[successivo] [precedente] [inizio] [fine] [indice generale] [indice ridotto] [indice analitico] [home] [volume] [parte]


Capitolo 327.   Sendmail: introduzione

pericolo: software non libero software non libero: non è consentita la commercializzazione a scopo di lucro

Sendmail (1) è divenuto lo standard per quanto riguarda i programmi di gestione della posta elettronica in qualità di MTA. La sua adattabilità e la conseguente difficoltà nella definizione della sua configurazione, sono estreme.

Nel capitolo 322 si è già accennato al funzionamento di Sendmail. Questo capitolo espande un po' i concetti, ma si tratta sempre di informazioni limitate; il documento di riferimento per questo resta: Sendmail edito da O'Reilly.

327.1   Destinatari e formati degli indirizzi

Sendmail, per quanto riguarda la composizione degli indirizzi di posta elettronica, utilizza le convenzioni seguenti.

Per Sendmail, il destinatario di un messaggio di posta elettronica può essere anche un file o un programma. In pratica, se l'indirizzo utilizzato inizia con una barra verticale (|), si intende trattarsi di un condotto, all'interno del quale deve essere inviato il messaggio; se invece l'indirizzo inizia con una barra obliqua normale (/), si intende trattarsi di un file, che viene creato appositamente oppure gli viene aggiunto il testo del messaggio se esiste già.

L'utilizzo di questi indirizzi speciali, riferiti a file o a condotti, può essere fatto ovunque; per esempio nel file ~/.forward o come destinatario di un alias nel file /etc/aliases. Queste possibilità, tra le altre cose, sono alla base del funzionamento delle liste di posta elettronica (mailing-list).

327.2   Alias, inclusione e forward

All'interno di un sistema è possibile definire dei recapiti fittizi, definiti alias. La predisposizione di questi viene fatta nel file /etc/aliases, ma prima che questi abbinamenti siano recepiti da Sendmail, occorre rigenerare il file /etc/aliases.db con il comando newaliases. Attraverso gli alias è possibile:

L'esempio seguente fa in modo che i messaggi inviati all'utente fittizio Tizio.Tizi siano girati al nome dell'utente gestito effettivamente nel sistema.

Tizio.Tizi:     tizio

L'esempio seguente riguarda la situazione tipica in cui i messaggi indirizzati a un utente fittizio riferito a una competenza amministrativa vengono girati all'utente reale che svolge quel compito particolare.

postmaster:     daniele

L'esempio seguente mostra un alias per il quale i messaggi vengono rinviati (vengono fatti proseguire, o meglio, secondo la tradizione postale, vengono proseguiti) e duplicati per una serie di utenti che devono essere informati contemporaneamente.

abuse:          daniele, tizio, caio@roggen.brot.dg

L'esempio seguente mostra un alias per il quale tutti i messaggi vengono elaborati da un comando, che li riceve attraverso lo standard input. Questo è il modo tipico attraverso cui si inviano i messaggi a un programma di gestione di una lista di posta elettronica (mailing-list).

lista-pippo:    "| /home/liste/bin/ricezione-messaggi lista-pippo"

L'inclusione è un modo di definire un alias dinamico, riferito a un elenco di indirizzi contenuti in un file di testo normale. La forma

:include:percorso_assoluto

equivale a includere tutti gli indirizzi definiti nel file specificato, che deve comprendere necessariamente il percorso assoluto per raggiungerlo. Utilizzando questa forma di definizione degli elenchi di destinatari, si evita di dover modificare ogni volta il file /etc/aliases, ma soprattutto si evita di dover rieseguire il comando newaliases.

L'esempio seguente invia i messaggi destinati all'utente fittizio lista-pippo-inv a tutto l'elenco contenuto nel file /home/liste/pippo/iscritti.

lista-pippo-inv:        :include:/home/liste/pippo/iscritti

Il forward è la gestione di un alias personale (allo scopo di fare proseguire i messaggi verso altre destinazioni), che ogni utente può definire senza dover chiedere la modifica del file /etc/aliases. Si possono fare proseguire i messaggi generando il file di testo ~/.forward che può contenere uno o più indirizzi differenti, compresi i condotti, i file e le inclusioni. Il risultato che si ottiene è che i messaggi destinati all'utente che ha predisposto questo file nella propria directory personale, vengono rinviati a tutti gli indirizzi contenuti nel file stesso. Generalmente, per la sua natura, il file ~/.forward viene usato dagli utenti che hanno diversi recapiti e vogliono concentrare la posta elettronica in un solo punto di destinazione. Per questo motivo, nel file ~/.forward viene indicato quasi sempre un solo indirizzo di posta elettronica.

327.3   Configurazione di Sendmail con il pacchetto di Berkeley

Si è già accennato al fatto che la configurazione di Sendmail, attraverso la modifica diretta del file /etc/sendmail.cf, sia un'impresa estrema. Fortunatamente, per alleviare queste difficoltà, si sono sviluppati nel tempo diversi programmi in grado di generare automaticamente il file /etc/sendmail.cf utilizzando dei segmenti di codice già pronto da combinare opportunamente assieme.

Attualmente, il tipo di configurazione più diffuso è quello predisposto dall'università di Berkeley. Si tratta di una serie di file macro per M4, un macro-compilatore concettualmente analogo al precompilatore del linguaggio C (si veda eventualmente il capitolo 670).

Il pacchetto viene installato da qualche parte, a seconda dell'organizzazione predisposta dalla propria distribuzione GNU, ma probabilmente si tratta della directory /usr/lib/sendmail-cf/. Da quella directory se ne diramano altre contenenti i diversi pezzi di configurazione che possono essere combinati assieme.

327.3.1   Introduzione al sistema

A partire dalla directory di origine del pacchetto di configurazione di Sendmail, si trovano in particolare i file readme che rappresentano tutta la documentazione disponibile, oltre a una serie di directory contenenti a loro volta i file componenti del sistema di macro.

Directory Descrizione
m4/ Contiene alcune macro di partenza, di cui, la più importante è cf.m4 che viene usata per iniziare il procedimento.
cf/ Contiene i file di configurazione utilizzati dalla macro m4/cf.m4; questi file hanno l'estensione .mc. Di questi file ne viene usato solo uno: quello predisposto per il proprio sistema. È molto probabile che la propria distribuzione GNU inserisca il file utilizzato effettivamente per ottenere la configurazione di Sendmail che questa utilizza; potrebbe trattarsi di linux.mc oppure di un altro nome che ricorda quello della distribuzione (per esempio redhat.mc).
sh/ Contiene degli script di shell utilizzati automaticamente da M4, in base alle istruzioni contenute nelle macro utilizzate.
altre directory Le altre directory che discendono dall'origine del pacchetto di configurazione, sono utilizzate per classificare i vari file macro incorporabili in quello che si scrive all'interno della directory cf/. Per esempio, un'istruzione del tipo MAILER(local), fa riferimento al file mailer/local.m4.

Quando si predispone un file di configurazione nella directory cf/, la sua compilazione avviene nel modo seguente:

m4 ../m4/cf.m4 file_di_configurazione > file-risultato

Per esempio, supponendo di avere realizzato il file di configurazione cf/prova.mc e di voler generare il file cf/prova.cf, si procede come segue:

cd /usr/lib/sendmail-cf[Invio]

In questo modo ci si posiziona nella directory principale del pacchetto di configurazione.

cd cf[Invio]

Prima di iniziare la compilazione occorre posizionarsi nella directory contenente il file di configurazione.

m4 ../m4/cf.m4 prova.mc > prova.cf[Invio]

A questo punto il file cf/prova.cf è stato generato, quindi è sufficiente cambiargli nome e sostituirlo al posto del vecchio /etc/sendmail.cf.

Naturalmente, perché Sendmail prenda atto della nuova configurazione, deve essere riavviato (dovrebbe bastare l'invio di un segnale di aggancio, SIGHUP).

327.3.2   Struttura e contenuto del file di configurazione

Il file di configurazione inizia generalmente con delle annotazioni, che possono riguardare il copyright o lo scopo del file. Osservando i file già esistenti si potrebbe pensare che il simbolo # rappresenti l'inizio di un commento; in realtà si tratta di un commento per il file .cf che si vuole generare, perché all'interno del sistema di macro di M4 è stato ridefinito opportunamente il simbolo di commento in modo che # venga trattato come un carattere qualunque senza significati particolari. Questo significa che le espansioni hanno luogo anche all'interno dei commenti per il file /etc/sendmail.cf.

Il modo adottato comunemente per eliminare le intestazioni contenenti le informazioni sul copyright e le riserve all'uso dei vari file, è quello di dirigere l'output in modo da perderlo, attraverso la macro divert(-1).

In teorica, l'aspetto normale di un file di configurazione per questo pacchetto dovrebbe essere il seguente:

divert(-1)
#
# Copyright (c) 1983 Eric P. Allman
# Copyright (c) 1988, 1993
#       The Regents of the University of California.  All rights reserved.
#
# Redistribution and use in source and binary forms, with or without...
# ...
divert(0)dnl
include(`../m4/cf.m4')
VERSIONID(`@(#)generic-linux.mc 8.3 (Berkeley) 3/23/96')
OSTYPE(linux)dnl
DOMAIN(generic)dnl
MAILER(local)dnl
MAILER(smtp)dnl

In pratica, questo potrebbe generare un file .cf insufficiente al funzionamento corretto di Sendmail.

Si può osservare all'inizio l'inclusione del file m4/cf.m4 che è il responsabile dell'impostazione di questo sistema di macro.

Quasi tutte le macro specifiche che si utilizzano in questo file (quelle che appaiono in lettere maiuscole), rappresentano in realtà l'inclusione di un file, quello che appare come parametro, proveniente dalla directory corrispondente al nome della macro stessa. Per esempio, OSTYPE(linux) rappresenta in pratica l'inclusione del file ostype/linux.m4. Nelle sezioni seguenti vengono descritte brevemente alcune di queste macro specifiche.

327.3.3   Macro «VERSIONID»

VERSIONID(descrizione_della_versione)

La macro VERSIONID permette semplicemente di includere un'annotazione sulla versione della configurazione, nei commenti del file .cf generato. È utile per documentare diversi tipi di configurazione, tenuto conto che la forma per definire la versione non è prestabilita.

327.3.4   Macro «OSTYPE»

OSTYPE(macro_da_includere)

Attraverso la macro OSTYPE si può definire il nome del sistema operativo utilizzato. In pratica, si tratta di indicare il nome (senza estensione) di un file macro contenuto nella directory ostype/, da includere in quel punto.

Attraverso l'inclusione di questo file, si ottiene la definizione di alcune informazioni importanti riguardo all'installazione di Sendmail nel proprio sistema operativo; per esempio si può definire la collocazione del file contenente gli alias, il programma da usare per la consegna dei messaggi, le opzioni e gli argomenti che questo programma deve avere. Tutte queste informazioni vengono specificate attraverso la definizione di macro specifiche, come se si trattasse della definizione di variabili. Se tali macro non sono definite in questa occasione, vengono definite in un altro momento, ricevendo un valore predefinito, come documentato regolarmente nei file che accompagnano il pacchetto di configurazione.

L'esempio più semplice possibile del file ostype/linux.m4 è il seguente,

divert(-1)
#
# ...

divert(0)
define(`LOCAL_MAILER_PATH', /bin/mail)dnl

dove si definisce soltanto che il programma di consegna dei messaggi è /bin/mail. In pratica però, normalmente, questo file viene modificato opportunamente da chi allestisce il pacchetto di configurazione per una distribuzione GNU particolare.

La possibilità che questo file non sia conforme alla distribuzione standard del pacchetto di configurazione di Sendmail, deve essere tenuto in considerazione quando si vuole provare a generare un file .cf differente dal /etc/sendmail.cf già predisposto dalla propria distribuzione. Infatti, le modifiche che potrebbero essere state apportate possono pregiudicare l'effetto prevedibile delle altre macro.

327.3.5   Macro «DOMAINS»

DOMAINS(macro_da_includere)

Attraverso la macro DOMAINS si può definire il nome di una configurazione riferita a un dominio particolare. Si ottiene in pratica l'inclusione di un file contenuto nella directory domains/.

Il pacchetto di configurazione fornisce il file domains/generic.m4, che dovrebbe adattarsi a tutte le situazioni normali. Spesso, questo non viene utilizzato, inserendo direttamente quello che serve nel file di configurazione normale.

Quello che segue è un estratto dal file domains/generic.m4.

divert(-1)
#
# ...

divert(0)
VERSIONID(`@(#)generic.m4       8.3 (Berkeley) 3/24/96')
define(`confFORWARD_PATH', `$z/.forward.$w:$z/.forward')dnl
FEATURE(redirect)dnl
FEATURE(use_cw_file)dnl

327.3.6   Macro «MAILERS»

MAILERS(macro_da_includere)

Attraverso la macro MAILERS si può definire il nome di una configurazione riferita a un tipo particolare di sistema di invio dei messaggi. Si ottiene in pratica l'inclusione di un file contenuto nella directory mailers/.

Normalmente, questa macro viene utilizzata più volte all'interno del file di configurazione, per definire diverse possibilità. Tipicamente si tratta di:

MAILER(local)

che si occupa della gestione dei messaggi all'interno del sistema e viene utilizzato in modo predefinito;

MAILER(smtp)

che si occupa di configurare la gestione dei messaggi attraverso il protocollo SMTP, cioè riguarda la configurazione necessaria all'invio dei messaggi al di fuori del sistema.

Nel primo caso si ha l'inclusione del file mailers/local.m4, nel secondo di mailers/smtp.m4

Dalla macro MAILER(smtp) dipende la base del sistema di sicurezza contro gli utilizzi indesiderati del proprio servente SMTP. Infatti, è qui che vengono definite le istruzioni necessarie nel file .cf per impedire l'utilizzo da parte di nodi che non facciano parte della zona DNS di competenza. Cioè, quello che si vuole evitare è che un nodo diverso da quelli definiti nella zona per cui è stato previsto un record MX, possa utilizzare il servente SMTP per raggiungere indirizzi al di fuori del sistema locale (si veda eventualmente quanto discusso nel capitolo precedente).

327.3.7   Macro «FEATURE»

FEATURE(macro_da_includere)

Attraverso la macro FEATURE si può definire il nome di una configurazione riferita a una particolarità che si vuole includere. Si ottiene in pratica l'inclusione di un file contenuto nella directory feature/.

Normalmente, questa macro viene utilizzata più volte all'interno del file di configurazione, ma questo preferibilmente prima di MAILER.

327.3.8   Macro «HACK»

HACK(macro_da_includere)

Attraverso la macro HACK si può definire il nome di una configurazione riferita a una particolarità sperimentale che si vuole includere. Si ottiene in pratica l'inclusione di un file contenuto nella directory hack/.

Teoricamente, questa macro non dovrebbe essere utilizzata; in pratica succede spesso il contrario a causa delle esigenze di definire dei filtri aggiuntivi contro gli accessi indesiderati.

327.4   Esempio di una distribuzione GNU/Linux

A titolo di esempio, viene presentata la configurazione utilizzata dalla distribuzione GNU/Linux Red Hat 5.0, trattandosi precisamente del file cf/redhat.mc.

divert(-1)
include(`../m4/cf.m4')
define(`confDEF_USER_ID',``8:12'')
OSTYPE(`linux')
undefine(`UUCP_RELAY')
undefine(`BITNET_RELAY')
FEATURE(redirect)
FEATURE(always_add_domain)
FEATURE(use_cw_file)
FEATURE(local_procmail)
MAILER(procmail)
MAILER(smtp)
HACK(check_mail3,`hash -a@JUNK /etc/mail/deny')
HACK(use_ip,`/etc/mail/ip_allow')
HACK(use_names,`/etc/mail/name_allow')
HACK(use_relayto,`/etc/mail/relay_allow')
HACK(check_rcpt4)
HACK(check_relay3)

La prima cosa che si osserva è che il file inizia con la macro divert(-1), senza commenti da eliminare e senza il consueto divert(0) successivo. In questo modo, dal momento che nessuna delle macro utilizzate dopo deve restituire qualcosa, si evita di terminare le varie macro con il solito dnl.

Per sicurezza, nel caso servisse, vengono cancellate le macro UUCP_RELAY e BITNET_RELAY.

Invece di utilizzare una macro DOMAIN vengono incluse direttamente le particolarità attraverso l'uso della macro FEATURE. In particolare viene definito quanto segue.

Le macro HACK inserite alla fine, sono state aggiunte per permettere una migliore gestione dei filtri di accesso al servizio di invio dei messaggi, comprendendo in questo anche la definizione di nodi per i quali il proprio servente SMTP può agire come relè.

Per la precisione, è consentito l'uso dei file descritti nelle sezioni seguenti.

327.4.1   File «/etc/mail/ip_allow»

Si tratta di un file di testo contenente un elenco di indirizzi IP (uno per riga) riferiti a nodi particolari o a intere reti. A questi elaboratori viene consentito di utilizzare il servente SMTP come relè. Per esempio,

192.168.1.2
192.168.2

permette l'accesso al nodo 192.168.1.2 e a tutta la rete 192.168.2.

Questo file, al di fuori della configurazione particolare della distribuzione Red Hat, potrebbe chiamarsi /etc/mail/LocalIP.

327.4.2   File «/etc/mail/name_allow»

Si tratta di un file di testo contenente un elenco di nomi di dominio (uno per riga) riferiti a nodi particolari o a tutti i nodi di un dominio particolare. A questi elaboratori viene consentito di utilizzare il servente SMTP come relè. Per esempio,

roggen.brot.dg
mehl.dg

permette l'accesso al nodo roggen.brot.dg e a tutto il dominio mehl.dg.

Questo file, al di fuori della configurazione particolare della distribuzione Red Hat, potrebbe chiamarsi /etc/mail/LocalNames.

327.4.3   File «/etc/mail/relay_allow»

Si tratta di un file di testo contenente un elenco di indirizzi IP o di nomi di dominio (uno per riga) riferiti a nodi particolari o a tutti i nodi di una rete particolare o di un dominio. Questi indirizzi sono ammessi come destinatari di messaggi quando il servente SMTP viene utilizzato come relè. Per esempio,

192.168
roggen.brot.dg
mehl.dg

permette di inviare messaggi alla rete 192.168.*.*, al nodo roggen.brot.dg e a tutto il dominio mehl.dg, quando il servente SMTP funziona come relè.

Questo file, al di fuori della configurazione particolare della distribuzione GNU/Linux Red Hat, potrebbe chiamarsi /etc/mail/RelayTo.

327.4.4   File «/etc/mail/deny»

Il file di testo /etc/mail/deny viene utilizzato per annotare un elenco di indirizzi di posta elettronica, nomi di dominio e indirizzi IP di mittenti indesiderati. A fianco di ogni indirizzo, separato da un carattere di tabulazione (<HT>), si indica il messaggio di errore che si vuole sia restituito all'MTA che ha contattato il servente per l'inoltro del messaggio.

Segue un esempio molto semplice di questo file.

spam@marameo.dg "Spiacente sig. Spam, non accettiamo messaggi da Lei."
spam.brot.dg    "Dal Vostro host non accettiamo email."
spammer.dg      "Non vogliamo spam, grazie."
192.168.13.13   "Dal Vostro host non accettiamo email."
192.168.17      "Non vogliamo spam, grazie."

Questo file non può essere usato così com'è; occorre generare un file adatto a Sendmail. Si utilizza in pratica il comando seguente:

makemap -v hash /etc/mail/deny < /etc/mail/deny[Invio]

Quello che si ottiene è il file /etc/mail/deny.db.


1) Sendmail   software non libero: non è consentita la commercializzazione a scopo di lucro


Appunti di informatica libera 2008 --- Copyright © 2000-2008 Daniele Giacomini -- <appunti2 (ad) gmail·com>


Dovrebbe essere possibile fare riferimento a questa pagina anche con il nome sendmail_introduzione.htm

[successivo] [precedente] [inizio] [fine] [indice generale] [indice ridotto] [indice analitico] [home]

Valid ISO-HTML!

CSS validator!

Gjlg Metamotore e Web Directory