[successivo] [precedente] [inizio] [fine] [indice generale] [indice ridotto] [indice analitico] [home] [volume] [parte]


Capitolo 38.   Dispositivi

Nei sistemi Unix, i dispositivi sono manifestati da file speciali collocati nella directory /dev/. L'utilizzo diretto dei dispositivi è spesso un'operazione delicata, che può essere eseguita solo dall'utente root. Alcuni esercizi di questa sezione vanno svolti come utente root e in tal caso si può notare l'invito della shell, che negli esempi viene rappresentato dal simbolo #.

38.1   File «/dev/null»

Il file di dispositivo /dev/null corrisponde in lettura a un file vuoto e in scrittura a una sorta di buco senza fondo: tutto ciò che vi viene scritto è perduto. Questa particolarità è molto utile negli script in cui si vuole evitare che i comandi contenuti emettano segnalazioni all'utente.

ls /bin > /dev/null[Invio]

Il comando appena mostrato non emette nulla sullo schermo perché tutto viene ridiretto verso /dev/null. Si può verificare che in questo file non ci sia più alcuna traccia con il comando seguente:

cat /dev/null[Invio]

Non si ottiene alcun output.

38.2   Dispositivi di memorizzazione

La gestione diretta dei dispositivi di memorizzazione è un'operazione delicata e richiede i privilegi dell'utente root.

su[Invio]

Password: ameba[Invio]

I dispositivi di memorizzazione possono essere gestiti come se fossero dei file. In pratica, un dischetto da 1 440 Kibyte può essere trattato come se fosse un file della stessa dimensione.

Nell'esercizio sulle unità di memorizzazione sono stati inizializzati alcuni dischetti e vi è stato copiato dentro qualcosa.

Si procede in modo da generare un file-immagine di un dischetto di quelli preparati in precedenza. Si inserisce uno di quei dischi.

cp /dev/fd0 disco.img[Invio]

Il dischetto di cui è stata fatta la copia in un file-immagine non è stato innestato in precedenza e tuttora non risulta innestato.

ls -l disco.img[Invio]

-rw-r-----   1 root     root      1474560 Dec 28 14:59 disco.img

Volendo eseguire la copia del dischetto a cui appartiene questa immagine, basta sostituirlo con un altro che sia già stato inizializzato a basso livello (con fdformat per esempio, o con un altro sistema operativo con gli strumenti che questo mette a disposizione) e quindi copiare il file-immagine sul file di dispositivo corrispondente al dischetto.

Si sostituisce il dischetto e si procede.

cp disco.img /dev/fd0[Invio]

Il dischetto che si ottiene contiene la copia identica di quello di partenza.

38.3   Conclusione

L'accesso diretto ai file di dispositivo è un metodo utilizzato particolarmente per la riproduzione di dischi (prevalentemente dischetti) in modo da conservare tutte le informazioni in essi contenuti. Questa tecnica viene usata specialmente per la trasmissione e la riproduzione di dischetti di sistemi operativi differenti, ed è normalmente ciò che si fa quando, a partire dal Dos, si devono preparare i primi dischetti di installazione di GNU/Linux.


Appunti di informatica libera 2008 --- Copyright © 2000-2008 Daniele Giacomini -- <appunti2 (ad) gmail·com>


Dovrebbe essere possibile fare riferimento a questa pagina anche con il nome dispositivi.htm

[successivo] [precedente] [inizio] [fine] [indice generale] [indice ridotto] [indice analitico] [home]

Valid ISO-HTML!

CSS validator!

Gjlg Metamotore e Web Directory