[successivo] [precedente] [inizio] [fine] [indice generale] [indice ridotto] [indice analitico] [home] [volume] [parte]


Capitolo 502.   Alml: elementi interni alle righe

Esistono due gruppi fondamentali di elementi: contenitori a blocco e contenitori lineari. Nel primo caso si possono immaginare dei rettangoli che contengono qualcosa, mentre nel secondo si tratta generalmente di sequenze di caratteri che scorrono e vanno a capo quando serve. Il caso tipico di elemento che costituisce un blocco è il «paragrafo», p, che a sua volta contiene componenti lineari, mentre il caso tipico di elemento che può essere inserito esclusivamente in un contesto lineare è l'enfatizzazione, em. La tabella successiva riepiloga gli elementi comuni che riguardano inserzioni all'interno della riga.

Tabella 502.1. Elementi inseriti all'interno delle righe.

Elemento Descrizione
em
Delimita un testo che deve essere reso in modo enfatizzato normale.
strong
Delimita un testo che deve essere reso in modo enfatizzato rafforzato.
big
Delimita un testo che deve apparire relativamente più grande.
small
Delimita un testo che deve apparire relativamente più piccolo.
acronym
Delimita un acronimo.
dacronym
Delimita la descrizione di un acronimo.
kbd
Delimita un testo che rappresenta la pressione di un tasto o di una combinazione di tasti.
vkbd
Delimita un testo che rappresenta la selezione virtuale di un tasto o di una combinazione di tasti.
kp
Delimita un testo che rappresenta la pressione di un tasto o di una combinazione di tasti della porzione numerica della tastiera.
asciicode
Delimita un testo che rappresenta un codice ASCII.
button
Delimita un testo che rappresenta la selezione di un bottone grafico.
menuitem
Delimita un testo che rappresenta la voce di un menù.
code
Codice: delimita un testo con la stessa funzione dell'elemento CODE di HTML.
samp
Stringa: delimita un testo con la stessa funzione dell'elemento SAMP di HTML.
file
Delimita il testo che rappresenta il percorso di un file o di una directory.
dfn
Delimita un testo da intendere come definizione.
strdfn
Delimita un testo da intendere come definizione espressa in una lingua straniera.
special special="nome"
Delimita un testo che ha un significato speciale e appartiene a un gruppo di termini definito dal nome assegnato all'attributo.
sup
pwr
Questi due elementi, delimitano un testo che deve essere elevato ad apice. Nel secondo caso, si intende che debba trattarsi di una potenza.
sub
Delimita un testo che deve essere abbassato a pedice.
email
Delimita un testo da trattare come indirizzo di posta elettronica da mascherare. Si usa delimitando il contenuto in una sezione marcata di tipo CDATA e serve a mascherare gli indirizzi ai sistemi automatici di raccolta di tali informazioni.
num
Delimita un numero normale, composto da cifre numeriche, punto o virgola e segno iniziale.
exa
Delimita un numero in base sedici.
dec
Delimita un numero in base dieci.
oct
Delimita un numero in base otto.
bin
Delimita un numero in base due.

Nelle sezioni successive viene approfondito l'uso di alcuni di questi elementi.

502.1   Numeri

La rappresentazione uniforme di valori numerici, specie quando si opera spesso con basi di numerazione insolite, diventa un aspetto delicato. Alml prevede alcuni elementi da utilizzare all'interno delle righe per delimitare valori numerici, eventualmente con basi di numerazione particolari, come si vede nella tabella successiva:

Tabella 502.2. Elementi inseriti all'interno delle righe per la rappresentazione uniforme di valori numerici.

Elemento Descrizione
num
Delimita un numero normale, composto da cifre numeriche, punto o virgola e segno iniziale.
exa
Delimita un numero in base sedici. Può contenere anche gli elementi var, em e strong.
dec
Delimita un numero in base dieci. Può contenere anche gli elementi var, em e strong.
oct
Delimita un numero in base otto. Può contenere anche gli elementi var, em e strong.
bin
Delimita un numero in base due. Può contenere anche gli elementi var, em e strong.

Il caso dell'elemento num è speciale: si fa riferimento a un numero in base dieci in cui non si mostra la base di numerazione, ma si usa una modalità di rappresentazione standard. Per questa ragione, il numero in questione deve essere inserito come previsto, utilizzando la virgola o il punto come separatore della parte decimale,(1) aggiungendo il segno all'inizio, se necessario, senza usare altri spazi o altri caratteri. Il numero viene elaborato separando le cifre a terne.

Per quanto riguarda gli altri elementi per la rappresentazione di valori numerici, a seconda del tipo di composizione si utilizza un modo diverso per mostrare la base di numerazione. Si osservi l'esempio seguente:

<p>Il numero <num>1234</num> si può esprimere secondo varie basi di
numerazione: <bin>10011010010</bin>, oppure <oct>2322</oct>, oppure
<dec>1234</dec>, oppure <exa>4D2</exa>.</p>

Ecco il risultato dopo la composizione:

Il numero 1 234 si può esprimere secondo varie basi di numerazione: 100110100102, oppure 23228, oppure 123410, oppure 4D216.

502.2   Tastiera, menù e codice ASCII

Alml prevede diversi elementi per indicare l'interazione con la tastiera, con i programmi e per individuare dei codici ASCII speciali. Si distingue tra tastiera reale, tastiera virtuale, codici ASCII, bottoni grafici e voci di menù dei programmi.

Tabella 502.5. Elementi che riguardano l'uso della tastiera, l'individuazione di codici ASCII e l'uso dei programmi.

Elemento Descrizione
kbd
Delimita un testo che rappresenta la pressione di un tasto o di una combinazione di tasti.
vkbd
Delimita un testo che rappresenta la selezione virtuale di un tasto o di una combinazione di tasti.
kp
Delimita un testo che rappresenta la pressione di un tasto o di una combinazione di tasti della porzione numerica della tastiera.
asciicode
Delimita un testo che rappresenta un codice ASCII.
button
Delimita un testo che rappresenta la selezione di un bottone grafico.
menuitem
Delimita un testo che rappresenta la voce di un menù.

Segue la descrizione di alcuni esempi.

502.3   Indirizzi di posta elettronica

Per evitare di favorire l'individuazione di indirizzi di posta elettronica nei documenti pubblicati per la consultazione in linea, occorre camuffare questi indirizzi in qualche modo. Per evitare di dovervi provvedere a mano, esiste l'elemento email, che va usato come nell'esempio seguente:

<p>Tizio Tizi, raggiungibile all'indirizzo
<email><![CDATA[tizio@brot.dg]]></email>, ha scritto...</p>

Ecco il risultato visibile nella composizione:

Tizio Tizi, raggiungibile all'indirizzo <tizio (ad) brot·dg>, ha scritto...

Si osservi che l'indirizzo di posta elettronica va indicato racchiuso in una sezione marcata di tipo CDATA, esattamente come si vede nell'esempio appena mostrato.


1) Il segno meno, va indicato con il trattino normale.


Appunti di informatica libera 2008 --- Copyright © 2000-2008 Daniele Giacomini -- <appunti2 (ad) gmail·com>


Dovrebbe essere possibile fare riferimento a questa pagina anche con il nome alml_elementi_interni_alle_righe.htm

[successivo] [precedente] [inizio] [fine] [indice generale] [indice ridotto] [indice analitico] [home]

Valid ISO-HTML!

CSS validator!

Gjlg Metamotore e Web Directory