[successivo] [precedente] [inizio] [fine] [indice generale] [indice ridotto] [indice analitico] [home] [volume] [parte]


Capitolo 251.   Gnuplot: opzioni di funzionamento

Il comportamento di Gnuplot può essere controllato attraverso una serie di opzioni di funzionamento, a cui si accenna vagamente nel capitolo precedente, a proposito dell'istruzione set terminal.

Qui vengono descritte alcune di queste opzioni, ma limitando l'attenzione a situazioni abbastanza semplici; pertanto, i modelli sintattici dei comandi sono semplificati rispetto alle potenzialità reali.

Di solito, queste opzioni di funzionamento possono essere attivate, disattivate o interrogate. Pertanto, si possono avere, rispettivamente, sintassi di questo tipo:

set opzione [attributi]
unset opzione
show opzione

251.1   Azzeramento delle opzioni

Il comando reset di Gnuplot ripristina la configurazione predefinita per la maggior parte delle opzioni di funzionamento. Il comando si usa senza altre indicazioni:

reset

251.2   Griglia

È possibile mostrare o togliere una griglia nella rappresentazione dei grafici bidimensionali o tridimensionali, ma di norma si vede questa griglia solo tra gli assi X e Y.

set grid [attributi]
unset grid
show grid

Figura 251.1. Confronto tra grafici con griglia e senza.

reset
set grid
plot x**4-50*(x**2)
x**4-50*(x**2)
reset
unset grid
plot x**4-50*(x**2)
x**4-50*(x**2)
reset
set grid
splot x**2*y
x**2*y
reset
unset grid
splot x**2*y
x**2*y

251.3   Intervallo sugli assi cartesiani

Il dominio di una funzione e, più genericamente, l'intervallo di interesse sugli assi cartesiani, viene definito attraverso le opzioni xrange, yrange e zrange. Queste opzioni possono essere definite in modo contestuale a un comando plot e splot, ma anche così rimangono operative fino a una nuova ridefinizione. Si osservi che nei modelli sintattici, le parentesi quadre vanno usate letteralmente, per consentire l'individuazione dell'intervallo di valori da considerare; pertanto non rappresentano un'informazione opzionale.

set xrange [min:max]
show xrange
set yrange [min:max]
show yrange
set zrange [min:max]
show zrange

Figura 251.2. Esempi di utilizzo delle opzioni.

reset
set xrange [-7:7]
plot x**4-50*(x**2)
x**4-50*(x**2)
reset
set yrange [-700:0]
plot x**4-50*(x**2)
x**4-50*(x**2)
reset
set xrange [-pi:+pi]
set yrange [-pi:+pi]
splot sin(x)*sin(y)
sin(x)*sin(y)
reset
set xrange [-pi:+pi]
set yrange [-pi:+pi]
set zrange [-0.5:1]
splot sin(x)*sin(y)
sin(x)*sin(y)

251.4   Rendere opaca la superficie della rappresentazione tridimensionale

In condizioni normali, la proiezione di una funzione a due variabili consente di vedere in trasparenza il piano che si produce. Eventualmente, per facilitare l'interpretazione visiva della proiezione si può fare in modo da rendere opaco questo piano, così da nascondere ciò che si trova coperto. Si può comprendere il concetto osservando gli esempi.

set hidden3d
unset hidden3d
show hidden3d

Figura 251.3. Esempi di utilizzo dell'opzione.

reset
set hidden3d
splot (x**2)*(y**2)
(x**2)*(y**2)
reset
unset hidden3d
splot (x**2)*(y**2)
(x**2)*(y**2)

251.5   Titolo

È possibile piazzare un titolo sopra il grafico, controllando l'opzione title:

set title stringa
unset title
show title

Il titolo viene indicato normalmente in forma di stringa, pertanto questa viene delimitata da apici doppi o singoli.

Figura 251.4. Esempi di utilizzo dell'opzione.

reset
set title "seno"
plot sin(x)
sin(x)
reset
set title "seno"
splot sin(x)+y/2
sin(x)+y/2

251.6   Descrizioni degli assi

Si possono mettere delle descrizioni abbinate agli assi cartesiani:

set xlabel stringa
unset xlabel
show xlabel
set ylabel stringa
unset ylabel
show ylabel
set zlabel stringa
unset zlabel
show zlabel

Figura 251.5. Esempi di utilizzo delle opzioni.

reset
set xlabel "asse X"
set ylabel "asse Y"
plot sin(x)
sin(x)
reset
set xlabel "asse X"
set ylabel "asse Y"
set zlabel "asse Z"
splot sin(x)+y/2
sin(x)+y/2

251.7   Descrizioni libere

Si possono mettere delle descrizioni abbinate a certe coordinate, per marcare delle posizioni sul grafico:

set label [n] [stringa] [at posizione] [left|center|right] \
  \        [norotate|rotate [gradi]]
unset label [n]
show label [n]

Le descrizioni di questo tipo sono numerate; se si omette di specificarlo, il numero gli viene attribuito in modo automatico. La numerazione consente di individuarle; pertanto, più comandi set label riferiti alla stessa descrizione, modificano progressivamente i suoi attributi.

La stringa della descrizione deve essere collocata in corrispondenza di coordinate a due o tre dimensioni, a seconda del tipo di grafico. Sulla posizione stabilita, la descrizione può essere allineata orizzontalmente in modo diverso: a sinistra, al centro o a destra, indicando uno tra gli attributi left, center e right. Infine, la descrizione può essere inclinata non modo orizzontale (norotate), oppure in modo verticale (rotate), oppure, ancora, con un angolo prestabilito (rotate n).

Figura 251.6. Esempi di utilizzo delle opzioni.

reset
set xrange [0:2*pi]
set yrange [-1.2:+1.2]
set label 1 "+1" at (pi*1/2),+1.1
set label 2 "-1" at (pi*3/2),-1.1
set label 1 center
set label 2 center
plot sin(x)
sin(x)
reset
set xrange [0:5]
set yrange [-1:+1]
set label 1 "ciao" at 2,0.8,0
set label 2 "hello" at 4,-0.8,0
set label 1 center rotate
set label 2 center rotate
splot x**2*y
splot x**2*y

Appunti di informatica libera 2008 --- Copyright © 2000-2008 Daniele Giacomini -- <appunti2 (ad) gmail·com>


Dovrebbe essere possibile fare riferimento a questa pagina anche con il nome gnuplot_opzioni_di_funzionamento.htm

[successivo] [precedente] [inizio] [fine] [indice generale] [indice ridotto] [indice analitico] [home]

Valid ISO-HTML!

CSS validator!

Gjlg Metamotore e Web Directory