[successivo] [precedente] [inizio] [fine] [indice generale] [indice ridotto] [indice analitico] [home] [volume] [parte]


Capitolo 2.   Creative Commons

Nel 2001 nasce l'organizzazione Creative Commons (<http://creativecommons.org>) con lo scopo di trasferire alcuni principi del software libero a opere artistiche di tipo differente, attraverso la redazione di un insieme di licenze con un diverso grado di «libertà», ovvero di restrizioni legali.

Per facilitare la scelta e la comprensione delle diverse licenze proposte, Creative Commons utilizza un sistema iconografico. Questo aspetto diventa molto importante, dal momento che lo scopo dell'organizzazione è quello di favorire la diffusione consapevole di opere di ogni tipo attraverso la rete, dove spesso si presta più attenzione alle immagini, rispetto al testo scritto.

Tabella 2.1. Obblighi o facoltà principali espressi in forma iconografica.

Simbolo Sigla Significato
by attribution Gli autori originari devono essere riconosciuti.
nc non-commercial Il lavoro non può essere sfruttato commercialmente.
nd no derivatives works Il lavoro deve rimanere intatto.
sa share alike La licenza deve rimanere la stessa (questa condizione ha significato solo per un lavoro che può essere modificato).
sc source Il sorgente deve essere preservato.

È importante osservare che, dal punto di vista della filosofia delle libertà del software, non tutte le licenze elaborate da Creative Commons sono «libere». Evidentemente, ciò che non può essere modificato non può essere «libero»; inoltre, ciò che non può essere commercializzato, non può esserlo completamente. Tuttavia, le esigenze che si sentono nel campo del software non sono le stesse di ogni altro tipo di espressione artistica, pertanto, la presenza di combinazioni «non libere» tra le licenze di Creative Commons, non sminuisce l'importanza del lavoro di tale organizzazione.

Mentre l'approvazione di OSI (Open Source initiative <http://opensource.org>) dà la garanzia di avere a che fare con del software libero, quando si fa riferimento a una licenza approvata da Creative Commons, senza specificarne gli attributi, si sa solo che dovrebbe trattarsi di un'opera ridistribuibile e gratuita almeno per l'uso personale, non commerciale (il condizionale dipende dal fatto che Creative Commons approva anche la licenza denominata «Developing Nations», con la quale, al di fuori dell'ambito dei paesi in via di sviluppo, nulla è concesso: <http://creativecommons.org/license/devnations/>).

2.1   «Share alike»

Nelle licenze Creative Commons si fa riferimento a un concetto, definito come share alike, con il quale si richiede che l'opera modificata mantenga la stessa licenza di quella originale. Si può osservare che il simbolo usato da Creative Commons per rappresentare questo vincolo è molto simile a quello usato nel software libero per esprimere il copyleft: sa. Tuttavia va osservato che il copyleft è un sottoinsieme di quanto intende il concetto di share alike.

Tabella 2.2. Licenze definite da Creative Commons.

Definizione Descrizione
attribution by Si richiede soltanto che gli autori originari siano riconosciuti.
attribution, no derivatives work bynd Si richiede che gli autori originari siano riconosciuti e che il lavoro rimanga intatto.
attribution, non-commercial, no derivatives work byncnd Si richiede che gli autori originari siano riconosciuti, che il lavoro non venga sfruttato commercialmente e che rimanga intatto.
attribution, non-commercial bync Si richiede che gli autori originari siano riconosciuti e che il lavoro non venga sfruttato commercialmente.
attribution, non-commercial, share alike byncsa Si richiede che gli autori originari siano riconosciuti, che il lavoro non venga sfruttato commercialmente e che la licenza rimanga la stessa.
attribution, share alike bysa Si richiede che gli autori originari siano riconosciuti e che la licenza rimanga la stessa.

2.2   Licenze approvate da Creative Commons

Molti siti che consentono la pubblicazione di opere artistiche accettano esclusivamente un insieme di licenze approvate da Creative Commons, pertanto è bene sapere risalire alle licenze di proprio interesse attraverso la catalogazione e il riferimento di Creative Commons. Nelle tabelle successive si vedono le licenze principali di Creative Commons e il riferimento alla dichiarazione di dominio pubblico, assieme alle due licenze più importanti di Free Software Foundation.

Tabella 2.3. Licenze definite attraverso un URI, secondo Creative Commons.

Definizione URI
attribution <http://creativecommons.org/licenses/by/3.0/>
attribution,
no derivatives work
<http://creativecommons.org/licenses/by-nd/3.0/>
attribution,
non-commercial,
no derivatives work
<http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/3.0/>
attribution,
non-commercial
<http://creativecommons.org/licenses/by-nc/3.0/>
attribution,
non-commercial,
share alike
<http://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/3.0/>
attribution,
share alike
<http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0/>

Tabella 2.4. Alcune licenze diverse definite attraverso un URI, secondo Creative Commons.

2.3   Iconografia semplificata

Creative Commons suggerisce l'uso di un'iconografia semplificata per dichiarare le caratteristiche di massima della licenza utilizzata. In passato, tutte le licenze scritte da Creative Commons, si associavano a un solo tipo di icona, dove si poteva solo intendere che non tutti i diritti erano riservati: some rights. Attualmente l'iconografica è più chiara, come descritto nella tabella successiva.

Tabella 2.5. Icone suggerite da Creative Commons per dichiarare in linea di massima il genere di licenza utilizzato. Non tutte le licenze approvate dal Creative Commons appaiono in questa tabella.

Licenza Icona associata

dominio pubblico
pd

attribution
by

attribution, no derivatives work
by nd

attribution, non-commercial, no derivatives work
by nc nd

attribution, non-commercial
by nc

attribution, non-commercial, share alike
by nc sa

attribution, share alike
by sa

GNU GPL
GPL

GNU LGPL
LGPL

2.4   Qualificazione delle opere

All'interno di un file HTML (o XHTML) è possibile inserire del codice che consente a un motore di ricerca o a un navigatore di classificarne il contenuto, in linea di massima, dal punto di vista legale, riguardo alle facoltà concesse o meno a chi ne deve fruirne.

2.5   Riferimenti


Appunti di informatica libera 2008 --- Copyright © 2000-2008 Daniele Giacomini -- <appunti2 (ad) gmail·com>


Dovrebbe essere possibile fare riferimento a questa pagina anche con il nome creative_commons.htm

[successivo] [precedente] [inizio] [fine] [indice generale] [indice ridotto] [indice analitico] [home]

Valid ISO-HTML!

CSS validator!

Gjlg Metamotore e Web Directory