mozilla offrono una console simile, eventualmente da voci diverse del menù.

651.3   Caratteristiche generali del linguaggio di programmazione

Il linguaggio JavaScript è molto vicino a Java, con delle semplificazioni significative. Le istruzioni hanno la forma del linguaggio C, pertanto terminano con un punto e virgola (;); inoltre i raggruppamenti si ottengono con le parentesi graffe ({ }). I commenti ricalcano la forma usata per il linguaggio Java:

/* commento_generico */
// commento_fino_alla_fine_della_riga

La gestione delle variabili di JavaScript è semplificata, al punto che non esiste la dichiarazione del tipo ed eventualmente la conversione avviene in modo automatico (salva la necessità di eseguire delle conversioni specifiche, quando quelle automatiche non avvengono nel modo desiderato).

Il punto critico della compatibilità dei programmi realizzati in JavaScript sta nell'utilizzo di oggetti (con le proprietà e i metodi relativi) che sono prestabiliti e creati automaticamente. Evidentemente, la disponibilità di questi oggetti dipende dal programma usato per interpretare il linguaggio JavaScript, ovvero dal navigatore; pertanto si può contare solo su un numero limitato di questi, così come bisogna essere prudenti nell'uso delle proprietà e dei metodi relativi, anche se ci possono essere dei navigatori o altri interpreti in grado di accettare l'utilizzo di oggetti, istanze e metodi molto sofisticati.

Teoricamente è possibile creare degli oggetti nuovi, ma in pratica si tratta di un procedimento sconsigliabile, pertanto conviene limitarsi all'uso di quelli predefiniti, creando eventualmente delle funzioni personalizzate.

651.4   Variabili, costanti, tipi di dati ed espressioni

Le variabili possono essere dichiarate implicitamente, nel momento in cui vengono utilizzate, oppure si può usare una forma esplicita, ma in ogni caso non viene specificato il tipo del loro contenuto:

{var} nome{ = valore_assegnato};

Pertanto, la variabile x può essere dichiarata implicitamente così:

x = 1;

Oppure, si può usare la dichiarazione esplicita:

var x = 1;

I nomi delle variabili possono essere composti da lettere e numeri, che devono iniziare necessariamente con una lettera. Volendo seguire la convenzione del linguaggio Java, i nomi delle variabili si possono comporre unendo assieme una serie di parole che consentono di intendere il ruolo delle variabili stesse, utilizzando l'iniziale maiuscola per ogni parola che compone l'insieme del nome, tranne che per la prima, che inizia senza iniziale maiuscola. Per esempio: miaStringa, elencoNomiUtenti, indiceElenco.

I tipi di dati principali sono molto pochi, dal momento che nella gestione dei numeri si distingue soltanto tra interi e numeri con virgola mobile.

Tabella 651.15. Tipi di dati principali e rappresentazione delle costanti.

Tipo Esempi di costante
intero 0, 123, 45678
virgola mobile 0.1, 123.45, 45678.901
booleano true, false
stringa "bla bla bla", "0422.1234567", 'bene bene'

Dagli esempi mostrati nella tabella riepilogativa dei tipi principali, si può osservare che i valori numerici in virgola mobile utilizzano il punto per separare la parte intera da quella decimale; inoltre, le stringhe sono delimitate indifferentemente con apici doppi oppure singoli. Nelle tabelle successive si riepilogano gli operatori principali delle espressioni che si possono realizzare con Java.

Tabella 651.16. Elenco degli operatori aritmetici e di quelli di assegnamento relativi a valori numerici.

Operatore e
operandi
Descrizione
++op
Incrementa di un'unità l'operando prima che venga restituito il suo valore.
op++
Incrementa di un'unità l'operando dopo averne restituito il suo valore.
--op
Decrementa di un'unità l'operando prima che venga restituito il suo valore.
op--
Decrementa di un'unità l'operando dopo averne restituito il suo valore.
+op
Non ha alcun effetto.
-op
Inverte il segno dell'operando.
op1 + op2
Somma i due operandi.
op1 - op2
Sottrae dal primo il secondo operando.
op1 * op2
Moltiplica i due operandi.
op1 / op2
Divide il primo operando per il secondo.
op1 % op2
Modulo -- il resto della divisione tra il primo e il secondo operando.
var = valore
Assegna alla variabile il valore alla destra.
op1 += op2
op1 = op1 + op2
op1 -= op2
op1 = op1 - op2
op1 *= op2
op1 = op1 * op2
op1 /= op2
op1 = op1 / op2
op1 %= op2
op1 = op1 % op2

Tabella 651.17. Elenco degli operatori di confronto. Le metavariabili indicate rappresentano gli operandi e la loro posizione.

Operatore e
operandi
Descrizione
op1 == op2
Vero se gli operandi si equivalgono.
op1 != op2
Vero se gli operandi sono differenti.
op1 < op2
Vero se il primo operando è minore del secondo.
op1 > op2
Vero se il primo operando è maggiore del secondo.
op1 <= op2
Vero se il primo operando è minore o uguale al secondo.
op1 >= op2
Vero se il primo operando è maggiore o uguale al secondo.

Tabella 651.18. Elenco degli operatori logici. Le metavariabili indicate rappresentano gli operandi e la loro posizione.

Operatore e
operandi
Descrizione
! op
Inverte il risultato logico dell'operando.
op1 && op2
Se il risultato del primo operando è Falso non valuta il secondo.
op1 || op2
Se il risultato del primo operando è Vero non valuta il secondo.

Tabella 651.19. Concatenamento di stringhe. Le metavariabili indicate rappresentano gli operandi e la loro posizione.

Operatore e
operandi
Descrizione
stringa + op
Crea una stringa unica concatenando la stringa a sinistra con il valore a destra, previa conversione di tipo, se necessaria.
op + stringa
Crea una stringa unica concatenando il valore a sinistra, previa conversione di tipo, se necessaria, assieme alla stringa che si trova alla destra.

651.5   Funzioni e campo di azione delle variabili

Come già accennato nel capitolo, il linguaggio JavaScript offre oggetti già pronti, dei quali si usano le proprietà e i metodi relativi (ma con prudenza, per motivi di compatibilità), quindi consente di realizzare delle funzioni, che si dichiarano in modo molto semplice:

function nome ([parametro[, parametro]...]) {
    istruzione
    ...
}

Come si può intendere, nel modello mostrato le parentesi graffe fanno parte della dichiarazione della funzione e servono a raggruppare le istruzioni che questa contiene.

Una funzione può restituire un valore; in tal caso si usa l'istruzione return:

return valore;

Le variabili dichiarate all'interno della funzione hanno una campo di azione locale e oscurano temporaneamente variabili globali, con lo stesso nome, dichiarate al di fuori della funzione. Le variabili dichiarate al di fuori delle funzioni, ma prima della loro chiamata, sono accessibili all'interno delle stesse, se non sono oscurate.

651.6   Strutture di controllo di flusso

Le strutture di controllo di flusso disponibili nel linguaggio JavaScript sono sostanzialmente le stesse del linguaggio Java, tenendo conto però che alcuni navigatori potrebbero non riconoscere le strutture più sofisticate. Vengono mostrati i modelli sintattici relativi alle strutture più comuni e più compatibili, con qualche esempio e poche spiegazioni.

651.7   Array

A differenza degli altri tipi di dati mostrati, le variabili che devono fare riferimento a un array devono essere dichiarate come tali:

var nome = new Array();

Si osservi che le variabili dichiarate in questo modo fanno riferimento a un array, pertanto non contengono direttamente l'array stesso. Ciò significa che, se il nome di un array viene indicato in una chiamata di funzione, se la funzione modifica il contenuto dell'array, la modifica riguarda lo stesso array a cui fa riferimento la variabile nella chiamata.

Gli elementi di un array dichiarato in questo modo vengono creati automaticamente nel momento in cui sono utilizzati, come si vede nell'esempio seguente:

var mioArray = new Array();
//
mioArray[0] = "Ciao";
mioArray[1] = "come";
mioArray[7] = "stai";
//
document.write (mioArray[0]);
document.write (" ");
document.write (mioArray[1]);
document.write (" ");
document.write (mioArray[7]);

In questo caso sono stati saltati volutamente gli elementi dall'indice due all'indice sei, che esistono, ma contenenti un valore indefinito.

Nel linguaggio JavaScript, così come in Java, gli array sono degli oggetti e come tali possono disporre di proprietà e di metodi. Quando gli elementi dell'array vengono dichiarati in questo modo, cioè con un indice numerico intero, è possibile leggere il metodo length, che consente di conoscere la lunghezza dell'array stesso:

var mioArray = new Array();
//
mioArray[0] = "Ciao";
mioArray[1] = "come";
mioArray[7] = "stai";
//
document.write (mioArray.length);

In questo caso, il valore che viene visualizzato attraverso document.write() è il numero otto, dal momento che array contiene, formalmente, otto elementi.

L'indice dell'array può essere indicato attraverso una stringa, come nell'esempio seguente:

var mioArray = new Array();
//
mioArray["a"] = "Ciao";
mioArray["s"] = "come";
mioArray["d"] = "stai";
//
document.write (mioArray["a"]);
document.write (" ");
document.write (mioArray["s"]);
document.write (" ");
document.write (mioArray["d"]);

Questi indici sono o diventano dei metodi dell'array, consentendo una forma più semplice per indicare i vari elementi:

var mioArray = new Array();
//
mioArray["a"] = "Ciao";
mioArray.s    = "come";
mioArray.d    = "stai";
//
document.write (mioArray.a);
document.write (" ");
document.write (mioArray["s"]);
document.write (" ");
document.write (mioArray["d"]);

In pratica, indicare mioArray["a"], oppure mioArray.a, dovrebbe essere la stessa cosa.

La proprietà length dovrebbe funzionare solo per gli elementi numerati in modo tradizionale, ignorando quelli a cui si accede per mezzo di un indice differente.

651.8   Funzioni standard

Alcune «funzioni» standard facilitano l'uso del linguaggio. Nelle tabelle successive si riepilogano quelle più comuni che dovrebbero essere compatibili nella maggior parte delle situazioni.

Tabella 651.30. Funzioni generali, ovvero metodi che non richiedono l'indicazione di un oggetto.

Funzione Descrizione
escape(stringa)
Restituisce la stringa indicata come argomento, dopo averla trasformata in modo da poterla rappresentare in un indirizzo URI. La trasformazione implica l'uso delle sequenze formate con il prefisso %.
unescape(stringa)
Restituisce la stringa indicata come argomento, dopo averla trasformata in modo da tradurre le sequenze formate con il prefisso % nei caratteri che queste rappresentano. In pratica è l'inverso di escape().
parseFloat(stringa)
Elabora la stringa restituendo il numero a virgola mobile che questa rappresenta (o che dovrebbe rappresentare).
parseInt(stringa)
Elabora la stringa restituendo il numero intero che questa rappresenta (o che dovrebbe rappresentare).
eval(stringa)
Esegue il contenuto della stringa come un'istruzione e restituisce il valore che questa istruzione restituisce a sua volta.
isNaN(valore)
Verifica un valore e restituisce Vero se questo risulta essere indefinito.

Tabella 651.31. Metodi matematici, che si applicano necessariamente all'oggetto Math, come mostrato in modo esplicito nel modello sintattico.

Metodo Descrizione
Math.abs(n)
Restituisce il valore assoluto di n
Math.ceil(n)
Restituisce il valore intero di n arrotondato per eccesso.
Math.round(n)
Restituisce il valore intero di n arrotondato per eccesso se n ≥ 0,5, altrimenti arrotondato per difetto.
Math.floor(n)
Restituisce il valore intero di n arrotondato per difetto.
Math.exp(n)
Restituisce en (dove «e» approssima il valore 2,718).
Math.log(n)
Restituisce il logaritmo naturale di n.
Math.max(n_1, n_2, ...n_n)
Restituisce il massimo tra i valori numerici indicati.
Math.min(n_1, n_2, ...n_n)
Restituisce il minimo tra i valori numerici indicati.
Math.pow(x, y)
Restituisce il risultato di xy.
Math.random()
Restituisce un numero casuale, a virgola mobile, nell'intervallo compreso tra zero e uno.
Math.sqrt(n)
Restituisce la radice quadrata di n.
Math.sin(n)
Restituisce il seno di n.
Math.cos(n)
Restituisce il coseno di n.
Math.tan(n)
Restituisce la tangente di n.
Math.asin(n)
Restituisce l'arcoseno di n.
Math.acos(n)
Restituisce l'arcocoseno di n.
Math.atan(n)
Restituisce l'arcotangente di n.

Tabella 651.32. Istruzioni per la creazione di oggetti contenenti informazioni data-orario.

Istruzione Descrizione
x = new Date()
Costruisce l'oggetto x contenente la data e l'orario corrente.
x = new Date(anno, mese, giorno)
x = new Date(anno, mese, giorno, ore, minuti, secondi)
Costruisce l'oggetto x contenente la data ed eventualmente anche l'orario indicati.

Tabella 651.33. Metodi per leggere o modificare informazioni data-orario a oggetti creati con Date().

Metodo Descrizione
x.setYear(anno)
Imposta l'anno nell'oggetto x.
x.setMonth(anno)
Imposta il mese nell'oggetto x.
x.setDate(giorno)
Imposta il giorno del mese nell'oggetto x.
x.setHours(ora)
Imposta l'ora nell'oggetto x.
x.setMinutes(minuti)
Imposta i minuti nell'oggetto x.
x.setSeconds(secondi)
Imposta i secondi nell'oggetto x.
x.getYear()
Restituisce l'anno contenuto nell'oggetto x.
x.getMonth()
Restituisce il mese contenuto nell'oggetto x.
x.getDay()
Restituisce il giorno contenuto nell'oggetto x.
x.getHours()
Restituisce l'ora contenuta nell'oggetto x.
x.getMinutes()
Restituisce i minuti contenuti nell'oggetto x.
x.getSeconds()
Restituisce i secondi contenuti nell'oggetto x.

Si osservi che l'anno potrebbe essere restituito in forma non corretta; per esempio, l'anno 2004 potrebbe risultare come il numero 104; nello stesso modo, l'anno 1904 potrebbe apparire come il numero 4.

Tabella 651.34. Funzioni varie.

Funzione Descrizione
alert(stringa)
Mostra la stringa all'interno di una finestra di avvertimento.
setTimeout(stringa, n)
Esegue la funzione scritta nella stringa che rappresenta il primo parametro, dopo aver atteso n ms (millesimi di secondo).

651.9   Gestione delle stringhe

Anche per JavaScript, come per Java, le stringhe sono oggetti, per i quali esistono metodi appropriati ed esiste anche la proprietà length, che restituisce la lunghezza della stringa (come già avviene per gli array). Molti dei metodi riferiti alle stringhe servono per delimitare il testo con dei marcatori appropriati, per esempio per ottenere un testo nero o un corsivo, o ancora qualcosa di più appariscente.

Tabella 651.35. Metodi relativi alla gestione delle stringhe.

Metodo Descrizione
x.charAt(n)
Restituisce un carattere nella posizione n della stringa contenuta nell'oggetto x, dove il primo carattere viene identificato con lo zero.
x.substring(n, m)
Restituisce la sottostringa ottenuta a partire alla posizione n fino alla posizione m esclusa.
x.indexOf(stringa[, n])
Restituisce la posizione a partire dalla quale la stringa indicata come primo parametro corrisponde con la stringa contenuta nell'oggetto x. Se è indicato anche il secondo parametro, la ricerca parte dalla posizione n. Se la corrispondenza non viene trovata, restituisce il valore -1.
x.lastIndexOf(stringa[, n])
Restituisce la posizione più a destra dove la stringa indicata come primo parametro corrisponde con la stringa contenuta nell'oggetto x. Se è indicato anche il secondo parametro, la ricerca termina in corrispondenza dalla posizione n. Se la corrispondenza non viene trovata, restituisce il valore -1.
x.toLowerCase()
Restituisce la stringa contenuta nell'oggetto x convertendola in lettere minuscole.
x.toUpperCase()
Restituisce la stringa contenuta nell'oggetto x convertendola in lettere maiuscole.
x.fontcolor(colore)
Restituisce la stringa contenuta nell'oggetto x, aggiungendo i marcatori <font color="colore"> e </font> all'inizio e alla fine della stessa.
x.fontsize(dimensione)
Restituisce la stringa contenuta nell'oggetto x, aggiungendo i marcatori <font size="dimensione"> e </font> all'inizio e alla fine della stessa.
x.blink()
Restituisce la stringa contenuta nell'oggetto x, aggiungendo i marcatori <blink> e </blink> all'inizio e alla fine della stessa.
x.bold()
Restituisce la stringa contenuta nell'oggetto x, aggiungendo i marcatori <b> e </b> all'inizio e alla fine della stessa.
x.italics()
Restituisce la stringa contenuta nell'oggetto x, aggiungendo i marcatori <i> e </i> all'inizio e alla fine della stessa.
x.fixed()
Restituisce la stringa contenuta nell'oggetto x, aggiungendo i marcatori <tt> e </tt> all'inizio e alla fine della stessa.
x.big()
Restituisce la stringa contenuta nell'oggetto x, aggiungendo i marcatori <big> e </big> all'inizio e alla fine della stessa.
x.small()
Restituisce la stringa contenuta nell'oggetto x, aggiungendo i marcatori <small> e </small> all'inizio e alla fine della stessa.
x.sub()
Restituisce la stringa contenuta nell'oggetto x, aggiungendo i marcatori <sub> e </sub> all'inizio e alla fine della stessa.
x.sup()
Restituisce la stringa contenuta nell'oggetto x, aggiungendo i marcatori <sup> e </sup> all'inizio e alla fine della stessa.
x.strike()
Restituisce la stringa contenuta nell'oggetto x, aggiungendo i marcatori <strike> e </strike> all'inizio e alla fine della stessa.
x.anchor(nome)
Restituisce la stringa contenuta nell'oggetto x, aggiungendo i marcatori <a name="nome"> e </a> all'inizio e alla fine della stessa.
x.link(riferimento)
Restituisce la stringa contenuta nell'oggetto x, aggiungendo i marcatori <a href="riferimento"> e </a> all'inizio e alla fine della stessa.

651.10   Moduli «FORM»

I dati che vengono inseriti all'interno di moduli HTML (elementi FORM), possono essere letti come proprietà di oggetti che discendono da document. All'interno di un elemento FORM, si inseriscono normalmente una serie di elementi INPUT, con caratteristiche differenti; sia l'elemento FORM, sia l'elemento INPUT hanno la possibilità di avere un nome, attraverso l'attributo NAME. Nella situazione più semplice, si può avere un elemento INPUT per l'inserimento manuale di un testo da parte dell'utente, come nell'esempio seguente, dove per il momento l'attributo NOME dell'elemento FORM non sarebbe indispensabile:

<FORM NAME="elaborazione" METHOD="get" ACTION="/cgi-bin/elabora">
<P><INPUT NAME="nominativo" TYPE="TEXT" SIZE="30">
<INPUT TYPE="submit" VALUE="Invia"></P>
</FORM>

Un programma JavaScript ha la possibilità di leggere il testo inserito nel campo nominativo attraverso la proprietà document.elaborazione.nominativo.value; in pratica, sono stati usati i valori degli attributi NAME per costruire l'oggetto relativo. Per esempio, si potrebbe modificare l'esempio nel modo seguente:

<FORM METHOD="get" ACTION="/cgi-bin/elabora">
<P><INPUT TYPE="TEXT" SIZE="30" NAME="nominativo">
<INPUT TYPE="button" VALUE="Invia" onClick="verificaInvia()"></P>
</FORM>

Come si vede, il bottone finale è stato modificato, da un tipo submit a un tipo button, per evitare che l'informazione venga inviata con la sola selezione del bottone, che invece provoca l'esecuzione della funzione verificaInvia(), che intuitivamente ha lo scopo di verificare i dati inseriti e di inviarli se corretti. La funzione di controllo potrebbe essere realizzata così:

function verificaInvia () {
    if (document.elaborazione.nominativo.value == "")
      {
        alert ("È necessario inserire il nominativo!");
        document.elaborazione.nominativo.focus();
      }
    else
      {
        document.elaborazione.submit();
      }
}

Intuitivamente, osservando l'esempio, si comprende che se il campo risulta vuoto nel momento in cui si seleziona il bottone, viene mostrato un avvertimento e viene messo a fuoco proprio il campo da correggere, altrimenti viene inviato il contenuto del modulo elaborazione.

In considerazione del fatto che non si può avere la certezza di avere un utenza che può disporre in ogni circostanza di un navigatore compatibile con il programma JavaScript che si scrive, si può essere più morbidi e dare la possibilità di inviare i dati senza alcun controllo:

<FORM METHOD="get" ACTION="/cgi-bin/elabora">
<P><INPUT TYPE="TEXT" SIZE="30" NAME="nominativo">
<INPUT TYPE="button" VALUE="Invia" onClick="verificaInvia()"></P>
<INPUT TYPE="submit" VALUE="Invia senza controllo"></P>
</FORM>

Nelle tabelle successive vengono descritti alcuni eventi, metodi e proprietà relative all'uso di elementi FORM.

Tabella 651.40. Eventi relativi all'elemento FORM e all'elemento INPUT.

Modello Descrizione
<FORM ... onSubmit="funzione">
Esegue la funzione quando il modulo viene inviato.
<FORM ... onReset="funzione">
Esegue la funzione quando il modulo viene azzerato.
<INPUT ... onFocus="funzione">
Esegue la funzione quando il componente è a fuoco.
<INPUT ... onBlur="funzione">
Esegue la funzione quando il componente non è più a fuoco.
<INPUT ... onClick="funzione">
Esegue la funzione quando il componente viene selezionato con un clic.
<INPUT ... onSelect="funzione">
Esegue la funzione quando viene selezionata una porzione del testo del componente.

Tabella 651.41. Alcune proprietà e metodi riferiti a oggetti derivanti da elementi FORM e INPUT. La metavariabile x rappresenta il nome associato all'elemento FORM e y rappresenta il nome associato all'elemento INPUT.

Modello Descrizione
document.x.action
Rappresenta l'indirizzo usato normalmente nell'attributo ACTION dell'elemento FORM.
document.x.encoding
Codifica usata nel modulo.
document.x.method
Modalità di invio dei dati del modulo (GET o POST).
document.x.submit()
Invia i dati del modulo.
document.x.reset()
Azzera il contenuto del modulo.
document.x.y.type
Restituisce il tipo di campo.
document.x.y.value
Restituisce il valore del campo.
document.x.y.focus()
Seleziona l'elemento (lo mette a fuoco).
document.x.y.blur()
Deseleziona l'elemento (l'opposto della messa a fuoco).

Dovendo lavorare con nomi di proprietà e metodi molto lunghi, può essere conveniente dichiarare il contesto con l'istruzione with:

with (prefisso) {
    ...
}

L'esempio già apparso della funzione verificaInvia() potrebbe essere semplificato agli occhi del lettore modificandolo così:

function verificaInvia () {
    with (document.elaborazione)
      {
        if (nominativo.value == "")
          {
            alert ("È necessario inserire il nominativo!");
            nominativo.focus();
          }
        else
          {
            submit();
          }
      }
}

651.11   Riferimenti


Appunti di informatica libera 2008 --- Copyright © 2000-2008 Daniele Giacomini -- <appunti2 (ad) gmail·com>


Dovrebbe essere possibile fare riferimento a questa pagina anche con il nome javascript_introduzione.htm

[successivo] [precedente] [inizio] [fine] [indice generale] [indice ridotto] [indice analitico] [home]

Valid ISO-HTML!

CSS validator!

Gjlg Metamotore e Web Directory