[successivo] [precedente] [inizio] [fine] [indice generale] [indice ridotto] [indice analitico] [home] [volume] [parte]


Capitolo 343.   Introduzione al protocollo SNMP

Il protocollo SNMP (Simple network management protocol) ha lo scopo di consentire il controllo di apparecchiature raggiungibili attraverso la rete, fornendo un modo per pubblicare delle informazioni, che in parte possono anche essere rese modificabili.

Questo capitolo introduce all'uso del protocollo SNMP, allo scopo di interrogare genericamente il servizio e di attivare un servente SNMP, utilizzando NET SNMP(1) in un sistema GNU/Linux. Viene invece omessa la spiegazione di come attivare delle «trappole».

343.1   Nomi delle variabili, OID e MIB

Le informazioni a cui è possibile accedere attraverso il protocollo SNMP sono strutturate ad albero, in modo tale da potervi fare riferimento attraverso l'indicazione di un percorso, secondo la forma ....a.b.c...., dove al posto delle lettere (a, b, c, ecc.), possono apparire dei nomi (stringhe alfanumeriche per le quali non conta la distinzione tra maiuscole e minuscole) o dei valori numerici interi. Naturalmente, l'associazione tra nomi e numeri, viene definita dagli standard che riguardano il protocollo SNMP.

Il percorso in questione si legge da sinistra verso destra, descrivendo con dettaglio sempre maggiore la variabile a cui si vuole fare riferimento. Un percorso «completo», inizia con un punto, a indicare la radice dell'albero che rappresenta la struttura complessiva delle variabili; un percorso che inizia senza punto, implica l'omissione di una porzione iniziale consueta del percorso stesso: .iso.org.dod.internet.mgmt.mib-2., ovvero .1.3.6.1.2.1..

I percorsi di esempio seguenti, sono da ritenere tutti uguali:

Nella terminologia usata per il protocollo SNMP, si fa spesso riferimento alla sigla OID (Object identifier). Un OID è un percorso qualunque di quelli che riguardano le variabili gestite dal protocollo, che non arriva necessariamente al dettaglio di una sola variabile. Per esempio, è un OID il percorso .iso.org.dod.internet.mgmt.mib-2.system, che rappresenta tutto ciò che appartiene a quella gerarchia, ma è un OID anche un percorso che arriva fino in fondo, a specificare una sola variabile.

Gli «oggetti» (nel senso di OID) gestibili attraverso il protocollo SNMP, sono raggruppati a insiemi denominati MIB (Management information base).

343.2   Note essenziali sul protocollo

Il protocollo SNMP consente sostanzialmente di: richiedere a un servente la lettura di una certa variabile o di un gruppo di queste; modificare il contenuto delle variabili che il servente consente di alterare; di attivare delle «trappole» (trap) che scattino al verificarsi di certe condizioni, con le quali si vuole che alcune variabili (riferite al proprio nodo) siano inviate a un certo cliente SNMP.

Per queste funzioni, SNMP si avvale generalmente del protocollo UDP. Precisamente, per le operazioni di lettura e scrittura normali, ci si aspetta di trovare il servente in ascolto della porta 161 (161/UDP); invece, per l'invio di valori senza una richiesta preventiva (quando scattano delle trappole), ci si aspetta di trovare, presso la destinazione, un programma in ascolto della porta 162 (162/UDP).

Di norma, il servente SNMP viene chiamato «agente» (agent).

343.3   Autenticazione e limitazione degli accessi

Il servente SNMP (ovvero l'agente) che riceve la richiesta di fornire delle informazioni, prima di rispondere, cerca di verificare che questa provenga da chi ha il diritto di ottenerle. Il servente può attuare una propria politica, basata sull'indirizzo di origine della richiesta (nel senso che si risponde solo a chi appartiene a un certo gruppo di indirizzi), ma nel protocollo stesso è prevista una qualche forma di riconoscimento.

Nelle versioni 1 e 2 del protocollo SNMP, il cliente si presenta al servente specificando il nome della «comunità» (community). In pratica, il servente risponde solo se il nome della comunità corrisponde a quello previsto (si distingue normalmente tra il nome da usare per la lettura delle variabili e quello da usare per la loro modifica). Tuttavia, occorre considerare che nella versione 1 del protocollo, il nome della comunità viene trasmesso in chiaro attraverso la rete, pertanto potrebbe essere individuato facilmente.

Nella versione 3 del protocollo SNMP, l'autenticazione può avvenire attraverso utenze e parole d'ordine individuali, ma questo meccanismo non viene descritto qui.

Notoriamente, la comunità predefinita, usata per la lettura delle variabili è public, mentre quella per la scrittura è private. Naturalmente, è molto importante modificare questi nomi quando si attiva un servizio SNMP; inoltre, è altrettanto importante verificare se le apparecchiature connesse in rete offrono anche un servizio SNMP, provvedendo eventualmente a cambiare i nomi delle comunità anche se non si intende usufruirne.

Figura 343.1. Una pagina del programma di configurazione di un router VoIP, che consente l'uso del protocollo SNMP. La parola chiave SET si riferisce alla modifica delle variabili, mentre GET alla sola lettura.

SNMP

Riquadro 343.2. Problemi di sicurezza.

È chiaro che l'attivazione di un servizio SNMP implichi la necessità di considerare come proteggere gli accessi, per non lasciare a chiunque di ottenere le informazioni relative. Ma è ancora più importante considerare che la maggior parte delle apparecchiature dedicate, collegate o collegabili alla rete, pubblicano delle informazioni attraverso il protocollo SNMP. In questi casi, dimenticare di modificare i nomi predefiniti delle comunità di lettura e scrittura, può essere fatale: alle volte vengono pubblicati in questo modo anche le parole d'ordine di accesso per la modifica della configurazione dell'apparecchio!

343.4   Interrogazione generica di un servizio SNMP

Il pacchetto NET SNMP(2) contiene diversi programmi per l'interrogazione di un servizio SNMP, le cui opzioni principali sono condivise. Per verificare che un servizio SNMP sia attivo, si usa normalmente snmpwalk o snmpbulkwalk:

snmpwalk [opzioni] agente [percorso]
snmpbulkwalk [opzioni] agente [percorso]

Si osservi che nei modelli sintattici standard, al posto di percorso si indica la sigla OID. In pratica, il percorso non raggiunge necessariamente il dettaglio di una variabile singola.

La differenza tra i due programmi, sta nel fatto che il secondo (snmpbulkwalk si avvale specificatamente di funzionalità che sono disponibili a partire dalla versione 2 del protocollo SNMP, anche se il risultato apparente è lo stesso. Segue la descrizione di alcuni esempi.

Per leggere in modo particolare una sola variabile, si usa normalmente snmpget o snmpgetnext:

snmpget [opzioni] nodo variabile
snmpgetnext [opzioni] nodo variabile

Il risultato ottenuto dai due programmi è diverso, in quanto il primo mostra il contenuto della variabile indicata, mentre il secondo mostra quella successiva a quella indicata. Segue la descrizione di alcuni esempi, omettendo di precisare dettagli già descritti a proposito di quelli su snmpwalk e snmpbulkwalk, in quanto le opzioni usate sono equivalenti.

Tabella 343.9. Alcune opzioni comuni nei programmi di NET SNMP.

Opzione Descrizione
-v 1|2c|3
Specifica la versione del protocollo SNMP da utilizzare.
-c comunità
Specifica il nome della comunità a cui fare riferimento e si applica solo alle versioni 1 e 2 del protocollo.
-O f
Mostra il percorso utilizzando i nomi.
-O n
Mostra il percorso in forma numerica.

343.5   Interrogazioni più specifiche di un servizio SNMP

Il pacchetto NET SNMP(3) include anche qualche programma per l'interrogazione di un servizio SNMP, in riferimento a problemi specifici, mostrando il risultato in un modo conforme al problema stesso. Naturalmente, perché questi programmi possano mostrare le informazioni richieste, occorre che il servizio SNMP pubblichi le variabili necessarie.

snmpdf [opzioni] nodo

Il programma snmpdf consente di ottenere informazioni sullo spazio utilizzato e disponibile nei dischi. In pratica, la sigla df fa volutamente riferimento al programma di un sistema Unix che di solito compie questa funzione. L'esempio seguente dovrebbe essere più che sufficiente per comprenderne il funzionamento:

snmpdf -v 2c -c public localhost[Invio]

Description              size (kB)            Used       Available Used%
Memory Buffers              513204           50168          463036    9%
Real Memory                 513204          499240           13964   97%
Swap Space                 5148856             796         5148060    0%
/                         40679248        21106328        19572920   51%
/sys                             0               0               0    0%
/proc/bus/usb                    0               0               0    0%
/home                    193540640        98867424        94673216   51%

Attraverso snmpnetstat è possibile interrogare lo stato delle connessioni, come si farebbe con il programma netstat:

snmpnetstat [opzioni] nodo

Oltre alle opzioni comuni di NET SNMP, altre consentono di limitare la visualizzazione a una porzione di proprio interesse. L'esempio seguente esegue semplicemente un'interrogazione complessiva, visualizzando gli indirizzi in forma numerica (opzione -n):

snmpnetstat -v 2c -c public -n localhost[Invio]

Active Internet (tcp) Connections
Proto Local Address          Remote Address         (state)
tcp   127.0.0.1.4221         127.0.0.1.5901        ESTABLISHED
tcp   127.0.0.1.5901         127.0.0.1.4221        ESTABLISHED
tcp   172.21.77.5.707        172.21.254.254.861    TIMEWAIT
tcp   172.21.77.5.1023       172.21.254.254.2049   ESTABLISHED
tcp   172.21.77.5.1651       62.123.24.21.22       ESTABLISHED
tcp   172.21.77.5.3865       172.21.254.254.111    TIMEWAIT
tcp   172.21.77.5.4165       62.123.24.21.22       ESTABLISHED
Active Internet (udp) Connections
Proto Local Address               
udp   *.9                   
udp   *.69                  
udp   *.111                 
udp   *.137                 
udp   *.138                 
udp   *.514                 
udp   *.623                 
udp   *.638                 
udp   *.812                 
udp   *.924                 
udp   *.1025                
udp   *.1028                
udp   *.1031                
udp   *.1048                
udp   *.2049                
udp   *.3130                
udp   *.9676                
udp   127.0.0.1.53          
udp   127.0.0.1.161         
udp   172.21.77.5.53        
udp   172.21.77.5.137       
udp   172.21.77.5.138       

Con snmpstatus è possibile ottenere alcune informazioni statistiche:

snmpstatus [opzioni] nodo

Ecco un esempio comune:

snmpstatus -v 2c -c public localhost[Invio]

[UDP: [127.0.0.1]:161]=>[Linux nanohost 2.6.17.1 #1 PREEMPT \
  \Fri Jun 30 21:44:31 CEST 2006 i686] Up: 0:52:13.49 Interfaces: 7, Recv/Trans packets: 451271/401702 | IP: 451199/401542 5 interfaces are down!

343.6   Attivazione di un servizio SNMP con NET SNMP

NET SNMP include un demone per offrire un servizio SNMP presso un elaboratore:

snmpd [opzioni]

Di norma, questo programma viene avviato attraverso la procedura di inizializzazione del sistema, pertanto si interviene con script appositi del proprio sistema operativo (per esempio /etc/init.d/snmpd). Inoltre, il file di configurazione dovrebbe essere /etc/snmp/snmpd.conf.

La predisposizione del file di configurazione non è semplice; di solito si parte da quello già predisposto dalla propria distribuzione del sistema operativo, attraverso modifiche più o meno intuitive, contando sulle descrizioni contenute nei commenti. Tuttavia, eventualmente, se le proprie esigenze sono limitate al controllo degli accessi in modo semplificato, è possibile utilizzare il programma snmpconf per generare un file di configurazione, da zero. Segue un esempio per ottenere semplicemente la configurazione degli accessi in sola lettura a partire dall'elaboratore locale:

snmpconf -g basic_setup[Invio]

The following installed configuration files were found:

   1:  /etc/snmp/snmpd.conf

Would you like me to read them in?  Their content will be merged with the
output files created by this session.

Valid answer examples: "all", "none","3","1,2,5"

Read in which (default = all): all[Invio]

************************************************
*** Beginning basic system information setup ***
************************************************

Do you want to configure the information returned in the \
  \system MIB group (contact info, etc)? (default = y): y[Invio]

Configuring: syslocation
Description:
  The [typically physical] location of the system.
    Note that setting this value here means that when trying to
    perform an snmp SET operation to the sysLocation.0 variable will make
    the agent return the "notWritable" error code.  IE, including
    this token in the snmpd.conf file will disable write access to
    the variable.
    arguments:  location_string

The location of the system: ufficio[Invio]

Configuring: syscontact
Description:
  The contact information for the administrator
    Note that setting this value here means that when trying to
    perform an snmp SET operation to the sysContact.0 variable will make
    the agent return the "notWritable" error code.  IE, including
    this token in the snmpd.conf file will disable write access to
    the variable.
    arguments:  contact_string

The contact information: tizio@brot.dg[Invio]

Finished Output: syscontact  tizio@brot.dg

Do you want to properly set the value of the sysServices.0 OID \
  \(if you don't know, just say no)? (default = y): n[Invio]

**************************************
*** BEGINNING ACCESS CONTROL SETUP ***
**************************************

Do you want to configure the agent's access control? \
  \(default = y): y[Invio]

Do you want to allow SNMPv3 read-write user based access \
  \(default = y): n[Invio]

Do you want to allow SNMPv3 read-only user based access \
  \(default = y): n[Invio]

Do you want to allow SNMPv1/v2c read-write community access \
  \(default = y): n[Invio]

Do you want to allow SNMPv1/v2c read-only community access (default = y): y[Invio]

Configuring: rocommunity
Description:
  a SNMPv1/SNMPv2c read-only access community name
    arguments:  community [default|hostname|network/bits] [oid]

The community name to add read-only access for: public[Invio]

The hostname or network address to accept this community \
  \name from [RETURN for all]: 127.0.0.1[Invio]

The OID that this community should be restricted to \
  \[RETURN for no-restriction]: [Invio]

Finished Output: rocommunity  public 127.0.0.1                                  

Do another rocommunity line? (default = y): n[Invio]

****************************************
*** Beginning trap destination setup ***
****************************************

Do you want to configure where and if the agent will send \
  \traps? (default = y): n[Invio]

**********************************
*** Beginning monitoring setup ***
**********************************

Do you want to configure the agent's ability to monitor various \
  \aspects of your system? (default = y): n[Invio]

The following files were created:                                               
                                                                                
  snmpd.conf                                                                    
                                                                                
These files should be moved to ...
...

In pratica, al termine dell'esempio, si ottiene il file snmpd.conf nella directory corrente, che l'utente può copiare probabilmente in /etc/snmp/, o in una posizione analoga, in base all'impostazione del proprio sistema. Ecco il contenuto del file, omettendo tutti i commenti:

syslocation  ufficio
syscontact  tizio@brot.dg
rocommunity  public 127.0.0.1 

Naturalmente, soprattutto se si intende offrire l'accesso a elaboratori esterni, può essere conveniente cambiare il nome della comunità.

343.7   Riferimenti


1) NET SNMP   BSD

2) NET SNMP   BSD

3) NET SNMP   BSD


Appunti di informatica libera 2008 --- Copyright © 2000-2008 Daniele Giacomini -- <appunti2 (ad) gmail·com>


Dovrebbe essere possibile fare riferimento a questa pagina anche con il nome introduzione_al_protocollo_snmp.htm

[successivo] [precedente] [inizio] [fine] [indice generale] [indice ridotto] [indice analitico] [home]

Valid ISO-HTML!

CSS validator!

Gjlg Metamotore e Web Directory