modificato 22/12/2016

 

Forum su Virgilio (OKNOtizie) cessa 2016

Correlati: 8x1000, carità materiale e intellettuale

Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità: contrassegno miei commenti in grigio rispetto al testo attinto da altri.

 

Da: Virgilio Staff [mailto:noreply@staff.virgilio.it]  Inviato: giovedì 22 dicembre 2016 09:12
A: CzzC
Oggetto: Avviso: cessazione del servizio OkNotizie

Caro utente,

ti informiamo che, a decorrere dall’1 Febbraio 2017 e nel rispetto di quanto previsto dalle condizioni generali di contratto in essere, Italiaonline S.p.A. cesserà di erogare il servizio denominato OKNOtizie.

Ma tu non perdere la tua voglia di partecipare: puoi comunque continuare a dire la tua, proporre argomenti, informarti, discutere e commentare attraverso altri nostri servizi come Virgilio Genio, Virgilio Forum e MyBlog. Se non li conosci già, scoprili subito!

Lo Staff di Virgilio

 

 

2011.10

Scusate se non sono esperto di forum e blog, tanto che, dopo aver copiato dal portale Virgilio una pagina del Sign X che poneva una serie di interrogativi sull’8X1000, ora non ne trovo più il link e, per tentare di rispondergli, son capitato a creare il presente incipit di forum e di myblog.

Il desiderio di rispondere al Sign X non muove da presunzione di saccenza, ma dalla mia modesta esperienza nel volontariato di carità materiale e intellettuale.

Userò [D] come prefisso dell’estratto dalle domande del Sign X ed [R] per introdurre il mio tentativo di risposta.

 

[D] «l'8 per mille dello Stato alla scuola pubblica? Non andrà più AUTOMATICAMENTE alla Chiesa?»

[R] Non mi pare che esistano automatismi a favore della Chiesa cattolica per la quota dell'8x1000 che i cittadini devolvono allo Stato con la loro firma: se non erro lo Stato può spendere la sua quota come preferisce; se l’esistenza dell’automatismo nella fattispecie non fosse una tua supposizione, ma l’avessi presa per certa da qualche suggeritore, varrebbe la pena appurare la bontà della fonte, il che vale anche per me, se mi venisse dimostrato il contrario di quanto al momento mi risulta attendibile.

 

[D] «la TRUFFA della preferenza inespressa che va alla Chiesa Cattolica»

[R] L’accusa di TRUFFA mi pare infondata e cerco di spiegare il perché. Le preferenze inespresse non modificano la ripartizione dell'8x1000 definita dalle preferenze espresse, il che avviene in tutte le forme di consultazione referendaria;
al riguardo, la firma sull'8X1000 si configura come uno dei REFERENDUM più democratici, perché è riproposto ogni anno senza grossi costi di voto ed è l'unico referendum orientativo di spesa pubblica, cioè l'unico in cui un cittadino può decidere e INCIDERE con proporzionalità effettiva e diretta su come lo stato debba spendere una quota seppur minima (8/1000) delle sue entrate IRPEF; dire che questa forma referendaria è una truffa, perché non considererebbe i voti inespressi, sarebbe come dire che sono una truffa tutti i referendum ordinari che non siano votati dal 100% degli aventi diritto al voto.

 

[D] «Quest'anno (aprile 2011) ho scoperto ... GRATIS ...»

[R] Da anni, facendo volontariato sociale, porto in posta o al CAAF gratis i CUD (firmati sull'8X1000) di lavoratori dipendenti o pensionati che sarebbero esentati dalla dichiarazione 730, ma che desiderano partecipare al suddetto referendum.

 

[D] «Qualcuno mi ha suggerito che per il 5 per mille è meglio portarlo direttamente all'associazione, vero?»

[R] Le offerte dirette alle Associazioni non sono alternative al 5x1000: la firma sul 5X1000 non ti costa nulla se non il tempo di una firma, ma al sostentamento delle Associazioni benefiche non lucrative non basta il 5X1000 (la cui erogazione lo Stato ha decurtato e rinviato di anni, fra l'altro);
considera invece che se fai offerte liberali ad una delle decine di migliaia di Associazioni previste dalla legge, potresti portare in parziale detrazione del tuo imponibile l’offerta (rigo E27 del 730); concludendo mi parrebbe una sciocchezza rinunciare alla firma del 5X1000 per portare l'equivalente (quanto sarebbe non lo sapremmo) all'Associazione.

 

[D] «Dato che il mio 8 per mille dovrò destinarlo ai Valdesi ... a devolvere totalmente l'8x1000 per progetti umanitari sono le assemblee di dio, gli avventisti e la chiesa valdese, quindi devo convertirmi a una di queste tre? L'ho fatto! Preferisco darli ai POVERI, quelli VERI».

[R] La libertà di conversione è un diritto umano sacrosanto e fai bene a scegliere la confessione cristiana che più ti facesse incontrare Cristo; ma ti inviterei a diffidare di chi ti suggerisse che i poveri assistiti dalla Chiesa Cattolica sono POVERI FALSI, o di chi denigrasse come non finalizzate al BENE COMUNE e specialmente al BENE dei più fragili collegato alle NUOVE POVERTA’ nostrane, le quote di spesa che tu hai citato:

quel 32% usato dalla Chiesa cattolica per il sostentamento dei missionari locali (sacerdoti, religiosi, laici),

e analogamente quel 28% che la Chiesa cattolica usa per la pastorale (interventi formativo-catechetici);
ad esempio: opero in aiuto di giovani, anche affiancato da non credenti, perché ci è evidente quanto abbiano bisogno di riferimenti educativi anche extrascolastici per non perdersi e disperarsi;

perfino quel 13% per edilizia di culto è riconosciuto utile a tal fine dai servizi sociali del Comune;
ad esempio: la mia parrocchia sta attendendo un aiuto dall’8X1000 per costruire accanto alla chiesa una sala mensa per famiglie, anziani, gruppi di integrazione e di animazione ricreativo-sociale-spirituale);
con mia moglie, andando a raccogliere alimenti e a distribuire pacchi del banco alimentare, troviamo evidente, assieme a tutti i volontari che girano per le case dei bisognosi, che in Italia le povertà più gravi non sono quelle alimentari, ma proprio quelle socio-relazionali, cui i missionari locali si dedicano con la loro
azione educativo-preventiva (alimentando il senso del vivere e la solidarietà sociale) nondimeno di come si dedicano all’azione di procurare denaro o cibo o lavoro o dimora ai più poveri, allogeni o indigeni che siano;

Anche prescindendo dalla fede, potresti considerare la prima azione come PREVENZIONE, la seconda come SOCCORSO in EMERGENZA, ma anche la medicina insegna che la prevenzione non è meno preziosa della cura per il BENE di ciascuno e dell'intera comunità.
Mi pare che la tua presunzione di TRUFFA derivi dal notare che la Chiesa Cattolica devolve in
carità materiale meno del 100% del suo 8X1000 come fanno i Valdesi, ai quali va tutto il mio rispetto, ma permettimi di chiederti se davvero ritieni che sia truffaldina la Chiesa Cattolica quando, rispettando una legge che contempla l’opzione in parola, devolve una parte della sua quota 8X1000 a missionari locali e a servizi che, senza alcun fine di lucro, si dedicano alle NUOVE POVERTA’ e FRAGILITA’, aiutando ad emergere da quelle materiali nondimeno che da quelle di mente e di cuore.
Osserviamo che la percentuale di suicidi tra i nostri giovani è enormemente superiore a quella rilevabile tra le popolazioni che soffrono la fame.

 

[D] Permettimi, sign X, di supporre una domanda che potresti farmi «ma perché invece che attingere all’8X1000 per pagare i preti, la Chiesa non devolve tutto in carità materiale chiedendo ai parrocchiani che paghino di tasca propria i loro preti e la manutenzione dei loro oratori?»

[R] Le offerte che nella mia parrocchia si raccolgono durante le Messe servono appena a pagare le spese di riscaldamento e di gestione dei luoghi di formazione-catechesi. Il parroco non può trattenersi che una minima parte di quelle offerte (circa 300 euro al mese) e ci sono parrocchie anche più povere della mia.
E’ vero che la legge favorirebbe il sostentamento diretto dei sacerdoti da parte dei fedeli, perché potremmo fare erogazioni liberali all’ICSC (Istituto centrale di sostentamento del clero) deducibili al rigo E25 del 730: se tali offerte fossero largamente utilizzate dai fedeli, la Chiesa Cattolica potrebbe devolvere in
carità materiale una parte maggiore della sua quota 8X1000, ma questa tipologia di contribuzione diretta è minimale in Italia, perché la maggior parte dei contribuenti pensa che basti e avanzi l’8X1000;
ritengo che il poco uso delle offerte E25 dipenda dal fatto che la firma sull’8X1000 non costa nulla, mentre le offerte E25 intaccano il portafoglio.
Osservata questa scarsa propensione alle offerte dirette E25, c’è chi non la interpreta solo come scarsa propensione dei contribuenti a donare di tasca propria, ma profetizza che Dio non vuole far sopravvivere la Chiesa: «
I soldi dell'otto per mille arrivano dalla società e vi debbono tornare. Se una Chiesa non riesce a mantenersi con le libere offerte, è segno che Dio non vuole farla sopravvivere»: traggo da "La Repubblica, 25/10/2007" questo profetico pronunciamento della pastora valdese Maria Bonafede.

 

Caro Sign X, ti chiedo scusa in anticipo se non fossi in grado "tecnicamente" di rispondere alle tue eventuali controprove.

Comunque un saluto cordiale caro X, sempre in cammino verso il senso della vita con "Caritas in Veritate", senza vergognarci di intuire dove stia la verità, ma senza presunzione di averla tutta in tasca.