Sei qui: Home » Prassi

Il Bispensiero geovista


Di fronte agli estranei i Testimoni di Geova sono addestrati a esprimersi in termini che sembrano tecnicamente accurati, ma di fatto sono fuorvianti.
       Che sarà mai il bispensiero? E perché associare questo termine ai Testimoni di Geova?
       George Orwell adoperò la parola “bispensiero” nel suo romanzo intitolato “1984”, dal quale traiamo la definizione di questo neologismo: “Bispensiero sta a significare la capacità di condividere simultaneamente due opinioni palesemente contraddittorie e di accettarle entrambe. … mediante l’esercizio del bispensiero [una persona] riesce nel contempo a persuadere se stesso che la realtà non è violata. … Spacciare deliberate menzogne e credervi con purità di cuore” [1].
        Per comprendere le ragioni dell’associazione del bispensiero al geovismo, ci avvaliamo di un esempio concreto.
        Non pochi osservatori hanno fatto rilevare come il movimento dei Testimoni di Geova evidenzi diverse deviazioni settarie, tra le quali risaltano l’esclusivismo e il manicheismo. Infatti è risaputo che tale gruppo religioso si sente investito della missione di dar lezione a tutte le altre religioni e ritiene di avere sempre ragione perché il Direttivo mondiale viene indicato come l’unico canale approvato da Dio per dispensare “la verità” al mondo intero. Un siffatto sentimento di chiusura, dal quale scaturisce un sistema di relazioni incentrato unicamente sullo sviluppo del gruppo, che ritiene di bastare a se stesso, trova conferma nell’assunto dottrinale secondo il quale solo i Testimoni di Geova scamperanno alla sempre “imminente” catastrofe mondiale di Armaghedon. Tale convincimento è stato ripetutamente esplicitato nella letteratura del Movimento, come risulta evidente dalle seguenti citazioni.
“Il messaggio è chiaro: Se vogliamo sopravvivere ad Armaghedon, dobbiamo rimanere spiritualmente desti e indossare le vesti simboliche che ci identificano come fedeli testimoni di Geova Dio.” [2]
Solo i testimoni di Geova, i membri dell’unto rimanente e la ‘grande folla’ come organizzazione unita sotto la protezione del supremo Organizzatore, hanno la speranza scritturale di sopravvivere all’imminente fine di questo sistema condannato dominato da Satana il Diavolo.” [3]
“Tutti quelli che sperano che il Giudice costituito da Geova li consideri ‘pecore’ da risparmiare alla ‘grande tribolazione’ devono dimostrarsi ‘giusti’, aiutando e sostenendo attivamente gli unti ‘fratelli’ di Cristo, che formano la classe dello ‘schiavo fedele e discreto’ (Matteo 25:33, 40, 46; 24:45-47) Gli unici ai quali la Bibbia offre la speranza di sopravvivere alla ‘grande tribolazione’ sono i ‘fratelli’ di Cristo, cioè gli ‘eletti’, e la ‘grande folla’ di ‘pecore’.” [4].
In sostanza, l’ideologia geovista così descrive le condizioni del genere umano nell’imminenza dell’Armaghedon biblico:
“Quindi le circostanze relative alla fine del nostro ordine mondiale ad Armaghedon saranno simili a quelle esistite al tempo del Diluvio dell’antichità. E cioè: (1) Il pianeta Terra e la vita animale sopravvivranno; (2) la maggioranza delle persone non si accorgono del significato dei nostri tempi perché sono assorte nelle normali attività della vita; (3) la maggior parte dell’umanità non si avvede del divino avvertimento relativo ad Armaghedon; (4) quindi la maggior parte dell’umanità sarà distrutta ad Armaghedon; e (5) solo una piccola parte dell’umanità troverà favore presso Dio e sopravvivrà alla ‘guerra del gran giorno dell’Iddio Onnipotente’.” [5]
Dopo quei drammatici avvenimenti, inizierà per la terra e per i suoi abitanti un tempo di buone notizie senza precedenti. Fra quegli abitanti ci saranno i milioni di sopravvissuti alla guerra finale di Armaghedon e i miliardi di persone che verranno risuscitate dal sonno della morte.” [6]
Per rendere ancora più chiara l’indispensabilità del ruolo del Movimento nella determinazione della sorte finale dell’umanità, il geovismo precisa:
“Durante la grande tribolazione sarà altrettanto essenziale seguire la guida dello spirito santo e ubbidire alle istruzioni che Geova impartirà tramite la sua organizzazione.” [7]
Dinanzi a siffatta prospettazione, come non condividere le ragioni di chi rileva nell’ideologia geovista un’intransigente intolleranza e un bieco pregiudizio contro le altre fedi?
Consapevole della fondatezza di tali accuse, il Direttivo geovista ha tentato di porvi rimedio facendo ricorso al bispensiero orwelliano. Infatti, fin dal 1978 sono stati pubblicati diversi opuscoli indirizzati agli estranei al Movimento a scopo propagandistico [8], nei quali si prendono in esame le domande più frequenti rivolte ai Testimoni di Geova da estranei e si propongono le relative risposte. Orbene, una delle domande prese in esame è: I Testimoni di Geova pensano forse che saranno i soli a salvarsi?
Tutti i Testimoni di Geova della Terra sono esortati a rispondere a questa domanda nel modo seguente:
a)No.
b)Molti milioni di persone che sono vissute nei secoli passati e non sono state testimoni di Geova verranno risuscitate e avranno l’opportunità di ottenere la vita.
c)Molte persone ora in vita possono ancora schierarsi dalla parte della verità e della giustizia prima della “grande tribolazione” e ottenere la salvezza.
d)Inoltre, Gesù disse che non dovremmo giudicarci gli uni gli altri. Noi guardiamo l’aspetto esteriore, Dio guarda il cuore. Egli vede accuratamente e giudica con misericordia, e ha affidato il giudizio nelle mani di Gesù, non nelle nostre. — Matteo 7:1-5; 24:21 [9]
In base al chiaro insegnamento geovista, di cui abbiamo riferito sopra in estrema sintesi, la risposta alla domanda: I Testimoni di Geova pensano forse che saranno i soli a salvarsi? Dovrebbe essere un esplicito: Sì! Se il Testimone rispondesse affermativamente, ciò sarebbe esatto da un punto di vista religioso. Ma una risposta del genere sarebbe “controproducente”; immaginate quale impatto emotivo avrebbe sull’ignaro interlocutore la conoscenza della precisa risposta alla domanda circa l’identità dei sopravvissuti ad Armaghedon! Sfuggirebbero i Testimoni di Geova all’accusa di intolleranza e di esclusivismo settario? Ecco perché la risposta suggerita esordisce con un equivoco: “No” (lett. a).
           Col paragrafo b) l’interlocutore viene fuorviato perché, invece di rispondere alla questione della salvezza, il commento geovista sposta l’attenzione sul tema della risurrezione dei morti prevista dopo la conclusione dell’Armaghedon e la connessa distruzione della “maggior parte dell’umanità”; si ricordi che la domanda non verte sul tema della risurrezione, ma sull’identità di quanti sopravvivranno alla distruzione dell’attuale società umana ed entreranno, da vivi, nel “nuovo sistema di cose” paradisiaco promesso dal geovismo!
           Le affermazioni riportate al punto c) sono anch’esse fuorvianti perché distolgono l’attenzione dall’identità di chi sarà salvato, spostandola su coloro che “ora” possono schierarsi dalla parte della “verità” (quella geovista, ovviamente).
           Le osservazioni al punto d) sono irrilevanti ai fini della domanda e tendono a offrire un’immagine di apertura mentale dei Testimoni di Geova, all’apparenza pienamente rispettosi del giudizio divino.
           Perché evitare di dare una risposta diretta e chiara a una domanda così precisa, presentando argomentazioni non attinenti, fuorvianti, elusive? Perché dribblare con gli estranei su un punto fermo dell’ideologia geovista? In questo caso non è in discussione il modo in cui si porgono certe dichiarazioni di fede, bensì il fatto che si dissimula il vero contenuto dell’assunto ideologico. Si omette di esplicitare quello che i Testimoni di Geova leggono con asfissiante ripetitività nella loro letteratura:
“Il messaggio che portiamo può significare vita o morte per coloro che ascoltano. Le persone saranno giudicate in base a come reagiranno alla buona notizia (in altre parole, all’ideologia geovista)”. [10]
“Fra la moltitudine di persone che rischiano di essere annientate se non accettano la buona notizia ci sono i parenti increduli, i vicini di casa, i colleghi di lavoro, i compagni di scuola e i conoscenti” [11]!
Ecco, quindi, ancora una volta all’opera la strategia della “guerra teocratica” in base alla quale, per i Testimoni di Geova, il comando evangelico di dire la verità al prossimo “non significa che dovremmo dire a chiunque ci interroghi tutto quello che vuole sapere. Dobbiamo dire la verità a chi ha diritto di sapere, ma se non ne ha diritto possiamo essere evasivi” [12]!

________________________________________
 [1] George Orwell, 1984, Milano 1984, pp. 237 e segg.
 [2] La Torre di Guardia del 1/12/1999, p. 18.
 [3] La Torre di Guardia del 1/9/1989, p. 19; si ricorda che il geovismo suddivide i “veri cristiani” in due categorie: gli “unti” (numericamente limitati a 144.000 soggetti) destinati a una vita ultraterrena al cospetto di Dio, e la “grande folla di altre pecore” con la prospettiva di una vita eterna su una Terra paradisiaca.
 [4] La Torre di Guardia del 1/10/1982, pp. 30-31.
 [5] Citazione dall’opuscolo intitolato Da Kurukshetra ad Armaghedon, e la vostra sopravvivenza, Roma 1984 pp. 17-18.
 [6] La Torre di Guardia del 15/4/1996, p. 7. Non è il caso di farsi fuorviare dal riferimento ai “milioni” di scampati all’Armaghedon, per il fatto che nel 1984 i Testimoni di Geova attivi nel mondo erano 2.652.323; quindi “i milioni di sopravvissuti” altri non sono che i soli Testimoni di Geova.
 [7] La Torre di Guardia  del 15/9/1991, p. 17.
 [8] I Testimoni di Geova nel ventesimo secolo, Roma 1978, 1979, 1992; I Testimoni di Geova: Chi sono? In che cosa credono?, Roma 2000.
 [9] Ivi, p. 28; la suddivisione della risposta in paragrafi è aggiunta per esigenze di chiarezza nel commento che segue.
 [10] Citazione dal mensile Il Ministero del Regno del febbraio 2002, p. 8 (si tratta di un periodico a diffusione interna, distribuito ai propagandisti geovisti).
 [11] Citazione dal mensile Il Ministero del Regno del settembre 2000, p. 1.
 [12] La Torre di Guardia del 15/12/1960, pp. 762 e segg.


Temi proposti

Una strategia problematica

Platone e i Testimoni di Geova

La questione del sangue

Erronea rappresentazione degli scritti di autori del passato sulla questione del sangue

La mitologia dei Testimoni di Geova

I Testimoni di Geova e il dubbio

Email

scrivici!

Per contatti, segnalazioni o quesiti clicca sulla destra ...