[successivo] [precedente] [inizio] [fine] [indice generale] [indice ridotto] [indice analitico] [home] [volume] [parte]


Capitolo 356.   Cache proxy

Nella terminologia utilizzata per le reti, una cache proxy è un servizio di memorizzazione locale delle risorse della rete richieste più frequentemente. Con il termine «risorsa» si deve intendere un oggetto a cui si accede attraverso un URI.

L'utilizzo di un proxy offre due vantaggi principali: l'accesso rapido a risorse già accumulate nella memoria cache e la riduzione del traffico nella rete che precede il proxy stesso.

Un programma che offre un servizio del genere, tende a utilizzare un gran numero di file aperti in modo contemporaneo, tanto che si può arrivare facilmente a superare il limite previsto dal kernel, cosa che comporta una riduzione delle prestazioni nella gestione della memoria cache. Nel caso particolare di un kernel Linux attuale, il limite per ogni singolo processo dovrebbe essere di 1 024 file aperti simultaneamente; limite che non può essere modificato se non si interviene direttamente nel sorgente, come spiegato nel file Documentation/proc.txt dei sorgenti.

356.1   Schema essenziale

Il proxy si interpone nella rete agendo, idealmente, al di sopra del quinto livello del modello ISO-OSI, come si vede nella figura 356.1. Infatti, il cliente di un proxy intrattiene normalmente una connessione HTTP o FTP; così il proxy deve intrattenere lo stesso tipo di connessione, per conto proprio, con il servente a cui il cliente avrebbe voluto rivolgersi realmente, a meno di ottenere tali risorse dalla sua memoria cache.

Figura 356.1. Il proxy trasferisce PDU al di sopra del quinto livello; in pratica gestisce direttamente i protocolli a livello di sessione.

proxy

Il servizio di cache proxy può essere collocato in posizioni differenti nella rete, a seconda delle esigenze o delle particolarità delle situazioni. Generalmente, lo scopo è quello di servire un segmento di rete, indifferentemente dal fatto che questo segmento utilizzi indirizzi privati o sia accessibile dall'esterno.

356.1.1   Servire un segmento di rete

Quando un proxy viene utilizzato per servire un segmento di rete rispetto alla rete esterna, senza fare altre considerazioni, è sufficiente che l'elaboratore su cui viene collocato il servizio sia accessibile da questo segmento di rete e che a sua volta sia in grado di accedere all'esterno.

Figura 356.2. In questa situazione, il servente proxy è collegato come tutti gli altri elaboratori al segmento di rete da servire.

proxy in una rete a bus

A questa situazione appartiene anche il caso limite in cui il proxy serve solo se stesso, quindi la stessa macchina è servente e anche cliente.

356.1.2   Proxy a più livelli

Un proxy potrebbe servirsi di altri proxy quando si tratta di accedere a reti determinate, alleggerendo in questo modo il carico della rete anche in altri punti, non solo nel tratto immediatamente precedente.

Figura 356.3. Ogni collegamento ha un proprio proxy locale che però si avvale di un proxy principale prima di raggiungere la rete esterna.

proxy a più livelli

La figura 356.3 mostra il caso di un collegamento a una rete esterna, (A), condiviso da due segmenti di rete, che si collegano a questa attraverso i collegamenti B e C. A valle del collegamento A si trova un proxy il cui scopo è quello di ridurre il più possibile il traffico attraverso quel tratto; a valle dei collegamenti B e C si trovano altri proxy locali il cui scopo è quello di ridurre il traffico attraverso i collegamenti rispettivi. In questa situazione, i proxy locali utilizzano a loro volta il servente principale, mentre tutto quello che viene accumulato nei proxy locali, viene conservato anche in quello principale.

356.1.3   Proxy come filtro verso l'esterno

Il servente proxy, se si trova in un elaboratore che è connesso simultaneamente, attraverso interfacce di rete differenti, a una rete interna con indirizzi privati (cioè esclusi da Internet) e alla rete esterna, può essere utilizzato per permettere ai clienti della rete privata di avere accesso all'esterno attraverso il proxy stesso.

Questo accesso si limita ai protocolli gestiti dal proxy; spesso si tratta solo di HTTP e FTP.

Figura 356.4. Come caso estremo, il proxy può ricoprire anche un ruolo di filtro e inoltro di pacchetti tra una rete privata e la rete esterna.

proxy filtro

356.2   Dal lato del cliente

I clienti per la navigazione, vanno configurati per poter sfruttare il servizio della cache proxy. Per esempio, la figura 356.5 mostra la finestra di configurazione di un navigatore comune.

Figura 356.5. Esempio di configurazione di un navigatore comune per l'utilizzo della cache proxy. Si osservi il fatto che per usare la porta 8 080 occorre che il servente sia in ascolto sulla stessa.

web-client-conf-cache-proxy

È interessante anche la configurazione di Lynx per l'utilizzo di un servizio di cache proxy. È sufficiente definire alcune variabili di ambiente, come elencato nella tabella 356.6. Per esempio, per utilizzare il protocollo HTTP attraverso il proxy http://proxy.brot.dg nella porta 8 080, si potrebbe agire come si vede qui:

http_proxy="http://proxy.brot.dg:8080"[Invio]

export http_proxy[Invio]

lynx http://www.indirizzo.remoto"[Invio]

Tabella 356.6. Elenco delle variabili di ambiente per la configurazione dell'accesso a un proxy da parte di Lynx.

Variabile Descrizione
http_proxy
Proxy per il protocollo HTTP.
ftp_proxy
Proxy per il protocollo FTP.
gopher_proxy
Proxy per il protocollo Gopher.
wais_proxy
Proxy per il protocollo WAIS.

Anche Links prevede una configurazione per l'utilizzo di proxy; si tratta di opzioni della riga di comando o di direttive di file di configurazione:

Opzione Direttiva Descrizione
-ftp-proxy "nodo:n_porta"
ftp_proxy "nodo:n_porta"
Proxy per il protocollo FTP.
-http-proxy "nodo:n_porta"
http_proxy "nodo:n_porta"
Proxy per il protocollo HTTP.

I programmi di navigazione offrono anche la possibilità di richiedere al proxy di prelevare una nuova copia della pagina, anche se non sono scaduti i tempi previsti. Nel caso di programmi grafici si tratta normalmente di selezionare pulsanti grafici del tipo <Reload>, <Ricarica> o simili. Per quanto riguarda il caso particolare di Lynx, si può usare l'opzione -reload, mentre con Links si può usare la combinazione di tasti [Ctrl r].

Il proxy risponde alle richieste dei programmi clienti attraverso una porta particolare, che dipende dalla configurazione del servizio. Apparentemente, ogni tipo di proxy ha una sua impostazione predefinita differente, mentre la tendenza generale è quella di utilizzare la porta 8 080. È necessario fare attenzione a questo particolare quando si configura il proxy, per non creare confusione inutile agli utenti del servizio.

Se si vuole sfruttare un proxy nel modo indicato nella sezione 356.1.3, si possono usare solo programmi che prevedono espressamente la presenza di questo, attraverso i protocolli serviti effettivamente dal proxy stesso.

356.3   Caratteristiche comuni ai cache proxy da considerare

Prima di affrontare lo studio di un tipo particolare di cache proxy, vale la pena di riordinare le idee sulle esigenze tipiche di un servizio del genere, che poi si riflettono conseguentemente nella configurazione relativa. In breve i problemi riguardano essenzialmente i punti seguenti:

356.4   Apache

Il servente HTTP Apache incorpora delle funzionalità di proxy elementare. In queste sezioni viene valutato solo ciò che è necessario fare per configurare il servizio attraverso il file httpd.conf (collocato normalmente nella directory /etc/apache/). Per il resto che riguarda Apache conviene consultare i capitoli 335 e 336.

In generale, Apache non è il software migliore per svolgere anche questo compito. Se possibile è meglio usare Squid.

Per poter utilizzare la funzionalità di cache proxy di Apache è necessario attivare il modulo relativo, a meno che questo sia stato incorporato nell'eseguibile principale in base alla configurazione stabilita al momento della compilazione. Questa attivazione si fa con la direttiva seguente nel file httpd.conf:

LoadModule proxy_module directory/libproxy.so

La direttiva in questione dovrebbe essere già stata predisposta, commentata in modo da non essere presa in considerazione. In tal modo non ci si deve preoccupare di trovare la directory giusta per la libreria indicata.

Tabella 356.8. Attivazione e collocazione. La configurazione predefinita di Apache non prevede la gestione del proxy. Di solito sono presenti alcune direttive di esempio, debitamente commentate, in modo da facilitare il lavoro dell'amministratore.

Direttiva Descrizione
ProxyRequests {on|off}

La direttiva ProxyRequests permette di attivare o meno la gestione della cache proxy. L'esempio seguente mostra la sua attivazione:

ProxyRequests on
CacheRoot directory_cache

La direttiva CacheRoot permette di definire la directory da utilizzare per contenere la memoria cache. La directory in questione deve risultare accessibile in scrittura all'utente e gruppo specificati con le direttive User e Group (potrebbe trattarsi di nobody, www-data o qualcosa di simile).

CacheRoot /var/cache/httpd/proxy

Tabella 356.9. Caratteristiche della memoria cache.

Direttiva Descrizione
CacheSize n_Kibyte

La direttiva CacheSize specifica la dimensione in kibibyte (simbolo: «Kibyte») dello spazio su disco da utilizzare per la memoria cache. Questo valore può essere superato, ma periodicamente viene eseguito un controllo con l'eliminazione dei file più vecchi che eccedono tale limite. L'esempio mostra la dichiarazione di una memoria cache di 500 000 Kibyte:

CacheSize 500000
CacheGcInterval n_ore

In questo modo può essere definito l'intervallo tra una ripulitura e l'altra della memoria cache, alla ricerca di file troppo vecchi e di quelli che eccedono il limite di dimensione stabilita. L'esempio mostra la dichiarazione di un intervallo di controllo orario (una sola ora):

CacheGcInterval 1
CacheMaxExpire n_ore

I documenti HTTP vengono conservati per un massimo di ore stabilito con questa direttiva. Superato tale tempo, alla richiesta di un cliente, viene fatta una verifica dall'origine. Questo limite di tempo è imposto anche se il documento originale indica una data di scadenza superiore. L'esempio mostra una scadenza massima di 24 ore:

CacheMaxExpire 24
CacheDefaultExpire n_ore

Quando il tipo di protocollo non prevede l'indicazione di una scadenza, si utilizza il tempo indicato attraverso la direttiva CacheDefaultExpire.

CacheLastModifiedFactor fattore

Questa direttiva definisce un «fattore» utilizzato per calcolare un tempo di scadenza quando il documento originale non lo fornisce. In pratica si applica la formula x=t*f, dove f è il fattore, t è il tempo trascorso dall'ultima modifica, e x è il tempo di scadenza (il periodo di validità).

La logica sta nel fatto che è più probabile che una pagina venga modificata ancora entro breve tempo se la sua data di modifica è recente. Infatti, minore è il tempo trascorso dall'ultima modifica, minore è la durata di validità risultante dalla formula. L'esempio mostra un fattore di 0,1, pari al 10 % del tempo trascorso dall'ultima modifica:

CacheLastModifiedFactor 0.1

Tabella 356.10. Esclusione dalla memoria cache. Ci sono situazioni in cui non è opportuno che il proxy accumuli nella sua memoria cache informazioni riferite a determinati domini o sottoreti. Di sicuro non è conveniente farlo per la propria rete locale, a meno che non ci siano delle buone ragioni.

Direttiva Descrizione
NoCache {dominio|parola}...

Per escludere alcuni nodi o domini interi dalla memoria cache basta elencare i nomi, separati da uno spazio, con la direttiva NoCache. In generale vengono esclusi tutti gli indirizzi che contengono in qualche modo le «parole» indicate, per cui continuano a essere presi in considerazione gli indirizzi IP equivalenti.

L'esempio esclude dalla memoria cache il nodo roggen.brot.dg e il dominio mehl.dg:

NoCache roggen.brot.dg mehl.dg
NoProxy {nome|dominio|indirizzo-ip\
  \|sottorete}...

Questa direttiva consente di dichiarare in modo più preciso cosa escludere dalla cache rispetto alla direttiva simile NoCache. L'esempio seguente esclude tutto il dominio escluso.dg:

NoProxy escluso.dg

Per attivare effettivamente il servizio, oltre alla configurazione del file httpd.conf, occorre predisporre la directory utilizzata per la memoria cache. Questa deve essere accessibile in scrittura da httpd, nelle condizioni in cui si trova normalmente; in altri termini, deve essere accessibile all'utente secondo la cui identità è in funzione il demone. In generale potrebbe trattarsi di nobody, di www-data o di qualcosa di simile.

L'esempio seguente mostra le direttive del file httpd.conf per una configurazione tipica. Ciò che può valere la pena di modificare è la dimensione della memoria cache.

ProxyRequests On

CacheRoot /var/cache/httpd/proxy
CacheSize 500000
CacheGcInterval 1
CacheMaxExpire 24
CacheLastModifiedFactor 0.1
CacheDefaultExpire 1
Listen 80
Listen 8080

L'esempio mostra in particolare la direttiva Listen, usata per fare in modo che httpd stia in ascolto sia della porta 80 che della porta 8 080. Infatti, la porta 8 080 è quella utilizzata convenzionalmente dai clienti per interpellare un servente proxy, mentre la porta 80 serve a consentire l'accesso normale al servizio HTTP.

In generale, un servizio proxy dovrebbe essere accessibile solo dalla rete (o sottorete) per la quale è stato attivato. Qualunque altro utente non ne potrebbe trarre vantaggio, mentre un utilizzo improprio servirebbe solo a intasare inutilmente il collegamento che invece si vuole alleggerire.

Per la protezione del servizio di cache proxy si può utilizzare una sezione Directory nel file access.conf, come nell'esempio seguente:

<Directory proxy:*>
        order deny,allow
        deny from all
        allow from .brot.dg
</Directory>

In questo caso si concede solo al dominio brot.dg di accedere.

356.5   Squid

Squid (1) è un programma specifico, molto potente, per la gestione di una cache proxy. Tuttavia, il suo difetto è la carenza di documentazione.

356.5.1   Avvio

squid [opzioni]

Squid viene avviato normalmente attraverso la procedura di inizializzazione del sistema, in uno script, attraverso un comando che lo mette esplicitamente sullo sfondo, per esempio come nel modo seguente:

squid &[Invio]

Le prime volte, l'avvio di Squid può riservare delle sorprese. È importante sapere che all'avvio Squid tenta di risolvere l'indirizzo di alcuni nodi, attraverso il DNS. Nella maggior parte dei casi, se Squid viene avviato in una rete chiusa, il servizio non parte perché questa richiesta fallisce.

Pertanto, se si avvia Squid quando si è isolati dall'esterno, occorre evitare che venga eseguito il controllo; per questo si utilizza l'opzione -D della riga di comando.

Le distribuzioni GNU/Linux che prevedono Squid tra i pacchetti standard, dovrebbero avere organizzato uno script per il suo avvio automatico attraverso la procedura di inizializzazione del sistema; come già accennato. Se si intende avviare Squid quando non è presente uno sbocco verso Internet, potrebbe essere necessario modificare tale script in modo da inserire l'opzione -D, se questa non è già presente. Nel caso della distribuzione Red Hat, questo script si trova nella directory /etc/rc.d/init.d/, mentre nel caso di Debian, si tratta della directory /etc/init.d/.

squid -D &

Per verificare che Squid funzioni correttamente, può essere sufficiente osservare l'albero dei processi attivi attraverso pstree. Si dovrebbe ottenere qualcosa come il pezzo seguente:

squid---squid-+-5*[dnsserver]
              |-pinger
              `-squid---16*[squid]

Come si può osservare, il binario squid pilota altri programmi che fanno parte dello stesso pacchetto.

Le opzioni, quando si riferiscono a elementi che possono essere definiti attraverso il file di configurazione, prendono il sopravvento su questa.

Opzione Descrizione
-a n_porta
Permette di specificare il numero della porta attraverso la quale i clienti devono connettersi per accedere al servizio. Il valore predefinito, salvo altra indicazione nel file di configurazione, è 3 128.
-f file_di_configurazione
Permette di definire un file di configurazione alternativo a /etc/squid.conf.
-k {reconfigure|rotate\
  \|shutdown|interrupt\
  \|kill|debug|check}
Permette di inviare un segnale al servente Squid attivo. La parola chiave utilizzata come argomento dell'opzione determina l'effetto che si ottiene. In particolare vanno considerate quelle seguenti.
-k reconfigure
Fa in modo che venga riletta la configurazione.
-k rotate
Ruota i file delle registrazioni contenuti nella directory /var/log/squid/.
-k shutdown
Chiude correttamente l'attività di Squid.
-k check
Verifica il funzionamento di Squid, controllando in particolare la correttezza formale del file di configurazione.
-s
Abilita l'inserimento di informazioni nel registro del sistema.
-u porta_icp
Specifica la porta ICP, cioè quella utilizzata per comunicare con gli altri proxy.
-z
Svuota la memoria cache.
-D
Disabilita il controllo iniziale del DNS, attraverso il tentativo di risoluzione di alcuni indirizzi.
-F
Ricostruisce il sistema di directory in cui si articola quella che deve contenere la memoria cache. Di solito, si utilizza assieme a -z, per essere sicuri che vengano cancellate eventuali tracce precedenti.

356.5.2   RunCache

RunCache è uno script aggiuntivo usato per avviare Squid e per controllare che non «muoia» accidentalmente. In pratica, serve a garantirne il funzionamento. Vale la pena di citarne la sua esistenza, anche se non è necessario il suo utilizzo, perché può capitare che la distribuzione GNU/Linux di cui si dispone sia organizzata in modo da avviare Squid attraverso questo meccanismo. Lo script potrebbe trovarsi nella directory /usr/lib/squid/.

356.5.3   Registrazione degli eventi

Squid utilizza file specifici per la registrazione degli eventi, anche quando si utilizza l'opzione -s per inviare informazioni al registro del sistema. Questi file si trovano nella directory /var/log/squid/. Quando si invia al servente il segnale rotate (attraverso l'opzione -k), si ottiene l'archiviazione dei file, aggiungendo loro un'estensione numerica che ne indica il livello. Per esempio, cache.log.0 rappresenta l'archivio più recente di cache.log.

356.5.4   Configurazione

La configurazione di Squid avviene attraverso il file /etc/squid.conf, o un altro file se viene usata l'opzione -f. Questo file è già configurato in modo da permettere a Squid di funzionare in quasi tutte le situazioni, tuttavia sarebbe bene ritoccare qualcosa; per esempio il numero di porta del servizio e il dominio o il gruppo di indirizzi a cui concedere di poterlo utilizzare.

La sintassi del file è molto semplice: ciò che è preceduto dal simbolo #, viene trattato come un commento fino alla fine della riga; le righe bianche e le righe vuote sono ignorate; il resto sono le direttive, composte nel modo seguente:

direttiva [argomenti]

Tabella 356.16. Alcune direttive.

Direttiva Descrizione
http_port n_porta...
Permette di modificare la porta predefinita per l'ascolto delle richieste dei clienti. La porta predefinita è 3 128. La porta predefinita, oppure quella che viene indicata in questo modo nel file di configurazione, può essere modificata ulteriormente attraverso l'opzione -a, che prende il sopravvento su tutto.
Come si vede dal modello sintattico, si può indicare anche più di una porta.
icp_port n_porta
Definisce il numero di porta attraverso cui Squid riceve e invia le richieste ICP da e verso i cache proxy prossimi. Il valore predefinito è 3 130.
cache_peer nodo tipo porta_proxy porta_icp [opzioni]
Permette di definire l'indirizzo e le caratteristiche di un altro proxy. Il tipo e le opzioni sono rappresentati da diverse parole chiave che permettono di regolare situazioni diverse, ma non ben descritte nella poca documentazione. In generale, dovrebbe andare bene una forma semplificata come quella seguente:
cache_peer nodo parent porta_proxy porta_icp
Il numero di porta proxy è lo stesso usato dai clienti per connettersi a quel servente. Trattandosi di Squid potrebbe essere il numero 3 128, ma se questo valore è stato modificato nella configurazione di quel servente, occorre ricordarsene anche qui. Il numero della porta ICP è solitamente 3 130 (sempre se si tratta di Squid).
hierarchy_stoplist parola...
Permette di indicare un elenco di parole (stringhe) che potrebbero essere contenute in un URI. In presenza di tali URI, non vengono interpellati i proxy vicini. Questa direttiva viene proposta nel file di configurazione predefinito nella forma hierarchy_stoplist cgi-bin ?, per escludere tutti gli URI che potrebbero essere riferiti a programmi CGI.
no_cache deny nome_acl...
Permette di indicare una serie di casi in cui, gli oggetti riferiti a URI identificati dai nomi posti come argomento non vengono salvati nella memoria cache. Questa direttiva si affianca a hierarchy_stoplist, tanto che solitamente vengono usate entrambe con gli stessi argomenti.
I nomi indicati come argomenti di questo comando sono definiti attraverso la direttiva acl (Access list). Generalmente si utilizzano le due direttive seguenti per impedire la memorizzazione di oggetti che contengono nel percorso dell'URI le stringhe cgi-bin e ?:
acl INTERROGAZIONE urlpath_regex cgi-bin \?
no_cache deny INTERROGAZIONE
cache_mem memoria_ram
Definisce la quantità di memoria RAM ideale (espressa in mebibyte, corrispondente al simbolo Mibyte) che deve essere riservata per la parte di memoria cache utilizzata più frequentemente. Questa direttiva non definisce il valore massimo; dà solo un'indicazione a Squid, il quale ne può utilizzare in pratica molta di più. Il valore predefinito è di 8 Mibyte.
maximum_object_size dimensione unità_di_misura
Permette di definire la dimensione massima, espressa secondo l'unità di misura indicata, di ogni oggetto che viene conservato nella memoria cache. Gli oggetti di dimensione maggiore, non vengono accumulati. Le sigle che si possono usare sono: KB per indicare kibibyte (simbolo: «Kibyte») e MB per indicare mebibyte (simbolo: «Mibyte»).
cache_dir directory_cache [dimensione primo_livello \
  \secondo_livello]
Permette di dichiarare una directory da utilizzare per la conservazione della memoria cache (ne possono essere dichiarate anche più di una). La dimensione è un numero che esprime una quantità in mebibyte (simbolo: «Mibyte»); il primo e il secondo livello sono la quantità di directory e sottodirectory in cui deve articolarsi la memoria cache.
Se non viene specificata alcuna direttiva cache_dir, ne viene definita una in modo predefinito, che dovrebbe corrispondere a /var/spool/squid/.
cache_access_log registro_degli_accessi
Permette di definire il percorso assoluto del file utilizzato per accumulare le registrazioni degli accessi. Di solito si tratta di /var/log/squid/access.log.
cache_store_log registro_dell'accumulo
Permette di definire il percorso assoluto del file utilizzato per accumulare le registrazioni delle operazioni di accumulo e di eliminazione di oggetti della memoria cache. Di solito si tratta di /var/log/squid/store.log.
cache_log registro_della_cache
Accumula informazioni diagnostiche in base al livello stabilito attraverso la direttiva debug_options.
debug_options sezione,livello
Permette di definire il tipo e la quantità di informazioni diagnostiche da annotare. In generale, si utilizza l'argomento ALL,1, dove il numero uno rappresenta il livello minimo, che potrebbe arrivare a un massimo di nove.
acl nome tipo stringa
acl nome tipo "file"
Questa direttiva permette di definire un nome attraverso cui identificare un «controllo di accesso». La cosa si può articolare in modo molto complesso e inizialmente è meglio concentrarsi su alcuni tipi di utilizzo.
acl nome src indirizzo_ip/maschera_ip
Il tipo src permette di identificare un gruppo di indirizzi IP, attraverso la coppia indirizzo/maschera. A questo gruppo viene attribuito un nome che può essere usato con la direttiva http_access, per controllare l'accesso da parte di quel gruppo di indirizzi.
http_access {deny|allow} [!]nome...
Permette o vieta l'accesso al servizio da parte dei clienti identificati attraverso i nomi indicati come argomento; nomi che si riferiscono a quanto dichiarato con la direttiva acl.
La parola chiave deny vieta l'accesso, mentre allow lo consente. Se un nome viene indicato preceduto immediatamente da un punto esclamativo, allora si intende esprimere il gruppo corrispondente a tutto ciò che non rientra nella classificazione di quel nome.
Nella configurazione standard di Squid si concede a qualunque indirizzo di utilizzare il servizio di proxy, mentre sarebbe opportuno fare in modo che questo fosse accessibile solo al segmento di rete per il quale viene attivato.
cache_effective_users utente gruppo
Permette di definire per nome l'utente e il gruppo che vengono utilizzati dal processo che gestisce i file della memoria cache. Di conseguenza, tali file devono essere di proprietà di questo utente e gruppo. Di solito si tratta di nobody e del gruppo relativo; in alternativa, viene usato anche l'utente e il gruppo proxy.
dns_testnames nome...
Permette di indicare i nomi di nodi da verificare attraverso un'interrogazione DNS prima di attivare il servizio. Per disattivare questo comportamento, si utilizza l'opzione -D.

Segue la descrizione di alcuni esempi.

Squid può essere configurato in modo da impedire il prelievo di file con estensione particolare; per esempio per evitare che si possano scaricare file musicali, o semplicemente archivi compressi di qualunque genere, nel timore che questo possa comportare la violazione del diritto di autore. Inoltre, si può realizzare un elenco di indirizzi a cui impedire l'accesso, per qualunque ragione morale o legale. A questo proposito, viene mostrato un esempio completo della configurazione di Squid, in cui si annullano le funzionalità di accumulo nella memoria cache, concentrando l'attenzione sulle possibilità di filtro:

#
# Indica la porta da cui ricevere le richieste da parte dei clienti.
#
http_port 8080
#
# Individua i percorsi da non prendere in considerazione per la memoria
# cache (standard).
#
hierarchy_stoplist cgi-bin ?
acl QUERY urlpath_regex .*
no_cache deny QUERY
#
# Viene annullata la memoria cache.
#
cache_mem 0 MB
maximum_object_size 0 KB
#
# Non utilizza il proprio sistema di accumulo dei nomi ottenuti dal DNS.
#
negative_dns_ttl 0 minutes
#
# Definisce alcune direttive ACL per individuare dei file in base
# all'estensione. In seguito, le richieste che coincidono con queste
# direttive ACL vengono bloccate.
#
acl ban_mp3     url_regex -i \.mp3$
acl ban_ogg     url_regex -i \.ogg$
acl ban_mpeg    url_regex -i \.mpeg$
acl ban_mpg     url_regex -i \.mpg$
acl ban_tar_gz  url_regex -i \.tar\.gz$
acl ban_zip     url_regex -i \.zip$
acl ban_exe     url_regex -i \.exe$
acl ban_vfw     url_regex -i \.vfw$
acl ban_avi     url_regex -i \.avi$
acl ban_asx     url_regex -i \.asx$
acl ban_qt      url_regex -i \.qt$
acl ban_ram     url_regex -i \.ram$
acl ban_rm      url_regex -i \.rm$
#
# Definisce una direttiva ACL per individuare una serie di
# indirizzi (URI), completi o parziali, a cui successivamente
# si vuole bloccare l'accesso. Il file /etc/squid-banlist è un
# file di testo puro contenente questo elenco di indirizzi.
#
acl banlist   url_regex "/etc/squid-banlist"
#
# Definisce delle direttive ACL per individuare gli accessi in base
# agli indirizzi IPv4 di origine e in base alla funzione amministrativa
# (standard, a parte la definizione delle reti locali).
#
acl all src 0.0.0.0/0.0.0.0
acl manager proto cache_object
acl localhost src 127.0.0.1/255.255.255.255
acl localnets src 10.0.0.0/255.0.0.0
acl localnets src 172.16.0.0/255.240.0.0
acl localnets src 192.168.0.0/255.255.0.0
#
# Definisce delle direttive ACL per individuare gli accessi in base
# alla porta TCP di destinazione (standard).
#
acl SSL_ports port 443 563
#
acl Safe_ports port 80          # http
acl Safe_ports port 21          # ftp
acl Safe_ports port 443 563     # https, snews
acl Safe_ports port 70          # gopher
acl Safe_ports port 210         # wais
acl Safe_ports port 1025-65535  # unregistered ports
acl Safe_ports port 280         # http-mgmt
acl Safe_ports port 488         # gss-http
acl Safe_ports port 591         # filemaker
acl Safe_ports port 777         # multilink http
acl Safe_ports port 901         # SWAT
#
# Definisce delle direttive ACL per individuare degli accessi
# con richieste particolari (standard).
#
acl purge method PURGE
acl CONNECT method CONNECT
#
# Consente l'accesso alla funzionalità amministrativa solo dal nodo
# locale (standard).
#
http_access allow manager localhost
http_access deny manager
#
# Consente l'accesso alla funzionalità «PURGE» solo dal nodo
# locale (standard).
#
http_access allow purge localhost
http_access deny purge
#
# Impedisce l'accesso a porte che si ritiene facciano riferimento
# a servizi che non sono gestibili (standard).
#
http_access deny !Safe_ports
#
# Consente il metodo «CONNECT» solo verso porte adatte (standard).
#
http_access deny CONNECT !SSL_ports
#
# Blocca l'accesso a risorse che corrispondono a file con estensioni
# particolari, come definito in precedenza con le direttive ACL.
#
http_access deny ban_mp3
http_access deny ban_ogg
http_access deny ban_mpeg
http_access deny ban_mpg
http_access deny ban_tar_gz
http_access deny ban_zip
http_access deny ban_vfw
http_access deny ban_avi
http_access deny ban_asx
http_access deny ban_qt
http_access deny ban_ram
http_access deny ban_rm
#
http_access deny banlist
#
# Consente l'accesso al proxy soltanto al nodo locale e a tutti i nodi
# delle reti locali (con indirizzi privati).
#
http_access allow localhost
http_access allow localnets
http_access deny all

Il file /etc/squid-banlist potrebbe contenere righe simili all'estratto seguente:

192.168.1.96
supersesso.dg
dinkel.brot.dg/~tizio/sesso

Un elenco più consistente di indirizzi da evitare, diviso per categoria, può essere ottenuto presso <http://ftp.teledanmark.no/pub/www/proxy/squidGuard/contrib/blacklists.tar.gz>.

Se si vuole realizzare un proxy trasparente (capitolo 359), è necessario ridirigere il traffico che sarebbe destinato alla porta 80, alla porta presso la quale Squid è in ascolto localmente (negli esempi è sempre stata usata la porta 8 080 per questo scopo). Con un kernel Linux si può usare Iptables con un comando simile a quello seguente, dove si suppone che l'interfaccia eth1 sia quella rivolta verso la rete locale che si intende servire:

iptables -t nat -A PREROUTING -p tcp --dport 80 -i eth1 \
  \         -j REDIRECT --to-port 8080
[Invio]

Inoltre, Squid deve contenere le direttive seguenti nel file di configurazione:

httpd_accel_host virtual
httpd_accel_port 80
httpd_accel_with_proxy on
httpd_accel_uses_host_header on

Si osservi che con un sistema GNU/Linux non è possibile realizzare un proxy trasparente nell'ambito dello stesso elaboratore locale; ovvero, non è possibile fare in modo che il proxy trasparente si occupi anche del traffico generato localmente. Infatti, per ottenere questo risultato occorrerebbe una ridirezione del traffico uscente:

iptables -t nat -A OUTPUT -p tcp --dport 80 \
  \         -j REDIRECT --to-port 8080
[Invio]

Tuttavia, in questo modo si otterrebbe di ridirigere anche il traffico generato dallo stesso proxy, impedendo così di accedere alla porta 80.

356.5.5   Binari accessori

Squid si compone del binario squid e di altri accessori, con funzioni specifiche, avviati da questo. Si tratta di dnsserver, pinger e unlinkd, che potrebbero trovarsi nella directory /usr/lib/squid/, proprio perché non sono fatti per essere usati direttamente.

dnsserver viene usato per le interrogazioni DNS e solitamente ne vengono avviate diverse copie per accelerare le operazioni.

pinger viene usato per il protocollo ICMP; in particolare deve funzionare con i privilegi dell'utente root. Per questo motivo, è normale che appartenga a root è che abbia il bit SUID attivato (SUID-root).

unlinkd è un programma molto semplice che serve a cancellare file: cancella di volta in volta i file i cui nomi gli vengono forniti attraverso lo standard input. L'utilità di un tale programma sta nel non dover avviare ogni volta un nuovo processo per la cancellazione di ogni singolo file.

356.5.6   Interrogazione CGI

Squid fornisce un programma CGI per l'interrogazione del servizio proxy da parte dell'amministratore. Se viene installato correttamente, vi si dovrebbe accedere attraverso l'indirizzo http://localhost/cgi-bin/cachemgr.cgi. La configurazione predefinita di Squid dovrebbe escluderne l'utilizzo da parte di utenti che accedono da nodi differenti da localhost.

Figura 356.30. La maschera di cachemgr.cgi.

squid-cachemgr

Come si vede dalla figura 356.30, è necessario indicare almeno il nome del servente e il numero di porta del proxy.

356.6   OOPS

OOPS (2) è un programma specifico per la gestione di una cache proxy, relativamente più leggero di altri dal punto di vista elaborativo, che comunque è in grado di fornire le funzionalità principali di questo tipo di servizio. Da un punto di vista «pratico», un aspetto importante di OOPS sta nel fatto che la sua memoria cache può essere costituita anche da un solo file molto grande.

Quando si installa OOPS da un pacchetto già pronto per la propria distribuzione GNU, dovrebbe essere predisposto automaticamente lo script della procedura di inizializzazione del sistema che consente di avviare e fermare il servizio in modo semplice, con un comando simile a quello seguente:

/etc/init.d/oops start|stop

OOPS si compone del demone oops, che normalmente viene avviato sullo sfondo e avvia a sua volta più copie di se stesso. Se inizialmente OOPS viene avviato con i privilegi dell'utente root, questo può funzionare successivamente con privilegi minori, associati a un utente fittizio apposito (per esempio potrebbe trattarsi dell'utente e del gruppo proxy). Naturalmente, la scelta dell'utenza in questione non è casuale e di conseguenza devono essere organizzati i permessi di accesso ai file che OOPS deve utilizzare durante il funzionamento; pertanto, generalmente conviene affidarsi a quanto già predisposto da chi ha realizzato il pacchetto applicativo per la propria distribuzione GNU.

La configurazione è naturalmente l'aspetto più importante dell'utilizzo di OOPS. Si tratta di un file di configurazione, che eventualmente può importare porzioni di configurazione in file esterni, oltre che elenchi di nomi per le regole ACL. Il file di configurazione potrebbe essere precisamente /etc/oops/oops.cfg, ma può essere cambiato utilizzando l'opzione -c, come descritto nella pagina di manuale oops(8).

Il file di configurazione è un file di testo, dove le righe che iniziano con il simbolo # sono ignorate, assieme a quelle bianche o vuote. Le direttive più comuni occupano una riga soltanto, mentre possono essere presenti delle sezioni che contengono insiemi di direttive riferite a un contesto particolare. In generale, la documentazione originale, riferita alla configurazione, va letta tenendo a fianco un esempio del file di configurazione standard, che contiene molte direttive commentate.

Tabella 356.31. Alcune direttive di configurazione.

Direttiva Descrizione
include file
Include un file esterno come parte della configurazione.
http_port n_porta
Permette di modificare la porta predefinita per l'ascolto delle richieste dei clienti. La porta predefinita è 3 128.
icp_port n_porta
Definisce il numero di porta attraverso cui OOPS riceve e invia le richieste ICP da e verso i cache proxy prossimi. Il valore predefinito è 3 130.
userid nome_utente
Specifica il nome di un utente fittizio; questo serve a OOPS per funzionare con privilegi ridotti.
stop_cache stringa
Permette di indicare una stringa che potrebbe essere contenuta in un URI. Tali URI non vengono accumulati nella memoria cache. Di solito si fa questo per i documenti che sono da ritenere dinamici.
mem_max memoria_ramm
Definisce la quantità di memoria centrale massima (espressa in mebibyte, corrispondente al simbolo Mibyte, se il valore è seguito dalla lettera «m» minuscola, come nel modello) che OOPS può utilizzare.
lo_mark memoria_ramm
Definisce un livello di guardia nell'utilizzo della memoria centrale massima (espressa in mebibyte, corrispondente al simbolo Mibyte, se il valore è seguito dalla lettera «m» minuscola, come nel modello) che OOPS utilizza; quando si supera tale livello, gli oggetti corrispondenti agli indirizzi che OOPS raggiunge vengono salvati nello spazio su disco. Il valore di lo_mark deve essere inferiore a mem_max e in generale è conveniente che sia pari esattamente alla metà di mem_max.
maxresident dimensionem
Permette di definire la dimensione massima (in questo caso espressa in mebibyte) di ogni oggetto che viene conservato nella memoria cache. Gli oggetti di dimensione maggiore, non vengono accumulati.
storage {
path percorso;
size nm;
}
storage {
path percorso;
size auto;
}
Questa sezione consente di specificare il percorso assoluto del file usato per accumulare la memoria cache e la sua dimensione (in questo caso in mebibyte). Il file potrebbe essere /var/spool/ops/storages/oops_storage. Si osservi che questi file, prima di poter essere utilizzati devono essere inizializzati con l'opzione -z dell'eseguibile oops.
logfile percorso
accesslog percorso
pidfile percorso
statistics percorso
Queste direttive, rispettivamente, consentono di specificare i file usati da OOPS per annotare: informazioni diagnostiche sul funzionamento, gli accessi, il numero PID del processo principale e un riassunto statistico.
local-networks indirizzo/n_bit...
Consente di specificare diversi gruppi di indirizzi da considerare locali, che pertanto non richiedono l'accumulo da parte di OOPS.
group nome {
networks indirizzo/n_bit...;
[redir_mods transparent;]
badports elenco_porte;
http {
allow dstdomain *;
}
}
Quello che si vede è un modello tipo per la definizione di un gruppo. Si tratta precisamente di una sezione che individua un insieme di indirizzi da cui provengono le richieste, allo scopo di concedere o meno dei privilegi.
module transparent {
myport porta
}
Consente di attivare la gestione necessaria in caso di proxy trasparente e va usata assieme alla direttiva redir_mods transparent nel gruppo coinvolto. La porta deve corrispondere a quella specificata nella direttiva http_port.
acl nome tipo stringa
acl nome tipo include:file
Questa direttiva permette di definire un nome attraverso cui identificare un «controllo di accesso». La cosa si può articolare in modo molto complesso e inizialmente è meglio concentrarsi su alcuni tipi di utilizzo.
acl_deny [!]nome...
Vieta l'accesso al filtro di accesso identificato dal nome; se si indicano più nomi, si intendono combinare con l'operatore booleano AND. A questo proposito, un nome preceduto dal punto esclamativo inverte il senso di ciò che rappresenta.

Viene mostrato un esempio completo di configurazione, abbastanza semplificato, in cui appaiono anche diverse regole usate per impedire di raggiungere oggetti che terminano con una certa estensione, che contengono parole chiave sospette (perché possono fare supporre contenuti non appropriati in realtà particolari) o che appartengono a un elenco di domini ritenuti non adatti. Si osservi che questa configurazione consente il funzionamento in qualità di proxy trasparente, se viene predisposta la ridirezione necessaria del traffico TCP, porta 80, verso la porta del proxy, che in questo caso è 8 080.

Listato 356.32. Esempio di configurazione completa di OOPS (una copia del file dovrebbe essere disponibile anche qui: <allegati/a2/oops.cfg>).

##
## /etc/oops/oops.cfg
##
#
# Porta da cui ricevere le richieste da parte dei clienti.
#
http_port 8080
#
# Modifica del numero UID efficace subito dopo l'avvio. Deve essere
# conforme al modo in cui OOPS è stato installato, oppure va
# rimossa la direttiva.
#
userid  proxy
#
# Registri e statistiche sul funzionamento e sull'utilizzo di OOPS.
#
logfile         /var/log/oops/oops.log
accesslog       /var/log/oops/access.log
pidfile         /var/run/oops/oops.pid
statistics      /var/run/oops/oops_statfile
#
# Memoria centrale disponibile per OOPS.
#
mem_max         32m
#
# Quantità massima di oggetti in memoria centrale.
#
lo_mark         8m
#
# Scadenza dei documenti.
#
default-expire-value    7
ftp-expire-value        7
max-expire-value        30
last-modified-factor    5
default-expire-interval 1
#
# Spazio libero in percentuale.
#
disk-low-free   10
disk-ok-free    20
#
# Force_http11 - turn on http/1.1 for each request to document server
# This option required if module 'vary' used.
#
force_http11
#
# Fa in modo di verificare sempre che i dati siano aggiornati.
#
always_check_freshness
#
# Dimensione massima di un singolo oggetto memorizzato.
#
maxresident     1m
#
# Aggiunge informazioni sulle intestazioni HTTP.
#
insert_x_forwarded_for  yes
insert_via              yes
#
# ACL standard
#
acl     MSIE            header_substr   user-agent MSIE
acl     ADMINS          src_ip          127.0.0.1
acl     PURGE           method          PURGE
acl     CONNECT         method          CONNECT
acl     SSLPORT         port            443
#
acl_deny PURGE !ADMINS
acl_deny CONNECT !SSLPORT
#
# Definisce alcune direttive ACL per individuare dei file in base
# all'estensione. In seguito, le richieste che coincidono con queste
# direttive ACL vengono bloccate.
#
acl BAN_mp3     urlregex \.mp3$
acl BAN_ogg     urlregex \.ogg$
acl BAN_mpeg    urlregex \.mpeg$
acl BAN_mpg     urlregex \.mpg$
acl BAN_tar_gz  urlregex \.tar\.gz$
acl BAN_zip     urlregex \.zip$
acl BAN_exe     urlregex \.exe$
acl BAN_vfw     urlregex \.vfw$
acl BAN_avi     urlregex \.avi$
acl BAN_asx     urlregex \.asx$
acl BAN_qt      urlregex \.qt$
acl BAN_ram     urlregex \.ram$
acl BAN_rm      urlregex \.rm$
#
acl_deny BAN_mp3
acl_deny BAN_ogg
acl_deny BAN_mpeg
acl_deny BAN_mpg
acl_deny BAN_tar_gz
acl_deny BAN_zip
acl_deny BAN_vfw
acl_deny BAN_avi
acl_deny BAN_asx
acl_deny BAN_qt
acl_deny BAN_ram
acl_deny BAN_rm
#
# Aggiunge un file esterno contenente nomi di dominio a cui
# impedire l'accesso.
#
acl      BAN_blacklists_drugs  dstdom  include:/etc/oops/blacklists/drugs
acl_deny BAN_blacklists_drugs
#
# Non conserva pagine CGI.
#
stop_cache      ?
stop_cache      cgi-bin
#
# Reti locali (tutte le reti private).
#
local-networks  10/8 192.168/16 172.16/12
#
# Gruppi.
#
group   world   {
        networks        0/0;
        redir_mods      transparent;
        badports        [0:79],110,138,139,513,[6000:6010];
        http {
                allow   dstdomain * ;
        }
}
#
# Accumulo dati su disco.
#
storage {
        path /var/spool/oops/storages/oops_storage ;
        size auto ;
}
#
# Messaggi di errore.
#
module err {
        template /etc/oops/err_template.html
        lang us
}
#
# Socket di dominio Unix usato OOPS
#
module oopsctl {
        socket_path     /var/run/oops/oopsctl
        html_refresh    300
}
#
# Modulo "Vary"
#
module  vary {
        user-agent      by_charset
        accept-charset  ignore
}
#
# Proxy trasparente.
#
module  transparent {
        myport                  8080
}
#
# Registro degli accessi scritto come se fosse il registro di un servente
# HTTP comune, adatto all'elaborazione con Webalizer o programmi simili.
# Si veda la documentazione originale per la spiegazione del significato
# delle metavariabili %...
#
module customlog {
        path    /var/log/oops/access_webalizer
        format  "%h->%A %l %u [%t] \"%r\" %s %b \"%{User-Agent}i\""
}
#
# Indici
#
module  berkeley_db {
        dbhome  /var/spool/oops/DB
        dbname  dburl
}

Per attivare la memoria cache su disco, secondo quanto appare in questo esempio di configurazione, occorre predisporre il file /var/spool/oops/storages/oops_storage nel modo seguente. Si osservi che si decide di utilizzare un file da 512 Mibyte e si presume che il file di configurazione sia precisamente /etc/oops/oops.cfg:

cd /var/spool/oops/storages[Invio]

dd if=/dev/zero of=oops_storage bs=1k count 512k[Invio]

chown proxy: oops_storage[Invio]

oops -z -c /etc/oops/oops.cfg[Invio]

Verso la fine del file di configurazione di esempio appare la sezione module customlog con cui viene dichiarato il file /var/log/oops/access_webalizer che OOPS deve compilare utilizzando un formato particolare (questo file si affianca quello standard della direttiva accesslog. In questo caso, il modello per la costruzione di questo file è tale da essere compatibile con quello comune dei serventi HTTP, pertanto diventa compatibile anche con Webalizer (sezione 349.2), che così può essere usato per analizzare meglio in che modo viene usato il proxy.

Si ricorda che in un sistema GNU/Linux è necessario dare un comando simile a quello seguente per ottenere in pratica la funzionalità di proxy trasparente, tenendo anche conto che ciò riguarda soltanto gli altri nodi che si avvalgono del proxy in qualità di router:

iptables -t nat -A PREROUTING -p tcp --dport 80 -i eth1 \
  \         -j REDIRECT --to-port 8080
[Invio]

In questo caso, l'interfaccia di rete eth1 è quella rivolta verso la rete che si vuole controllare.

356.7   Riferimenti


1) Squid   GNU GPL

2) OOPS   GNU GPL


Appunti di informatica libera 2008 --- Copyright © 2000-2008 Daniele Giacomini -- <appunti2 (ad) gmail·com>


Dovrebbe essere possibile fare riferimento a questa pagina anche con il nome cache_proxy.htm

[successivo] [precedente] [inizio] [fine] [indice generale] [indice ridotto] [indice analitico] [home]

Valid ISO-HTML!

CSS validator!

Gjlg Metamotore e Web Directory