Claudio Noliani

Canti del popolo triestino
 
Libreria Internazionale "Italo Svevo" di


Indice


A Banja Luka
Abasso i zerci !
A bordo de la «Radetzky»
A bordo del «Nagasaki»
Adesso xe giusto un ano
Ai venticinque di questo mese
A Kirsanov
A la matina che mi svegliai
A 1'«Armonia»
A la una el can lavora
Alegri, alegri, alegri!
A l'ospitale di Genova
Al-tàc, so1èr
Al ventiquatro magio
America! America!
Anca el mio Toni de la Russia 'l me ga scrito
Andemo a Servo1a
Andremo sul Carso lontano
Angio1ina, la bela bionda
A 'sta ora ti vien casa? !
A testa bassa, vestida in nero
Bati, bati le manine
Bati e ribati
Bela è la giardiniera
Benedeta sia tua mama
Benito, Benito
Bobo1o, bobo1o
Bona sera, siora Lùzia
Braghete pipeta
Cagoia, cagoia
Cambièghelo, sughèghelo
Camino e camino
Càpita i sbiri
Cara siora Adelaide
Care pute, ve lo averto
Carnevalesca l882
Carnevale servolano: il funerale
Caro Johnny
Chi è nato in genaio
Chi ga la rabia in peto
Chi no ga bori no ga rimission
Chi te ga roto la cìchera?
Chi t'ha fato quei bei oceti?
Chi vince la partita
Ciapilo, ciapilo
Ciodi, ciodini
Ciolme mi, o Giovanin
Co gavevo dicioto ani
Co' la bareta tonda
Col dindiridin d'amor
Co' le sue calde lagrime
Come te voI che mi te amo?
Compiangete una povera madre
Con quel visin
Cossa che me rincresse
Cossa faremo de, quela ragazza ?
Dami la mano, Teresina
Dami la pace al core
Di che rione sei?
Din don, son qua
Domani matina
Domani se imbarchemo
Dormi, mia bela
Dove andaremo 'sta sera dormir?
Dove te jeri?
E anca el «Làntuer» zinque
E ara che anda!
E chi che toca
Ecolo là
E come la marcia ben
E come nualtri
E' giunta l'ora
E la colomba xe 'l mio idolo
EI batipalo
EI celibato
E le babe de Rena Vecia
E le bele magna bìgoli
E le mule de Modiano
EI mio caro Gingin
EI mio putelo fa
EI Triestin andarà lavorar
EI vin xe bon
E no la me voI più ben
E prima di partire
Ero avezza di andare a la messa
Essa mi pare una testa imbecille
E tuti me lo dicevano
E una, e una
Eviva Bergamo e le mule de Ziana!
Fa la nana, caro fio
Fa le nane
Fioi come noi
Fischia la machina
Ga ciapado fogo el «Picolo»
Gigeta «Lampo»
Gioia bela, se tu m'ami
Giulio «Camin»
Gloria e gloria
Go dado 'na piada a la tavola
Go girà tuta l'Italia .
Guane che porta malta
Guardilo là
I baci e i fiori
Il fior che non ha profumo
Il fiore de la Giulieta
Il quindici d'agosto
I me di si
I me ga fato soldà de la Marina
Indove xe le notolade ?
In due figli che eravamo
I ne ga messo de la «Todt»
In punto a mezanote
In t'un canton del scovazzon
lò, iò, cavalo
lo son la Linda
lo ti saluto
Ipi, ipi, ala!
I Triestini 'na bruta razza
I voI che resto in bisi
Jera un gobo
Jero ne l'orto
Jà, Pipina bela!
La bela furlana
La ga i cavei
La colomba xe'l mio idolo
La Gigia la xe picola
La giornata del cinque de Marzo
La Lombarda
La mama de mia mama
La mia mama xe 'n dà al mercà
La mia morosa Franzika
La mula de Parenzo
La porta mi vieni aprir
La posta de Milan
La povera Roseta
La setimana del caligher
La se voI maridarse
La società dei celibi
La Svizzera
La tessera del pan
La vadi pian, signora!
La veciazza
La voI i cavoli?
Lavorar fa mal de schena
Le bele statuine
Le mule de Aurisina
Le mule de Scolieto
Le mule triestine
Le tre sorele
L'omo-vespa
Lui m 'ha giurà sui oci
Machinista, daghe oio
Maladeto capel de fero!
Maledico la prima pietra
Mame, mame, noi semo riciamadi
Manda a dir a la mia mama
Marcelo
Marciam, marciam
Mariana
Maria Teresa
Me ocori zento lire
Mi ga vosèl qua in càiba
Mi ralegra !
Miscellanea
Neri, neri, neri
Neviga le montagne
Ninna nanna
No ga importanza
Noi siam de la «Legera»
Noi siamo quatro dei giovinoti
Noi Triestini
No, no, non piangere
Non ti scordar di me !
No servi che tu piangi
No xe ani, xe ben mesi
No xe miga mal!
O filia mia
Ogi xe festa
Ogni matina ti sveglierei col canto
Ohi, caporale!
Oh, quanto meglio era
Oilà, Renzo: come tu danzi!
Olio, olio
O meine coleghi
Onda, bironda
O Serbia miserabile
Pa i debiti no i ne impica
Parto del mio paese
Pei campi mi no vado
Per fare i bìgoli
Per far l' amor ghe voI belezze
Pianzoto pesta-pèvere
Pierina e Bastianino ( I e II )
Pierina e Bastiano
Piero Pomiga
Piova, piovisina
Por tè un mazzo de carte
Povere le mie trupe!
Punssiana, va là
Qua 'l conzalastre!
Quando che 'riva el «Martha»
Quando el vien de Pola
Quando gavevo dolari
Quando i noi deventa grandi
Quando m'inamorai
Quando parto
Qua no se poI dormir!
Quante stele che brila in nel ciel
Ragazze bele
Richeta a la finestra
Rosina, tòchime'l piè
Saggio di gridi
Scarpete rosse
Scarpetine di veluto
Se ga roto 'l pal
Se la sorte mi tocasse
Se militar son fato
Senti 'l martelo
Senza morosi e senza surogati
Se passi per di qua
Se podessi, o benedeta
Se semo vece
Se Son soldà de «Làntuer»
Se te gavevi un cuore
Se ti te ga ragion
Se tu fossi una regina
Se tu ti d'acordo noi fòssimo
Se tuti i bechi
Se vuoi fare l' amore con me
Se vuoi venir, biondina
Si afresca il vento
Siamo giunti nel mese di magio
Siora Rosa gaveva un gaIo
Sior Marcelo, la me soni
Son 'dado per Trieste
Son nata e son cresciuta
Son orfanela
Sono un povero disertore
Soto di questa pergola
Soto la pergolada
Soto 'l ponte bon parsuto
Strofette di «Sonz»
Strofette sull 'aria di «Lili Marleen»
Su e zo
Su e zo pel Carso
Su le se ciapa
Te piasi bigoli?
Teresina de Roian
Tira-mola e lassa 'ndar!
Tre marineri
Tu hai promesso di darmi il tuo ritrato
Tutta la notte che vado girando
Va a l'ombra, Nineta
Va (a) Sangò!
Vado in piazza
VaI più un bicèr de dalmato
Viva il regno dei galiardi !
Viva Trieste, giardino del mondo!
Voi coprirti di rose e di fiori
Voio far 'l contrabandiere
Xe 'rivà
Xe 'rivada la "Saturnia"
Zitavecia