[successivo] [precedente] [inizio] [fine] [indice generale] [indice ridotto] [indice analitico] [home] [volume] [parte]


Capitolo 842.   Conto corrente di corrispondenza

Il conto corrente è un contratto che si stipula generalmente con una banca, attraverso il quale si regola l'esecuzione, da parte della banca, dell'incarico affidatole dal cliente di compiere pagamenti e riscossioni per suo conto, addebitando e accreditando le somme rispettive. Al cliente viene inviato periodicamente l'estratto conto, che è un prospetto contenente la registrazione delle operazioni eseguite, assieme ai conteggi relativi per il periodo interessato.

Generalmente, nei contratti di conto corrente, si parla di saldo attivo quando il saldo del conto è a credito del cliente (ovvero a debito della banca); per converso, si parla di saldo passivo quando il saldo del conto è a debito del cliente (ovvero a credito della banca).

Nei conti correnti si usa distinguere gli importi tra dare e avere, secondo la visione di chi tiene il conto: la banca. In pratica, le somme che appaiono in dare, dal punto di vista della banca rappresentano un credito nei confronti del cliente; per converso, le somme che appaiono in avere rappresentano un debito nei confronti del cliente. Pertanto, il cliente che riceve l'estratto conto deve fare un ragionamento inverso: i valori in dare sono un suo debito nei confronti della banca, mentre i valori in avere sono un suo credito nei confronti della banca.

Nei conti correnti si distingue la data dell'operazione dalla data della valuta. La valuta rappresenta la data considerata per il calcolo degli interessi.

842.1   Conto corrente attivo per il cliente

I calcoli per la tenuta di un conto corrente che può essere solo attivo per il cliente sono più semplici, in quanto si utilizza sicuramente un solo tasso di interesse. Si osservi il prospetto seguente che, nella sezione successiva, deve essere realizzata con il foglio elettronico:

conto corrente

Gli importi delle cella da B2 a B13, vengono inseriti con segno negativo quando si tratta di prelevamenti dal conto. Nelle celle da C2 a C13 vengono messe delle formule per calcolare il saldo progressivo del conto; per esempio, la cella C3 deve contenere l'espressione «B3+C2» e in modo analogo devono essere fatte le espressioni delle altre celle del gruppo C2:C13. La data della valuta va inserita nel modo consueto; per esempio la cella D3 deve contenere la funzione «DATA(2007;3;17)». Le celle da E2 a E13 contengono i giorni che mancano al raggiungimento della fine dell'anno; per esempio, la cella E2 deve contenere l'espressione «DATA(2007;12;31)-D2». Le celle da F2 a F13 contengono il prodotto tra gli importi e i giorni; per esempio, la cella F2 deve contenere l'espressione «B2*E2».

La cella B15 contiene il saldo dell'ultimo movimento, che si ottiene facendo riferimento alla cella B13; la cella B16 contiene il totale dei numeri computistici, ovvero la somma delle celle da F2 a F13.

La cella B19 contiene l'interesse lordo a favore del cliente, calcolato moltiplicando il totale dei numeri computistici per il tasso di interesse, diviso 365 (si osservi che il tasso di interesse del 1,5 % è pari a 0,015).

La cella B22 contiene l'importo della ritenuta fiscale applicata agli interessi; pertanto va calcolata moltiplicando gli interessi lordi per la percentuale della ritenuta.

Nella cella B24 viene calcolato l'interesse al netto della ritenuta; nella cella B26 viene calcolato il totale, composto: dal saldo del conto, più gli interessi netti, meno le spese di tenuta conto.

In generale, i numeri computistici vanno mostrati senza decimali; tuttavia, nella prima parte di questo capitolo si preferisce mostrarli con due decimali, dal momento che i calcoli relativi vanno fatti in modo automatico.

842.1.1   Verifica

Si realizzi un prospetto che riproduca quanto mostrato e descritto fino a questo punto. Al termine del lavoro, dopo averlo salvato in un file, si deve stampare il prospetto in forma normale, poi, lo si deve ristampare visualizzando le formule, la griglia delle celle, assieme alle intestazioni di riga e di colonna, per la correzione. Prima di stampare il prospetto con le formule in evidenza, si deve verificare nell'anteprima di stampa che le formule inserite siano visibili, altrimenti è bene ridurre il carattere, fare andare a capo il testo o allargare le colonne.

842.1.2   Verifica

Si realizzi un prospetto simile a quella della verifica precedente, con i movimenti seguenti:

valuta operazione importo
1 marzo apertura del conto corrente con un versamento in contanti 1 000,00 €
20 marzo prelevamento con assegno bancario numero 1 234 567 500,00 €
25 aprile versamento di un assegno circolare 2 000,00 €
6 giugno prelevamento da sportello automatico 200,00 €
8 luglio prelevamento da sportello automatico 250,00 €
10 settembre prelevamento in contanti 500,00 €
1 ottobre pagamento di un'utenza telefonica 124,00 €
11 novembre pagamento fornitura gas 60,00 €
12 dicembre pagamento fornitura elettricità 90,00 €

Il tasso di interesse a favore del cliente è del 1,1 %; la ritenuta fiscale è del 27 %; le spese di tenuta conto ammontano a 15,00 €.

Al termine del lavoro, dopo averlo salvato in un file, si deve stampare il prospetto in forma normale, poi, lo si deve ristampare visualizzando le formule, la griglia delle celle, assieme alle intestazioni di riga e di colonna, per la correzione. Prima di stampare il prospetto con le formule in evidenza, si deve verificare nell'anteprima di stampa che le formule inserite siano visibili, altrimenti è bene ridurre il carattere, fare andare a capo il testo o allargare le colonne.

842.2   Conto corrente a tasso non reciproco

Quando il cliente può prelevare di più di quanto ha versato nel conto, si hanno generalmente due tassi di interesse separati: uno a favore del cliente, l'altro a favore della banca. Per poter separare gli interessi occorre calcolare in modo differente i numeri computistici, separandoli in «numeri dare» e «numeri avere». Si osservi il prospetto seguente che, nella sezione successiva, deve essere realizzato con il foglio elettronico:

conto corrente

Rispetto al prospetto già descritta in precedenza, qui si osserva, in particolare, la presenza di una colonna con il saldo progressivo (le celle da C2 a C14) e di due colonne che raccolgono separatamente i numeri dare rispetto ai numeri avere.

Per ottenere il saldo progressivo, è sufficiente sommare il valore dell'importo che appare sulla riga corrente al saldo della riga precedente. Per esempio, la cella C3 deve contenere l'espressione «B3+C2». Tuttavia, la cella C2 deve avere un valore fisso, in quanto si tratta della ripresa del saldo del conto precedente, che è un valore dato.

Nelle celle da E2 a E14 si calcolano i giorni di permanenza di ogni saldo. Pertanto, si calcola il tempo che intercorre tra la data della valuta della riga corrente alla data della valuta della riga successiva. Per esempio, nella cella E2 ci deve essere l'espressione «D3-D2». Di conseguenza, le operazioni devono essere necessariamente in ordine di valuta, a parte la ripresa del saldo che deve essere sempre la prima operazione. A questo proposito, si osservi che la data contenuta nella cella D2 rappresenta il 31 dicembre dell'anno precedente a quello delle operazioni che si vedono nelle righe successive.

I numeri delle celle da F2 a F14 si calcolano come prodotto tra il saldo e i giorni della riga corrente.

Per separare i numeri dare dai numeri avere, occorre usare delle condizioni: nella cella G2 occorre inserire l'espressione «SE(F2<0;-F2;0)»; nella cella H2 occorre inserire l'espressione «SE(F2>0;F2;0)». Naturalmente, queste formule vanno poi copiate nelle altre celle da G2 a G14 e da H2 a H14. Nelle celle G15 e H15, evidentemente, ci sono le somme dei numeri dare e avere.

842.2.1   Verifica

Si realizzi un prospetto che riproduca quanto mostrato e descritto nella sezione precedente. Al termine del lavoro, dopo averlo salvato in un file, si deve stampare il prospetto in forma normale, poi, lo si deve ristampare visualizzando le formule, la griglia delle celle, assieme alle intestazioni di riga e di colonna, per la correzione. Prima di stampare il prospetto con le formule in evidenza, si deve verificare nell'anteprima di stampa che le formule inserite siano visibili, altrimenti è bene ridurre il carattere, fare andare a capo il testo o allargare le colonne.

842.3   Scheda e staffa

Generalmente, il conto corrente di corrispondenza viene tenuto predisponendo due tabelle, denominate rispettivamente scheda e staffa (o scalare). Nella prima vengono elencate le operazione in ordine di data; nella seconda vengono riassunte le operazioni ma in ordine di valuta.

Si osservi il prospetto seguente che, nella sezione successiva, deve essere realizzato con il foglio elettronico:

conto corrente

I valori dei numeri computistici, vengono visualizzati privi della parte decimale, come si fa comunemente in questi casi. Il valore contenuto nelle celle G16, H16 e I16, sono dati, mentre gli altri numeri computistici della colonna G sono calcolati.

Per realizzare un prospetto di questo tipo, è consigliabile di realizzare prima la tabella che si trova nella zona A1:E13; successivamente, conviene copiare la zona C1:E13 nella zona C15:E27 e riordinare la zona C17:E26 per valuta (colonna E), per poi completare il resto del prospetto.

Se le operazioni vengono annotate in modo disordinato, il riordino può essere utilizzato anche per la zona A3:E12, in modo da avere i movimenti in ordine di data.

Si osservi che nel riordino vengono escluse di proposito le righe della ripresa saldo e del saldo conclusivo (le righe 2, 13, 16 e 27), perché devono rimanere sempre al loro posto.

842.3.1   Verifica

Si realizzi un prospetto che riproduca quanto mostrato e descritto nella sezione precedente, tenendo conto anche di quanto già descritto nel resto del capitolo. Al termine del lavoro, dopo averlo salvato in un file, si deve stampare il prospetto in forma normale, poi, lo si deve ristampare visualizzando le formule, la griglia delle celle, assieme alle intestazioni di riga e di colonna, per la correzione. Prima di stampare il prospetto con le formule in evidenza, si deve verificare nell'anteprima di stampa che le formule inserite siano visibili, altrimenti è bene ridurre il carattere, fare andare a capo il testo o allargare le colonne.

842.3.2   Verifica

Si realizzi un prospetto simile a quello della verifica precedente riportando i movimenti elencati nella tabella successiva. Al termine del lavoro, dopo averlo salvato in un file, si deve stampare il prospetto secondo la forma normale di visualizzazione.

data operazione importo valuta
1 ottobre apertura del conto con versamento iniziale in contanti 1 000,00 € 1 ottobre
10 ottobre prelevamento con assegno bancario n. 234567 560,00 € 5 ottobre
5 novembre versamento di un assegno bancario 3 000,00 € 10 novembre
9 novembre versamento in contanti 1 000,00 € 9 novembre
10 novembre prelevamento con assegno bancario n. 234568 4 400,00 € 7 novembre
20 novembre versamento in contanti 540,00 € 20 novembre
28 novembre prelevamento da distributore automatico 250,00 € 28 novembre
10 dicembre addebito bolletta telefonica 150,00 € 10 dicembre
22 dicembre versamento in contanti 500,00 € 22 dicembre

Gli interessi vengono calcolati fino al 31 dicembre; il tasso di interesse a favore del cliente è del 1 %; il tasso di interesse a favore della banca è del 5 %; la ritenuta fiscale è del 27 %; le spese di tenuta conto ammontano a 30,00 € complessive.

842.3.3   Verifica

Si realizzi un prospetto simile a quello della verifica precedente riportando i movimenti elencati nella tabella successiva. Al termine del lavoro, dopo averlo salvato in un file, si deve stampare il prospetto secondo la forma normale di visualizzazione.

data operazione importo valuta
1 ottobre apertura del conto con versamento iniziale in contanti 1 000,00 € 1 ottobre
9 ottobre prelevamento da distributore automatico 250,00 € 9 ottobre
7 novembre versamento di un assegno bancario 3 000,00 € 14 novembre
10 novembre versamento in contanti 500,00 € 10 novembre
12 novembre prelevamento con assegno bancario n. 3456789 4 400,00 € 8 novembre
20 novembre versamento in contanti 540,00 € 20 novembre
28 novembre prelevamento da distributore automatico 250,00 € 28 novembre
10 dicembre addebito bolletta fornitura elettrica 150,00 € 10 dicembre
22 dicembre versamento in contanti 500,00 € 22 dicembre

Gli interessi vengono calcolati fino al 31 dicembre; il tasso di interesse a favore del cliente è del 1,1 %; il tasso di interesse a favore della banca è del 5,5 %; la ritenuta fiscale è del 27 %; le spese di tenuta conto ammontano a 40,00 € complessive.

842.3.4   Verifica

Si realizzi un prospetto simile a quello della verifica precedente riportando i movimenti elencati nella tabella successiva. Al termine del lavoro, dopo averlo salvato in un file, si deve stampare il prospetto secondo la forma normale di visualizzazione.

data operazione importo valuta
1 ottobre apertura del conto con versamento iniziale in contanti 2 000,00 € 1 ottobre
9 ottobre prelevamento da distributore automatico 250,00 € 9 ottobre
7 novembre versamento di un assegno bancario 3 000,00 € 15 novembre
10 novembre prelevamento con assegno bancario n. 78901234 500,00 € 7 novembre
12 novembre prelevamento con assegno bancario n. 78901235 4 400,00 € 9 novembre
20 novembre versamento in contanti 540,00 € 20 novembre
28 novembre prelevamento da distributore automatico 250,00 € 28 novembre
10 dicembre addebito bolletta fornitura gas 150,00 € 10 dicembre
22 dicembre versamento in contanti 500,00 € 22 dicembre

Gli interessi vengono calcolati fino al 31 dicembre; il tasso di interesse a favore del cliente è del 2 %; il tasso di interesse a favore della banca è del 7 %; la ritenuta fiscale è del 27 %; le spese di tenuta conto ammontano a 40,00 € complessive.

842.3.5   Verifica

Si realizzi un prospetto simile a quello della verifica precedente riportando i movimenti elencati nella tabella successiva. Al termine del lavoro, dopo averlo salvato in un file, si deve stampare il prospetto secondo la forma normale di visualizzazione.

data operazione importo valuta
3 ottobre apertura del conto con versamento iniziale in contanti 1 500,00 € 3 ottobre
31 ottobre prelevamento da distributore automatico 250,00 € 31 ottobre
7 novembre versamento di un assegno bancario 2 000,00 € 11 novembre
10 novembre prelevamento con assegno bancario n. 45678901 2 000,00 € 9 novembre
30 novembre prelevamento con assegno bancario n. 45678902 1 500,00 € 27 novembre
1 dicembre versamento in contanti 1 400 € 1 dicembre
15 dicembre prelevamento da distributore automatico 250,00 € 15 dicembre
20 dicembre addebito bolletta fornitura gas 150,00 € 20 dicembre
27 dicembre versamento in contanti 1 000,00 € 27 dicembre

Gli interessi vengono calcolati fino al 31 dicembre; il tasso di interesse a favore del cliente è del 1,1 %; il tasso di interesse a favore della banca è del 13 %; la ritenuta fiscale sugli interessi a favore del cliente è del 27 %; le spese di tenuta conto ammontano a 20,00 € complessive.

842.3.6   Verifica

Si realizzi un prospetto simile a quello della verifica precedente riportando i movimenti elencati nella tabella successiva. Al termine del lavoro, dopo averlo salvato in un file, si deve stampare il prospetto secondo la forma normale di visualizzazione.

data operazione importo valuta
5 ottobre apertura del conto con versamento iniziale in contanti 1 700,00 € 5 ottobre
29 ottobre prelevamento da distributore automatico 300,00 € 29 ottobre
7 novembre versamento di un assegno bancario 2 000,00 € 11 novembre
10 novembre prelevamento con assegno bancario n. 56789012 2 000,00 € 9 novembre
30 novembre prelevamento con assegno bancario n. 56789013 1 500,00 € 27 novembre
2 dicembre versamento in contanti 1 500 € 2 dicembre
15 dicembre prelevamento da distributore automatico 250,00 € 15 dicembre
20 dicembre addebito bolletta fornitura elettrica 150,00 € 20 dicembre
28 dicembre versamento in contanti 1 100,00 € 28 dicembre

Gli interessi vengono calcolati fino al 31 dicembre; il tasso di interesse a favore del cliente è del 1,05 %; il tasso di interesse a favore della banca è del 14 %; la ritenuta fiscale sugli interessi a favore del cliente è del 27 %; le spese di tenuta conto ammontano a 20,00 € complessive.


Appunti di informatica libera 2008 --- Copyright © 2000-2008 Daniele Giacomini -- <appunti2 (ad) gmail·com>


Dovrebbe essere possibile fare riferimento a questa pagina anche con il nome conto_corrente_di_corrispondenza.htm

[successivo] [precedente] [inizio] [fine] [indice generale] [indice ridotto] [indice analitico] [home]

Valid ISO-HTML!

CSS validator!

Gjlg Metamotore e Web Directory