de Ik8UIF

Amplificatore da 1W per i 10GHz

AMP 1W - 10GHz

Nov/2000

 Il  progetto e` improntato sugli schemi oramai divenuti classici impieganti
 i fatidici GaAs-Fet prodotti dalla Mitsubishi© electronics.
 In  particolare  vengono   usati  in  cascata  i modelli MGF1801 e MGF2430A
 (oppure il  FLK012WF ed il  FLX102MH-12  che offrono le stesse prestazioni)
 con  i quali  si ottiene un guadagno complessivo di circa  15dB   ottenendo
 quindi in uscita la  ragguardevole  potenza di  1,2watt ovvero circa  31dBm 
 L' unica  nota  dolente  e` l' alto  prezzo dei due  dispositivi...  quindi  
 sconsiglio questa realizzazione a chi non ha  una piu` che BUONA esperienza
 in simili montaggi!
Schema elettrico
Il circuito stampato va inciso su un laminato in teflon tipo DI-CLAD 527 di spessore 0,79mm e con costante dielettrica Er=2,55. Ecco il disegno dello stampato (le dimensioni reali sono di 89x37mm):
Circuito stampato
La zona marcata "CUT" dovra` essere eliminata con l'ausilio di un cutter per potere accogliere il regolatore di tensione LM317. Stessa cosa sara` fatta per alloggiare l' MGF2430A facendo attenzione a tagliare con molta precisione il c.s. seguendo il profilo del case del GaAs-fet . Sulla basetta trovano anche posto tutti i componenti relativi all' alimentazione ed in particolare l' ICL7660 che ha la funzione di generare la tensione negativa richiesta per la polarizzazione dei gate dei GaAs-Fet. Da notare il sistema adottato che fornisce tensione ai Drain SOLO dopo avere correttamente polarizzato i Gate, appunto con la tensione negativa generata dal 7660 (tnx I0LVA op Silvano)e prevenendo in tale modo, con tutto il rispetto, possibili letture sequenziali dei SS dal calendario! Ecco il c.s. con la disposizione dei componenti:
Disposizione componenti
L' intero circuito e` racchiuso in un contenitore del tipo tin-plate di dimensioni 90x37x20 millimetri (vedi foto di apertura) a cui ovviamente verranno praticati gli opportuni fori per i connettori SMA nonche` del passante di alimentazione. Da notare i rivetti di massa che potranno essere sostituiti da opportuna saldatura al contenitore dei due lati del c.s. . Veduta interna:
Lato Sx Lato Dx
Il GaAs-fet MGF2430A e` fornito dal lato di massa del c.s. di una piastrina in rame di spessore 5mm che verra` saldata allo stampato e che fungera`, oltre che da aletta di raffreddamento, anche da supporto per il GaAs-fet il quale verra` avvitato ad essa tramite due viti in ottone da 1,2mm (operazione molto delicata, il GaAs-Fet va PRIMA avvitato e poi saldato alle relatiove strip-line). Anche il regolatore LM317 deve essere dotato di un dissipatore simile con l'accortezza di ricordarsi di isolarne il corpo dalla massa con una mica. Vista lato massa, notare le alette di raffreddamento ricavate da blocchetti di ottone di 30x16x4mm successivamente argentati e saldati lateralmente al contenitore:
Lato Massa
A montaggio terminato si dovra` passare alla delicata fase di taratura. A questo scopo e` opportuno dotarsi di una serie di piccoli pezzettini di rame (il foglietto di schermatura del cavo H100 opportunamente stirato va benissimo allo scopo) che ci serviranno per spagliuzzare le strip-line a 50 ohm in modo da disporre della max potenza in uscita. Agire come segue: - collegate ad un Bolometro, o ad un opportuno diodo rivelatore a 10ghz (attenzione che figuri come carico di 50ohm!), l' uscita dello amplificatore interponendo eventualmente un attenuatore e settando una lettura di 30dBm fondo scala (nel mio caso Hp435 con testa bolometrica mod. Hp8481A ed un attenuatore da 20dB-25w); - predisponete all'ingresso dell'amplificatore un generatore RF settato sulla Qrg operativa (per Atv 10,475Ghz) e con livello RF di max 10dBm; - date tensione di alimentazione al circuito; - accertatevi della presenza delle relative tensioni stabilizzate all'uscita dei due regolatori, circa 10v sul LM317 e 8v sul 7808; - regolate i due trimmer in modo da avere una tensione di -0,5 volt sui gate dei rispettivi GaAs-fet. Questa tensione va misurata sul terminale centrale del trimmer, MAI DIRETTAMENTE SUI GAAS-FET! - NB: pilotando l' amplificatore con potenze nell' ordine di 40mW e` possibile omettere il trimmer di regolazione del bias sul MGF1801. In questo caso collegare la resistenza da 330ohm direttamente a massa. - Probabilmente sul Bolometro non avrete alcuna lettura apprezzabile quindi iniziate a scendere la preselezione della portata f.s. fino a rendere appena apprezzabile un incremento dell'indice; - togliete ora l'alimentazione all' amplificatore; - prendete una striscia di rame di 1mm di larghezza e 3mm di lunghezza e saldatela con pochissimo stagno immediatamente dopo il primo condensatore ATC da 1pF sulla strip-line del gate dell' MGF1801. Tenete il profilo di questa linguetta ad U rispetto al c.s. ; - ridate alimentazione e tramite un cacciavite in nylon o ceramica (quelli per tarare le MF INTERAMENTE in materiale plastico) aggiustate la linguetta molto lentamente fino a leggere il max incremento della pwr in uscita. Tenete presente che questo punto di taratura e` il piu` critico e qualora vi fosse eccessiva instabilita` e/o criticita` di taratura sara` opportuno sostituire la paglietta appena saldata con una di dimensioni piu` ridotte. Siate molto esigenti poiche` in questo punto e` facile perdere molti DB se non si adatta bene l'impedenza e con quello che costano i GaAs-fet sarebbe una, chiamiamola ingenuita`..., non indifferente! - regolate ora i trimmer di polarizzazione dei gate per la max potenza in uscita; - con una paglietta di 3x4mm iniziate ora a spagliuzzare sulle rimanenti zone della strip a 50 ohm fino a fare incrementare a circa 25dBm la pwr letta in uscita. La zona ottimale su cui saldare la pagliuzza corrisponde quasi sempre al centro della strip-line (vedi le marcature " ^ " sulla foto della disposizione dei componenti) e successivamente si ottimizza ancora curvando la pagliuzza rispetto al C.S. . - ottenuta la max lettura in uscita occorre ora aumentare la PWR in ingresso portandola a circa 30-40mW (attenzione a non superare i 50mW di pilotaggio che danneggerebbero l' MGF1801). In queste condizioni rieffettuate ancora l' ottimizzazione delle linee a 50 ohm facendo piccolissime correzioni alle pagliuzze gia` inserite. - regolate ancora i trimmer per la max lettura in uscita; - dovreste ora leggere in uscita circa 1W, dipendente dalla bonta` del lavoro effettuato. Tenete presente che e` possibile raggiungere 1,2w anche se e` preferibile non "pazziare" troppo sulle strip-lines!... - accertatevi che con la chiusura del contenitore non avvengano variazioni della potenza in uscita o ancor peggio autooscillazioni! In questo caso incollate della spugna assorbente RF sul coperchio dello scatolo o in punti trovati sperimentalmente (vedi foto di apertura). Bene a questo punto il vostro piccolo mostro e` pronto per essere utilizzato "on the road"! Buoni DX de ik8uif, Alberto!



de Ik8UIF's   page
© Copyright Reserved 
http://www.ik8uif.it

Please Read the Notes about the use of Ik8UIF web-site
Leggere le Note sull' utilizzo del sito-web IK8UIF